HOME - Interviste
 
 
04 Ottobre 2013

Nuove tecnologie, i dentisti italiani sono all'avanguardia rispetto ai colleghi europei ma il mercato è limitato anche dal regime fiscale nazionale

Intervista al presidente UNIDI Gianfranco Berrutti

di Davis Cussotto: odontoiatra libero professionista


In vista del Dental Forum città di Asti abbiamo intervistato Gianfranco Berrutti -presidente UNIDI- per capire l'impatto delle nuove tecnologie nello studio odontoiatrico e nel laboratorio odontotecnico.

Dott. Berrutti, l'Industria  Dentale  Italiana, da sempre all' avanguardia, è ben rappresentata nel settore delle nuove tecnologie digitali per studio e laboratorio?

Assolutamente. L'industria italiana è apprezzata anche e soprattutto nel settore delle nuove tecnologie dove, per alcuni settori, ha fatto scuola. Questo grazie ai continui investimenti nella ricerca e nella produzione di qualità.
L'odontoiatria è una professione giovane ed in continua evoluzione e l'industria italiana, come l'industria mondiale delle settore, sta guidando questi cambiamenti che, voglio ricordare, hanno come fine quello di migliorare la qualità delle cure ed ampliare le possibilità riabilitative in funzione della salute di pazienti.
Per fare solo un esempio si pensi ai cambiamenti radicali nelle possibilità di cura data dagli impianti endo-ossei.

Gli studi e i laboratori Italiani  in fatto di nuove tecnologie sono allineati alla media degli altri paesi europei o  c'è ancora  per UNIDI  possibilità di crescita nel mercato interno?

La qualità dell'odontoiatria e dell'odontotecnica italiana non è in discussione e non a caso i nostri ricercatori sono tra i più apprezzati al mondo. Il nostro rapporto che annualmente presentiamo a Rimini ogni anno sull'andamento del mercato conferma che i dentisti e gli odontotecnici italiani utilizzano più materiali di qualità rispetto a quelli utilizzati dai loro colleghi europei. La crisi economia ed un sistema fiscale che non premia gli investimenti, soprattutto dei liberi professionisti, penalizza certamente il diffondersi non solo delle nuove tecnologia ma anche del naturale rinnovamento di attrezzature e arredi. Nonostante questo il mercato delle nuove tecnologie in Italia è buono. Secondo i dati FIDE l'Italia è il paese europeo con il maggior numero di radiografici digitali venduti: 7500 quelli venduti nel nostro Paese nel solo 2012 contro i 3.650 venduti in Germania.

Compatibilmente  con   la situazione economica, UNIDI  ha preso iniziative per favorire la vendita del made in Italy  nel nostro paese e agevolare il credito  agli studi e ai laboratori vostri clienti finali

Come UNIDI continuano a richiedere al Governo di estendere ai liberi professionisti lo stesso regime fiscale e gli incentivi per l'acquisto di attrezzature definito per le imprese. Questo è stata una delle richieste avanzate al On. Lorenzin incontrata a febbraio nella manifestazione a sostengo del settore organizzata dal Tavolo del Dentale a Roma. Invece come associazione degli industriali del settore dentale non possiamo intervenire sulle scelte commerciali dei dealer, coloro che hanno rapporti con dentisti e laboratori, in merito al credito. Comunque mi sembra che oggi il credito non sia il problema dei mancati investimenti da parte dei dentisti e laboratori, il vero problema è la mancanza di pazienti e su questo aspetto tutte le forze che rappresentano il settore dentale devono fare fronte comune e lavorare insieme. UNIDI su questo aspetto è ben presente e disponibile a mettere in campo le forze necessarie.

Articoli correlati

Il restauro degli incisivi centrali superiori trattati endodonticamente con difetti di classe III è una sfida a oggi molto impegnativa.L’obiettivo è quello di ridare...

di Simona Chirico


Il trattamento a livello odontoiatrico di pazienti in terapia cronica con anticoagulanti è ormai onnipresente nella pratica medica ambulatoriale, in quanto gli anticoagulanti...

di Lara Figini


Dopo medicina ed odontoiatria il MIUR ha pubblicato il decreto che istituisce i posti per le professioni sanitarie, Igiene Dentale compresa, per l’anno accademico 2019-2020.Rispetto allo scorso...


“Controllate se i vostri collaboratori appartenenti alle professioni sanitarie regolamentate si sono iscritti al relativo Ordine”.E’ questa la richiesta che l’Ordine dei Tecnici sanitari di...


Le bevande a base di soia sono sempre più promosse come alternative salutari al latte bovino, ma dati di letteratura ne evidenziano le differenti proprietà anticariogene e...

di Lara Figini


Altri Articoli

Tra i temi di stretta attualità su cui il Governo (o parte di esso) dice di voler intervenire -comunque lo annuncia- c’è quello del salario minimo. Che è di fatto la copia...

di Norberto Maccagno


Quando non si ha la possibilità di utilizzare trapano, anestesia, materiali per otturazioni, tra le tecniche ed i prodotti a disposizione per trattare la carie dei denti da latte, e non solo, in...


“Apprendo con grande stupore a mezzo stampa di una presunta querela che sarebbe stata sporta nei miei confronti da parte dell’ANDI – dichiara Marco Vecchietti, Amministratore Delegato e...


La Regione Toscana, con la Legge regionale n° 50, ha modificato la L.R. 5 agosto 2009 n°51 "Norme in materia di qualità e sicurezza delle strutture sanitarie: procedure e requisiti autorizzativi...


Avevano permesso ad un non laureato ed abilitato di curare i loro pazienti e per questo il giudice di Lucca ha condannato tre iscritti all’Albo per concorso in esercizio abusivo della...


 
 
 
 
 
 
 
 
 
 

Corsi ECM

 
 
 
 
 
 

I più letti

 
 

Corsi, Convegni, Eventi