HOME - Interviste
 
 
01 Ottobre 2014

Il futuro della professione odontoiatrica secondo il prof. Pera che boccia l'approccio alla chirurgia guidata implantare


Sabato 4 ottobre avrà luogo presso UNI Asti Studi Superiori  il 4° Dental Forum che tratterà di: Tecniche implantoprotesiche a confronto  e Tu sarai uno dei protagonisti. Tra i relatori il prof. Paolo Pera,direttore del Dipartimento DI.S.T.BI.M.O. dell'Università di Genova.

Paolo, ritieni che la crisi economica  e l'aumento dell' età media abbaino modificato le richieste del paziente?

La crisi economica sta lavorando, purtroppo come un severo setaccio . Credo che l'unico modo per affrontarla sia investire nel miglioramento delle  proprie competenze e nella qualità delle prestazioni erogate ai nostri pazienti.

Alla luce delle recenti raccomandazioni cliniche del Ministero è  possibile conciliare la qualità con i costi in protesi? 

Ho già vissuto, come  i colleghi non più giovani, l'epoca del turismo odontoiatrico in Olanda con la promessa della protesi totale in un giorno. Come allora il low cost si unisce alla low quality. Non solo non debbono influenzare i protocolli terapeutici, ma devono sempre più obbligare i dentisti a proporre soluzioni predicibili, nel rispetto dei principi biologici e della qualità .

La  chirurgia implantare computer guidata  è una moda o una  esigenza reale?

La chirurgia impiantare guidata è stata proposta e utilizzata come una scorciatoia nella curva di apprendimento del chirurgo implantare. Questo tipo di approccio non e' corretto.

Dal  protocollo di  Branemark ai software 3D che guidano la mano del chirurgo i cambiamenti sono stati notevoli. Con la  tua esperienza di clinico e di docente universitario cosa vedi nel prossimo futuro?

Oggi l'evidenza scientifica lega, indiscutibilmente, il risultato implantare alle qualità professionali del dentista. In quest'ottica, fortunatamente per i dentisti, gli strumenti tecnologici possono migliorare le informazioni diagnostiche pre-chirurgiche per un corretto posizionamento implantare,ma non possono sostituire la mano del dentista e tutte le necessarie acquisizioni di competenze che la guidano

 A cura di: Davi Cussotto, odontoiatra libero professionista Twitter @DavisCussotto

Articoli correlati

Sono le norme a condizionare la professione odontoiatrica o sono in realtà le scelte dei pazienti? Quanto il mondo dell'odontoiatria sarà condizionato dal cittadino, sempre più...


È stato forte e chiaro il messaggio che AIDI e UNID, le associazioni degli igienisti dentali, hanno voluto lanciare alla politica e alle istituzioni relativamente alle tematiche che riguardano e in...


Altri Articoli

Nei giorni scorsi il Sole 24 Ore ha pubblicato un bilancio del primo anno di fatturazione elettronica, in realtà come spesso capita con la pubblica amministrazione i dati non sono proprio...

di Norberto Maccagno


Il racconto di un caso di odontoiatria legale consente alla dott.ssa Maria Sofia Rini di portare alcune considerazioni sul rapporto fiduciario medico paziente


Per il presidente CAO Cuneo la questione è il diritto del paziente ad affrontare il pagamento come crede  e senza discriminare il privato verso il pubblico


Organizzato per giovedì 23 gennaio 2020 da ANOMEC a Milano, un evento dal titolo: “Costi di gestione dello studio e convenzioni sanitarie: due realtà incompatibili?”


Circolare FNOMCeO su novità dalla finanziaria. La Federazione mettere in guardia medici e dentisti sui rischi di non avere in studio il Pos


Corsi ECM

 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 

I più letti

 
 

Corsi, Convegni, Eventi

 
 
 
 
 
 

Guarda i nostri video

Guarda i nostri video

Nuove norme su Direttore sanitario e Autorizzazioni