HOME - Interviste
 
 
15 Maggio 2014

Sabato i dentisti ANDI in piazza per l'Oral Cancer Day. L'impegno della Fondazione ANDI per promuovere la salute orale e la solidarietà. Intervista al presidente Mancini


Sabato 17 maggio, per l'ottavo anno consecutivo, i dentisti ANDI scenderanno nelle piazze italiane per incontrare i cittadini per sensibilizzarli verso la prevenzione del tumore del cavo orale e per un mese offriranno viste preventive gratuite Grazie all'Oral Cancer Day. Un evento che negli anni ha permesso non solo di sensibilizzare gli italiani verso la prevenzione di questa grave forma tumorale ma di fare conoscere l'atto medico della cura odontoiatrica.
Per sapere le novità di questa edizione dell'Oral Caner Day e più in generale le attività della Fondazione ANDI onlus che da alcuni anni organizza l'evento, abbiamo intervistato il suo presidente il dott. Giovanni Evangelista Mancini.

L'Oral Cancer Day è un evento che nonostante gli anni gode di ancora molto sostegno ed entusiasmo da parte dei dentisti ANDI. Quali sono le conferme e le novità per questa ottava edizione?

L'Oral Cancer Day è un evento molto sentito dai soci ANDI che ogni anno partecipano con impegno e a titolo volontario alla buona riuscita dell'iniziativa, mettendosi a disposizione dei cittadini per spiegare loro i fattori di rischio e le regole per una corretta prevenzione del tumore del cavo orale. Tra le conferme di questa edizione c'è sicuramente il format rivelatosi, negli anni, un vero successo e che prevede una giornata, sabato 17 maggio, con i gazebo nelle piazze di tutta Italia, e poi un mese di visite gratuite negli studi, dal 19 maggio al 19 giugno. A dimostrare il coinvolgimento dei nostri colleghi sono sicuramente i numeri che per l'edizione 2014 vedono ben 99 sezioni provinciali coinvolte nell'organizzare iniziative e attività sul tema, 64 piazze presidiate dai gazebo e, al momento, 7.636 studi dentistici.
Tra le novità, sicuramente il focus dedicato al trattamento dei pazienti oncologici, grazie al quale i cittadini potranno acquisire una maggiore consapevolezza sull'importanza del ruolo del dentista in caso di chemioterapia e radioterapia e i tanti colleghi dentisti  potranno trovare utili indicazioni sull'argomento già a partire dal sito
www.oralcancerday.it e poi sulla piattaforma FAD ANDI dove è disponibile il nuovo modulo certificato ECM "Complicanze odontoiatriche in seguito a radioterapia di testa-collo".

In questi anni con l'OCD avete portato alla ribalta questa grave forma tumorale e l'importanza della prevenzione. Ora volete estendere questa attenzione alla prevenzione orale come strumento per mantenere sana la salute generale? No smoking be happy ne è la dimostrazione?

A partire dalla propria mission, Fondazione ANDI si è assunta come preciso impegno quello di generare cultura e solidarietà al fine di accrescere la salute orale e generale delle persone ma tra i nostri obbiettivi c'è anche quello di consolidare nei cittadini la consapevolezza dell'importante ruolo che la nostra categoria professionale  può avere in questo senso. Va sicuramente in questa direzione un evento come l'Oral Cancer Day a cui si aggiunge anche No smoking be happy - Per il tuo sorriso, il programma nazionale di sensibilizzazione e prevenzione che estende in ambito odontoiatrico la storica campagna ideata da Fondazione Veronesi. È ormai noto come il fumo da sigaretta - fenomeno ancora estremamente diffuso, specialmente tra i più giovani - sia tra le principali cause di molti tipi di malattie, dal tumore all'infarto, ma molto meno note sono invece le conseguenze che ha sulla salute del cavo orale: danni ai tessuti orali e periorali ma anche al viso con ricadute, spesso pesanti, sulla sfera personale e sociale del fumatore. Un fumatore appare ad esempio molto più vecchio di quanto non sia, presentando un aspetto tipico con pelle grigiastra, lieve affondamento delle guance e rughe caratteristiche che si irradiano dalle labbra e dagli angoli degli occhi. Fumare, inoltre, rende l'alito sgradevole e facilmente avvertibile. Obiettivo del nostro intervento come professionisti è quello di  motivare i pazienti a prevenire tutte le malattie fumo-correlate attraverso l'adozione di corretti stili di vita.

Così come l'OCD aiuta a promuovere la figura del dentista, avete altri progetti in tal senso?

Si colloca in questo ambito Aiutiamo a salvare vite il progetto, ideato dalla nostra Fondazione insieme ad ANDI, con l'obiettivo di incrementare e diffondere all'interno degli studi odontoiatrici la cultura della sicurezza a favore dei nostri pazienti. Prenderanno infatti il via a settembre i primi corsi teorico-pratici certificati sulla gestione dell'emergenza medica dedicati ai dentisti e agli operatori dello studio. Il programma, che si articolerà su tutto il territorio nazionale, è rivolto ai soci, ai loro collaboratori e a tutto il personale di studio affinché possano acquisire o implementare le conoscenze e le competenze necessarie ad attuare interventi sanitari d'emergenza, come le manovre BLS-D e disostruzione delle vie aeree per adulti e bambini, in attesa dell'arrivo del 118. Obiettivo  finale, e a più lungo termine, è quello di creare una vera rete di istruttori  BLS-D  tra i soci ANDI in modo che siano loro stessi in grado di tenere sia dei nuovi corsi di certificazione che le sessioni d'aggiornamento biennali.
Questo progetto ha inoltre lo scopo di contribuire ad accrescere la cultura della medicina d'emergenza e di primo intervento e di consolidare la figura del dentista ANDI quale professionista sanitario sempre attento alla sicurezza dei propri pazienti e non solo.

Articoli correlati

Fino all’8 giugno visite di controllo gratuite e screening presso gli studi dentistici ANDI


Torna domani sabato 13 maggio, per l'undicesima volta l'Oral Cander Day, evento organizzato da Fondazione ANDI Onus quest'anno in sinergia con CAO Nazionale, COI AIOG - Cenacolo Odontostomatologico...


Forse non tutti sanno… anzi, sicuramente non tutti sanno che il carcinoma orale è l’ottava forma tumorale più diffusa al mondo, che è in aumento nei paesi industrializzati e che proprio i...


Il tumore del cavo oraleAlcuni dati:7% di tutti i carcinomi nell'uomo1% di tutti i carcinomi nella donna6000 nuovi casi diagnosticati ogni anno4500 maschi morti (tra 35-65 anni) ogni anno1000 femmine...


Altri Articoli

Quando la tecnologia elide l'imperfezione, nel rispetto dell'idea di tempo ben speso, è allora che la sintesi tra intelligenza artificiale e umana conquista vette altissime. Altrimenti si riduce ad...


“C’è ancora molta incertezza sulla questione dell’inquadramento contrattuale delle ASO per l’esenzione dall’obbligo di conseguimento dell’attestato di qualifica professionale previsto...


AIO sta valutando “molto concretamente” l’ipotesi di un ricorso al Tar Lazio, per modificare l’articolo 19 dell’Accordo Collettivo Nazionale degli Specialisti ambulatoriali con il Servizio...


Successo delle “Giornate in piazza di prevenzione orale”, progetto organizzato da UNID in alcune piazze italiane per promuovere salute orale, la correlazione tra le patologie odontoiatriche e le...


Si chiama “Costituente delle Idee” il progetto presentato dal PD che lo definisce “uno strumento per chiamare a raccolta una parte del Paese che vuole combattere”. “Dovrà essere una...


 
 
 
 
 
 
 
 
 
 

Corsi ECM

 
 
 
 
 
 

I più letti

 
 

Corsi, Convegni, Eventi