HOME - Interviste
 
 
21 Luglio 2021

I rischi di utilizzare immagini non proprie su siti e social

Il legale: non è possibile utilizzare fotografie scaricate da siti o pagine facebook senza autorizzazione. Cosa si rischia e cosa possono fare i proprietari dell’immagine per tutelarsi

Nor. Mac.

La facilità con cui oggi si può realizzare un sito internet, ma anche i vari profili social, hanno amplificato la possibilità di condividere contenuti ed immagini. Se da un lato questo è certamente un aspetto positivo, è più facile informarsi ma anche farsi conoscere, dall’altro c’è il rischio che le proprie immagini siano “rubate” ed utilizzate da altri come proprie.  Per capire cosa si rischia, ma anche quando è possibile utilizzare le immagini di altri e come fare per tutelarsi, abbiamo sentito l’avvocato Federico Montaldo (nella foto), autore del libro “Manuale di sopravvivenza per fotografi. Diritti, obblighi e privacy” (Emuse editore). 


Avvocato, è possibile pubblicare sul sito del proprio studio immagini prese da altri siti internet, attraverso Facebook o altri social?

Sebbene venga sovente ritenuto che tutto quanto si reperisca sul web sia di pubblico dominio o comunque liberamente utilizzabile, non è affatto così. Le fotografie, siano esse di natura “semplice” oppure “creativa”, attribuiscono al loro titolare, ovvero a chi ne sia divenuto cessionario, diritti patrimoniali e (nel caso di fotografia creativa, cioè coperta dal diritto d’autore) morali.Ciò non vale per le fotografie “libere da diritti”, che si possono trovare in rete (cd. licenze creative commons), nei limiti concessi dal titolare. 


Cosa rischia chi lo fa?

L’utilizzo abusivo di immagini altrui può esporre, oltra alla richiesta di rimozione dell’immagine, ad un risarcimento del danno, la cui quantificazione è soggetto a differenti variabili, connesse alla natura della foto, alla fonte da cui è stata tratta, all’utilizzo che ne viene fatto, alla durata ecc.  


Per evitarlo basta citare la fonte?

No, citare la fonte, il nome dell’autore, il sito di provenienza, non vale ad escludere l’utilizzo abusivo.


La tutela del diritto d’autore vale anche per scopi divulgativi? Per esempio un relatore utilizza durante la sua conferenza immagini scaricate da internet. In questo caso, trattandosi di scopi di divulgazione culturale, lo può fare? E se si basta citare la fonte o chiedere il permesso all’autore o all’editore se si tratta di immagini tratte da una pubblicazione cartacea o online?

In materia di diritto d’autore la legge prevede alcune eccezioni finalizzate a contemperare il diritto di privativa del titolare con l’interesse dei terzi alla conoscenza e alla circolazione delle idee, alla libertà di espressione, per uso di critica e di discussione, di ricerca scientifica o di insegnamento, a condizione che ciò non costituisca concorrenza all’utilizzazione economica dell’opera, per finalità illustrative e non commerciali. Ciò è quanto prevede l’art. 70 comma 1, l. aut., che si riferisce peraltro al riassunto, alla citazione o alla riproduzione di parti o brani di opere (e che in quanto tale ben si presta alle opere letterarie e musicali, molto meno ad opere pittoriche o fotografiche). Più attinente alla fotografia è la deroga contenuta nel comma aggiunto (1 bis, art. 70 cit.), che consente la libera utilizzazione, attraverso la rete internet, a titolo gratuito, di immagini a bassa risoluzione (concetto di per sé poco chiaro), per uso didattico o scientifico e sempre che ciò non avvenga a scopo di lucro. 


Come ci si può tutelare da chi scarica illegalmente le immagini pubblicate?

Premesso che non esiste una forma di tutela preventiva è certamente consigliabile assicurarsi che nel file fotografico, a livello del settaggio della fotocamera, siano presenti i metadati relativi all’autore della fotografia e del copyright. Si tratta di una cautela minima, ma che non tutti prendono. Altro strumento è quello di inserire watermarks sull’immagine, come per esempio il nome dello studio medico in “filigrana”.   


Sull’argomento leggi anche: 

24 Febbraio 2021: Fotografare il paziente, attenti alla sua privacy 

Articoli correlati

Interventi per le famiglie ma anche per imprese e studi professionali con utenze a bassa tensione. Ridotti alcuni oneri di sistema e l'iva per il gas


Rispondendo ad un quesito di una STP odontoiatrica le Entrate indica che il reddito delle STP deve essere considerato a tutti gli effetti come reddito di impresa, a dispetto della forma giuridica...


Rinvio di un mese per problemi sul sistema informatico che gestisce la raccolta della documentazione


agora-del-lunedi     20 Settembre 2021

Game changer….

Per il prof. Gagliani è questa la scelta che deve fare l’odontoiatra: riorganizzarsi per dare risposte alle “nuove” esigenze dei pazienti oppure arroccarsi in un giardinetto costituito di...

di Massimo Gagliani


Chi deve controllare, quali le sanzioni e come deve essere “gestito” il dipendente sprovvisto, ed i collaboratori non dipendenti?


Altri Articoli

La denuncia arriva dal Congresso SIdP di Rimini. Spese che si possono ridurre con una più attenta gestione della propria igiene orale e regolari visite di controllo


Magenga (SIASO): il Contratto Collettivo Nazionale Studi Professionali è estremamente chiaro, lo stipendio deve essere corrisposto anche se lo studio è chiuso


SUSO ed il Reparto di Ortognatodonzia della Dental School Lingotto di Torino hanno dedicato un ricordo alla figura di uno dei loro fondatori


Interventi per le famiglie ma anche per imprese e studi professionali con utenze a bassa tensione. Ridotti alcuni oneri di sistema e l'iva per il gas


“Chirurgia parodontale plastica e rigenerativa” di Daniele Cardaropoli raccoglie in maniera organica le conoscenze più attuali in tema di chirurgia parodontale. Domani...


Corsi ECM

 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 

I più letti

 
 

Corsi, Convegni, Eventi

 
 

Annunci


CERCO
OFFRO
24 Settembre 2021
Cerco odontoiatra
23 Settembre 2021
Cerco odontoiatra
 
 
 
 

Guarda i nostri video

Guarda i nostri video

ECM: abbiamo fatto il punto con Alessandro Nisio