HOME - Interviste
 
 
05 Marzo 2014

L'implantologia secondo Ezio Burna e Andrea Fabianelli. Sfoglia un capitolo del loro libro


La protesi su impianti è l'argomento del libro di Ezio Bruna e Andrea Fabianelli (nella foto) edito da Edra/Lswr dal titolo "La Protesi Implantare Vantaggi, problemi e soluzioni pratiche".
Ne abbiamo parlato con gli autori in un'intervista che si è rivelata un'occasione anche per fare il punto sull'implantologia "pratica".

Quali secondo voi sono i punti di forza del libro?

Il volume è destinato al dentista, inteso come clinico che affronta le problematiche quotidiane della protesi e nello specifico dell'implantoprotesi. Non abbiamo voluto fare un testo di "sperimentazione" implantoprotesica, ma focalizzarci su metodiche routinarie e di semplice attuazione proprio per permettere a tutti i colleghi di affrontare una riabilitazione protesica su impianti in maniera più predicibile possibile.
I punti di forza sono la possibilità di poter seguire passo dopo passo l'iter protesico della riabilitazione con la possibilità di poter valutare le eventuali criticità e le complicanze. Il tutto viene affrontato basandosi sulla letteratura prodotta e sulle metodiche implantoprotesiche utilizzate dagli Autori. Riguardo le complicanze abbiamo voluto suggerire i possibili metodi per superarle.

Tra progettazione chirurgica e protesica quale è l'aspetto più importante.

Sia la progettazione protesica che quella chirurgica, secondo noi, sono fattori importanti per il successo implantoprotesico.
Infatti dopo la fase progettuale protesica, considerati indicazioni e rischi, sarà il chirurgo che dovrà precisare la fattibilità e la predicibilità della fase chirurgica stessa.

Spesso l'insuccesso in implantologia è causato da una protesi mal eseguita o progettata. Come mai? I dentisti sono più bravi chirurghi che protesisti?

L'insuccesso di per se ha molti padri e non è corretto generalizzare "incolpando" l'ultimo operatore che ha toccato il paziente, solitamente il protesista . La biologia stessa non ci permette ad oggi di individuare con certezza i responsabili di un insuccesso, ammettendo poi che si riesca a tracciare un confine tra successo ed insuccesso stesso. I fattori responsabili dell'insuccesso possono essere molteplici e, ad oggi, non completamente conosciuti. L'unica azione saggia che seguire, appunto, è quella di effettuare le nostre riabilitazioni implantoprotesiche utilizzando procedure supportate dalla letteratura, almeno fino a quando...uno studio più recente non le metta in discussione!!!

Per voi quali sono i passaggi fondamentali per una protesi su impianti di successo?

I passaggi più importanti per una protesi supportata da impianti sono certamente la conoscenza del caso specifico e più in generale delle regole dell'implantoprotesi, un corretto progetto, una corretta esecuzione dei protocolli protesici prescelti, un laboratorio alla altezza e ultimo ma non ultimo, un corretto programma di controlli post riabilitazione.

Sfoglia il capitolo 6 del libro cliccando sul bottone rosso sotto.



Articoli correlati

In vista del Congresso della Digital Dental Academy che si terrà a Parma il 24-25 marzo dopo aver sentito Roberto Spreafico e Massimo Nuvina abbiamo sentito Franco Brenna (nella foto), un...


Walter Devoto, libero professionista in Sestri Levante (Ge) è sicuramente un "esperto" in tema di odontoiatria estetica: membro della Academy of Operative Dentistry, socio attivo della...


Sabato prossimo, 11 marzo presso il palazzo Pirelli di Milano, il Sindacato Italiano Assistenti di Studio Odontoiatrico celebrerà il suo Congresso nel decennale della costituzione.Una...


Nei giorni scorsi il presidente della CAO di Roma, Brunello Pollifrone (nella foto), è stato convocato dall'Autorità Garante della Concorrenza e del Mercato a seguito della sua denuncia...


Altri Articoli

Maria Costanza Meazzini guiderà ECPCA fino al 2013, durante il suo mandato l’organizzazione del Congresso internazionale a Milano. Le Congratulazione del Governatore Fontana


Il Garante della Privacy dà il via libera al MEF per inserire tra le professioni che devono inviare i dati, anche quelle iscritte ai nuovi Albi delle professioni sanitarie che fatturano al paziente


Interessante decisione della CCEPS chiamata a giudicare la sanzione ad un direttore sanitario per mancata vigilanza in tema di abusivismo e quando decorre la prescrizione del reato 


A finire nei guai tre diplomati odontotecnici, un assistente alla poltrona e un direttore sanitario. In provincia di Forlì-Cesena chiuso studio senza direttore sanitario 


Al Congresso SUMAI si è parlato anche di odontoiatri nel SSN: Magi, Ghirlanda, Fiorile pronti al dialogo con il Ministero per cercare di risolvere la questione


Corsi ECM

 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 

I più letti

 
 

Corsi, Convegni, Eventi