HOME - Interviste
 
 
08 Ottobre 2013

La tecnologia digitale è già oggi parte integrante dello studio e del laboratorio odontotecnico. Il futuro del settore sarà esclusivamente digitale?

Intervista doppia al prof. Roberto Scotti ed al dott. Cesare Robello

di Davis Cussotto: odontoiatra libero professionista


In occasione del Dental Forum 2013, svoltosi ad Asti lo scorso sabato, sul tema della rivoluzione digitale nello studio e nel laboratorio odontotecnico, abbiamo chiesto come la pensano a due dei relatori presenti: il prof. Roberto Scotti del Dipartimento di Scienze Odontostomatologiche dell'Università di Bologna ed al dott. Cesare Robello -Socio Effettivo degli Amici di Brugg, e dell' American Academy of  Restorative Dentistry, dell'Accademia Italiana di Conservativa e del Gruppo di Studio Italiano R.V.Tucker.

Ritenete che la protesi moderna deve partire da una impronta digitale?

Prof. Scotti: La impronta digitale è solamente una parte delle possibili applicazioni delle tecnologie digitali a disposizione della professione. Le strumentazioni ad oggi disponibili consentono di rilevare impronte digitali soddisfacenti delle arcate dentarie preparate per riabilitazioni protesiche su denti naturali e implantari. Rappresentano quindi sulla base della mia esperienza clinica la migliore soluzione per una procedura virtuale di una realizzazione di un manufatto protesico. Ulteriori proposte tecnologiche saranno a breve disponibili per semplificare la procedura di impronta consentendo una maggior diffusione presso gli odontoiatri.

Dott: Robello: Il termine deve mi sembra ancora troppo assolutistico. Sotto il termine protesi esistono trattamenti molto diversi tra loro, dalla corona singola su dente naturale o impianto fino ai casi complessi anche questi su elementi naturali e impianti. Sicuramente in tutte le applicazioni e' giunto il momento di poter scegliere tra un' impronta tradizionale e quella digitale. Non necessariamente il flusso di lavoro se parte analogico deve continuare in tutti i passaggi così ma ogni singolo step sia che venga effettuato in studio o in laboratorio può essere eseguito nelle due maniere. E questo può avvenire, ripeto, anche nell'ambito dello stesso caso.
 
Ad oggi i risultati clinici ottenuti con una impronta digitale sono sovrapponibili a quelli ottenuti con la metodica classica?

Prof. Scotti:I risultati delle valutazioni in vitro della impronta digitale sottolineano la elevata qualità e ripetibilità del dettaglio della procedura.  infatti vengono eliminati tutti i cofattori condizionanti il risultato di una impronta tradizionale  quali la scelta dei materiali e la loro lavorazione o le variabili legate al fattore umano. Per valutare i  risultati clinici sono necessari ulteriori studi  longitudinali che attestino la durata delle riabilitazioni in vivo di controllo.

Dott. Robello:  Laddove si è scelta l'impronta digitale direi che oggi il risultato si possa considerare sovrapponibile, fermo restando che l'operatore ha il dovere di fare una buona impronta sia in un modo che nell' altro e con tutte le difficoltà del caso.

Per un laboratorio, uno studio  dentistico, i tempi sono maturi per migrare  verso la tecnologia digitale?
 
Prof. Scotti: La tecnologia digitale e ormai parte integrante della professione odontoiatrica e odontotecnica. L'applicazione dei sistemi CAD CAM alla odontoiatria ha rappresentato il mezzo per produrre manufatti protesici di elevato livello, standardizzandone la qualità e consentendo la lavorazione di materiali altrimenti difficilmente impiegabili.

Dott. Robello: Il laboratorio a mio avviso e' quello che maggiormente deve essere attento a queste nuove tecnologie e da queste dipenderà sempre di più.

Articoli correlati

La prevalenza di edentulismo tra gli anziani di età ≥65 anni fortunatamente sta diminuendo in gran parte del mondo industrializzato, mentre è in aumento nei paesi in via di...

di Lara Figini


Quella che conviene dal punto di vista dei costi


Le reazioni allergiche e di ipersensibilità ai materiali da impronta che si possono verificare durante i trattamenti dentali non sono poi così rari, più che altro se ne parla...


Il volume rappresenta un punto fondamentale per il protesista, affrontando non solo i problemi legati all'impronta ma anche quelli clinici, la preparazione, la merceologia. Un vero e proprio trattato...


Altri Articoli

Quando non si ha la possibilità di utilizzare trapano, anestesia, materiali per otturazioni, tra le tecniche ed i prodotti a disposizione per trattare la carie dei denti da latte, e non solo, in...


“Apprendo con grande stupore a mezzo stampa di una presunta querela che sarebbe stata sporta nei miei confronti da parte dell’ANDI – dichiara Marco Vecchietti, Amministratore Delegato e...


La Regione Toscana, con la Legge regionale n° 50, ha modificato la L.R. 5 agosto 2009 n°51 "Norme in materia di qualità e sicurezza delle strutture sanitarie: procedure e requisiti autorizzativi...


Avevano permesso ad un non laureato ed abilitato di curare i loro pazienti e per questo il giudice di Lucca ha condannato tre iscritti all’Albo per concorso in esercizio abusivo della...


In vista del termine del triennio formativo e dell’obbligo per medici ed odontoiatri iscritti all’Albo di ottemperare al debito formativo previsto l’OMCeO Milano, sul proprio sito,...


 
 
 
 
 
 
 
 
 
 

Corsi ECM

 
 
 
 
 
 

I più letti

 
 

Corsi, Convegni, Eventi