HOME - Interviste
 
 
14 Gennaio 2014

Restare uniti, credere nella formazione, puntare sui giovani e guardare all'estero

L'anno che verrà. Il commento di Nicola Perrini Presidente Amici di Brugg

Mi si chiede di formulare qualche previsione su come si presenterà nel 2014 la professione e su quali direttrici si muoverà la nostra Associazione.
Partiamo subito dalla professione, purtroppo non ci vorranno troppe parole per manifestare il nostro più totale pessimismo verso il 2014.

La fine del tunnel non la vediamo ancora, e quel che è peggio, ci rendiamo ormai conto che quando ne saremo usciti ci troveremo di fronte ad un paesaggio completamente diverso da quello che avevamo lasciato: più misero, privo di attrattive, con meno luce e più nuvole del previsto. Insomma i bei tempi sono irrimediabilmente passati: dovremo abituarci a misurare le aspettative professionali ed economiche con un metro più corto che tenga conto delle risorse sempre più ridotte e del numero crescente di Colleghi con i quali spartire la poca torta rimasta sul piatto. 

Se non si pone un freno alle leggi attuali, il numero dei laureati in odontoiatria in Italia è destinato a crescere in misura proporzionale a quanto diminuirà la domanda di assistenza nei prossimi anni. E si badi bene, la crisi non è più solo appannaggio di settori costosi e sofisticati, quali l'implantologia, ma si sta rapidamente estendendo alle discipline di base, come la conservativa e la protesi.

Aspettiamoci di vedere un numero sempre maggiore di neolaureati  "valigettari", free lance in giro per gli studi affermati in cerca di lavoro, magari anche con qualificazione diversa,  come quella inerente all'igiene orale o alla componente estetica del viso.

Mi si chiede in merito al futuro della ricerca, ma anche in questo caso debbo sottolineare come non si siano fatti significativi passi in avanti ormai da diversi anni, e questo, a quanto mi risulta, non solo in Italia, ma nel mondo intero.

La tecnologia invece è cresciuta sì molto, soprattutto grazie all'informatica, ma in vari casi, quali ad esempio l'uso indiscriminato del Cad -Cam, ha finito per penalizzare alcuni aspetti della professione facendo credere, a noi dentisti, di essere in grado di operare in campi che tradizionalmente erano riservati ai nostri preziosi collaboratori odontotecnici.
Insomma è tutto un mondo che cambia e, secondo me, riuscirà a sopravvivere chi di noi sarà in grado di accettare la nuova, ridotta dimensione della professione odontoiatrica.

E questa considerazione mi introduce al successivo argomento di riflessione che mi è stato richiesto.
Cosa faranno di speciale nel 2014 gli Amici di Brugg per i propri Soci?

In primo luogo continueranno l'attività formativa con un occhio particolarmente indirizzato ai giovani. Dobbiamo farli crescere, rappresentano il nostro domani, vogliamo che siano i protagonisti di un tempo ormai prossimo in cui la nostra generazione passerà la mano. Questo è il motivo dominante per cui il 57°Congresso debutterà giovedì mattina 22 maggio con la presentazione del  Brugg's Gymnasium, una iniziativa che si rivolge ai giovani Amici di Brugg under 35.
Con una tecnica che abbiamo già sperimentato con successo a Santa Margherita Ligure nelle due ultime edizioni del Closed Meeting dedicato ai Soci Effettivi, saranno appunto i nostri giovani (odontoiatri ed odontotecnici) a salire alla ribalta presentando al pubblico presente in sala le loro soluzioni per casi clinici, semplici o complessi, inerenti tutte le discipline.
La migliore relazione verrà scelta dai nostri moderatori e ripresentata al Closed Meeting del prossimo anno, nonché riprodotta sulla rivista Odontoiatria e sul sito AdB. Si offrirà così l'opportunità agli elementi di spicco di emergere e farsi luce in un parterre di Colleghi attento e preparato come può essere quello  dai Soci del nostro Sodalizio.

Maggior attenzione e fiducia dunque ai giovani: questo è il primo traguardo che ci prefiggiamo.  Come secondo obiettivo desideriamo raggiungere una migliore visibilità sul piano internazionale, è ora che la nostra Associazione superi i limiti di una ristretta territorialità e si presenti al pubblico dei paesi stranieri.
Già sono numerose le richieste di colleghi esteri che desiderano partecipare al nostro Congresso, dunque provvederemo ad installare un sistema di traduzione simultanea onde consentire la piena fruibilità dei nostri temi anche in lingua inglese.

L'anno prossimo parteciperemo al Dental Schau di Colonia con un nostro spazio espositivo per consentire al pubblico tedesco, e non solo, di iscriversi al nostro 58° Congresso. In questa luce desidero qui accennare ad un nuovo traguardo che abbiamo raggiunto con la nostra rivista Odontoiatria che dal numero di maggio farà parte della prestigiosa scuderia di Quintessence International.
Dunque è questa la nostra  ricetta per sopravvivere alla crisi incombente. Restare uniti, credere nella formazione, puntare sui giovani e guardare all'estero, almeno all'Europa che può rappresentare una fonte importante di nuovi mercati.

Nicola Perrini: Presidente Amici di Brugg

Articoli correlati

E’ certamente “l’associazione culturale” odontoiatrica più longeva e da sempre Amici di Brugg“significa reciprocità di un gruppo di Odontoiatri ed Odontotecnici che si...


Nel 2016 il Congresso degli Amidi di Brugg raggiungerà il traguardo delle 59 edizioni. Molte le novità a cominciare dalla data, Aprile ed alla città che lo ospiterà:...


Il 59° Congresso degli Amici di Brugg, differentemente da quanto annunciato poco prima delle vacanze estive, si svolgerà a Milano presso il Centro Congressi Milan Marriott Hotel, dal 7 al 9...


Con il 58° Congresso degli Amici di Brugg si è interrotta la collaborazione tra Amici di Brugg, organizzatore del congresso scientifico, ed UNIDI, organizzatore della mostra merceologica,....


Altri Articoli

Un corso FAD EDRA (25 crediti ECM) fa il punto sulla diagnosi e cura delle patologie periapicali di origine endodontica. Il Corso è curato dal prof. Fabio Gorni


Seeberger (FDI): decisione storica, ora la si deve mettere in pratica in ogni singola Nazione per ridurre le disuguaglianze in tema di salute


Il Segretario Magenga risponde alla lettera del presidente Di Fabio sui requisiti necessari in tema di istruzione per  accedere al corso per ASO 


Una Delibera del Comitato Centrale sottolinea come non sia un documento ufficiale FNOMCeO ma un documento “tecnico di sintesi” elaborato autonomamente dalla CAO


La mappa delle oltre 5 mila società censite da ENPAM, previsto un gettito di oltre 7 milioni di euro. Controlli e sanzioni: previsti “incroci” con i dati delle Entrate 


 
 
 
 
 
 
 
 
 
 

Corsi ECM

 
 
 
 
 
 

I più letti

 
 

Corsi, Convegni, Eventi