HOME - Interviste
 
 
19 Dicembre 2013

Come funzionano le società tra professionisti rispetto alle altre forme di associazione. Quando sceglierle?

Guarda l'intervento del dott. Alessandro Terzuolo

Nel 2012 il Parlamento ha approvato la norma che prevede la possibilità di costituire società tra professionisti in cui siano presenti anche soci di capitale o soci non professionisti.

La noma, ed i successivi decreti, definiscono le regole per la loro costituzione, ma manca ancora l'indicazione sui vantaggi fiscali che questa nuova forma societaria godrà. E la mancanza di queste indicazioni è una delle cause del loro scarso appeal tra i professionisti italiani.
Oggi si preferisce costituire uno studio associato oppure una società a responsabilità limitata.

Ma quali sono le caratteristiche delle società tra professionisti rispetto alle altre forme societarie o di aggregazione?

Ne ha parlato il dott. Alessandro Terzuolo, dottore commercialista in Torino al terzo Congresso Politico AIO.

Gli abbiamo chiesto di sintetizzare il suo intervento nel video che vi proponiamo sotto.

Articoli correlati

Sulle società tra professionisti -il 6 aprile scorso è stato pubblicato sulla Gazzetta Ufficiale il regolamento che entra in vigore lunedì 22 aprile- interviene il presidente...


La FNOMCeO prende atto della delibera dell’AGCM sulle quote societarie delle StP ma ritiene che l’interpretazione letterale della norma di cui all'art. 10, comma 4, lett. b), legge n....


Lo spirito dei DiDomenica è quello di portare un parere diverso sui temi che settimana dopo settimana vengono toccati. Un punto di vista volutamente differente da come la potrebbe pensare un...

di Norberto Maccagno


Ad indicarlo è la delibera del 22 maggio 2019 dell’Autorità̀ Garante della Concorrenza e del Mercato (pubblicata oggi sul bollettino dell’Autority) che segnala “le limitazioni della...


Il Consiglio Direttivo dell'Ordine dei Medici Chirurghi e Odontoiatri di Milano, su proposta del presidente Roberto Carlo Rossi e del presidente CAO Andrea Senna, ha dato mandato di richiedere al...


Altri Articoli

I principali interventi del piano strategico FDI per i prossimi anni, ma la priorità è sensibilizzare gli Stati sulla promozione della salute orale


Operazione del NAS che oltre allo studio dentistico porta la chiusura di una casa di cura senza autorizzazione e di un laboratorio di analisi dove i prelievi venivano fatti da un impiegato


Di Fabio (ANDI Milano e Lodi): con la terza media è possibile fare il Ministro ma non l’Assistente di Studio Odontoiatrico


Attenzione ai messaggi ricevuti attraverso PEC, possono contenere programmi malware, a rischio anche quelli che sembrano provenire dall’Agenzia delle Entrate o dall’Ordine


L’autore del saggio di EDRA sul nuovo passaparola, commenta le inziative di CED e FNOMCeO e consiglia i dentisti su come favorire quelli positivi


 
 
 
 
 
 
 
 
 
 

Corsi ECM

 
 
 
 
 
 

I più letti

 
 

Corsi, Convegni, Eventi