HOME - Interviste
 
 
03 Giugno 2021

Regolamento dispositivi medici: alcuni approfondimenti

Video intervista all’avvocato Stefanelli sulle implicazioni odontoiatriche per i dispositivi medici su misura, adattabili e personalizzabili: chi può fare cosa e quali le documentazioni necessarie


Questo Regolamento è molto impattante sul mercato, ed è molto di più di un aggiornamento del precedente”.
Così l’avvocato Silvia Stefanelli quando le viene chiesto di sintetizzare le novità per studio odontoiatrico e laboratorio odontotecnico del Regolamento 2017/745.
Un Regolamento, dice, che a differenza della precedente 93/42CEE porta un nuovo rapporto tra fabbricante ed utilizzatore di dispositivi medici (nel nostro caso studio e laboratorio), ma anche tra laboratorio in quanto fabbricante e studio in tema di vigilanza. 

Molti i temi affrontati durante l’intervista, tra questi il cercare di chiarire la differenza tra un dispositivo su misura e quello in serie ma anche le implicazioni per studio e laboratori per gli adattabili ed i personalizzabili. E su questi, sollecitata dalle domande, l’avvocato Stefanelli entra nel dettaglio con “esempi” odontoiatrici come quello dei blocchetti ceramici (dispostivi marcati CE) adattati dalla macchina che li trasforma nella forma in corone o intarsi o del “caso” dell’odontoiatria che modifica il moncone fornito dall’azienda produttrice d’impianti, ipotizzando le responsabilità dell’adattatore e quando le documentazioni previste, ad esempio il fascicolo tecnico, devono essere realizzate.  

Avvocato Stefanelli risponde anche alla domanda se il clinico, utilizzando le nuove tecnologie, può realizzare direttamente in studio, ad esempio, una corona e se si quale documentazione deve eventualmente redigere, e quali le responsabilità. 

Tra gli altri temi approfonditi si è cercato di capire se quanto realizzato dalle stampanti 3D sono dispositivi in serie o su misura, ma si è ovviamente parlato anche di responsabilità e di come comportarsi nell’utilizzo dei dispostivi medici e delle loro scadenze, chiarendo quali si potranno utilizzare fino al 2024 e quali invece rispettano la scadenza naturale.


Articoli correlati

Distinzione tra quelli che sanificano l’aria e quelli destinati alla pulizia, alla disinfezione e alla sterilizzazione dei dispositivi medici


Tra le criticità del sistema, quello dell’aggravio degli adempimenti burocratici che per le imprese produttrici di dispositivi medici si traducono in più costi. Il parere di UNIDI e...


Il Ministero pubblica il report “Rapporto sulle attività di vigilanza sui dispositivi medici” del 2019 e ricorda l’importanza della vigilanza ed il ruolo degli operatori sanitari in questo


Campagna informativa di Confartigianato odontotecnici e SNO-CNA per informare il cittadino sul nuovo Regolamento sui dispositivi medici e sensibilizzarlo sulla protesi di qualità 


Può essere anche il titolare del laboratorio a patto che ne abbia i requisiti, oppure può essere responsabile di più fabbricanti  


Altri Articoli

Roberto Fornara

Il 12 e 13 novembre – a Bologna, Palazzo della Cultura e dei Congressi – l’attività della Società Italiana di Endodonzia riparte in presenza con il Congresso Endodonzia –...


E’ il tema del Congresso Politico AIO in programma venerdì 29 ottobre a Bologna. Approfondimenti sugli aspetti legali, fiscali, etici ed assicurativi


Il riconoscimento globale dei benefici dei preparati topici contenenti fluoro, cemento vetroionomerico, fluoruro di diammina d'argento, salutato come "un enorme passo avanti per la salute orale"


La Corte Costituzionale dichiara incostituzionale il comma 4 dell’art. 15 ritenendo la norma visibilmente contraria ai principi di equità ed eguaglianza previsti dalla Costituzione. Il commento...


Acquistare dispositivi di protezione individuale e prodotti monouso in modo semplice e a prezzi concorrenziali


Corsi ECM

 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 

I più letti

 
 

Corsi, Convegni, Eventi

 
 
 
 
 
 

Guarda i nostri video

Guarda i nostri video

ECM: abbiamo fatto il punto con Alessandro Nisio