HOME - Lettere al Direttore
 
 
19 Novembre 2018

‘’Gli Ordini verificano tutti gli scritti e non solo chi lavora nelle Catene’’. Le precisazioni del presidente CAO di Ferrara all’AD di DentalPro


Egregio Direttore, spero mi sia consentita una replica alle affermazioni dell'AD di DentalPro e Presidente ANCOD, Michel Cohen pubblicate dal vostro giornale a commento della Sentenza del Consiglio di Stato sulla vicenda che riguarda una loro clinica a Santo Stefano di Magra. 

Gli Ordini e le varie CAO al loro interno, proprio in quanto Enti Pubblici ausiliari del Ministero della Salute, avendo come primo scopo la salvaguardia della tutela della salute pubblica, sono tenuti a vigilare sul corretto esercizio della professione medica ed odontoiatrica. Ne consegue che la vigilanza comporta anche la verifica del rispetto delle Leggi vigenti anche se, per l'AD, contengono quelli che lui definisce "cavilli".  

Purtroppo, la realtà ha più volte dimostrato che dietro al mancato rispetto di quei "cavilli" si celavano attività che, oltre a violare diverse norme (non solo in ambito sanitario), avevano creato danni ai cittadini anche dal lato economico. Quindi, un controllo da parte degli Ordini e delle CAO è doveroso proprio a tutela dell'utenza.

Se l'AD continua a considerare "cavilli" questi aspetti, in quanto per lui tali, sarà anche cosa di poco conto regolarizzare quanto richiesto dalla Legge. Il cittadino sarà ulteriormente garantito dalla maggior trasparenza e correttezza. Infine, l'AD dovrebbe avere la pazienza di verificare che, almeno nella mia realtà, i controlli vengono fatti anche su altre strutture che nulla hanno a che fare con i vari "network odontoiatrici o con i nuovi modelli dell'erogazione dell'odontoiatria".  

Dott. Cesare Brugiapaglia: Presidente CAO - Ferrara 

Articoli correlati

Egregio Direttore, quando diversi anni fa le Regioni misero mano alla legge Bindi, sottoponendo ad autorizzazione le attività sanitarie libero professionali, apparve subito chiaro che, oltre...


La Regione Toscana, con la Legge regionale n° 50, ha modificato la L.R. 5 agosto 2009 n°51 "Norme in materia di qualità e sicurezza delle strutture sanitarie: procedure e requisiti autorizzativi...


La differenza tra ambulatorio e studio odontoiatrico non è data dalla tipologia della prestazione eseguita ma dalla complessità organizzativa, e già la forma societaria indica la natura...


Mi dicono che è la migliore delibera sulle autorizzazioni sanitarie fatta in Italia che da una parte tutela il paziente ma dall’altra non complica la vita allo studio odontoiatrico. A dirlo...


“Gravi irregolarità igienico sanitarie”. E’ questa la motivazione con la quale il Comune di Modena, attraverso un’ordinanza, ha disposto la sospensione dell’autorizzazione sanitaria del...


Altri Articoli

Secondo l’Associazione oltre 400 i controlli effettuati. Ecco come regolarizzare la propria posizione


Prof. Pelliccia: ‘’il dentista deve saper prendere le decisioni giuste al momento utile, vi aiutiamo a imparare a farlo’’


Assegnata in Commissione alla Camera una PdL che impone il 51% del capitale in mano all’iscritto all’Albo


Lodi: l’analisi impietosa, in evidenza contraddizioni e difetti di un sistema riservato ai ricchi


 
 
 
 
 
 
 
 
 
 

Corsi ECM

 
 
 
 
 
 

I più letti

 
 

Corsi, Convegni, Eventi