HOME - Lettere al Direttore
 
 
21 Gennaio 2019

Dentista privato e dentista pubblico. Damilano (CAO Cuneo): serve definire le competenze, individuare chi fa cosa, assegnare le responsabilità


Il recente caso del dentista romano che ha rifiutato di prestare la propria opera su un paziente sieropositivo apre interessanti spunti di riflessione su quale debba essere il ruolo dell'odontoiatra nel nostro sistema sanitario. Al momento attuale sappiamo che la quota gestita all'interno del sistema pubblico non arriva al 12%, (dati istat) risultando quindi del tutto marginale rispetto ai reali bisogni della popolazione. Fino ad oggi la domanda è stata prevalentemente soddisfatta dall'odontoiatria privata, che spesso ha dovuto vicariare al ruolo che il sistema pubblico, più o meno volutamente, non è stato in grado di interpretare.

Una serie di considerazioni: questo approccio è in grado di assicurare a tutti il giusto accesso alle cure? In base alle situazioni, ci sono ambiti  di esclusiva pertinenza pubblica o al contrario privata? E' possibile una coesistenza  collaborativa tra i due sistemi? Deve il pubblico funzionare con criteri mutuati dalla sanità privata, o piuttosto il privato adeguarsi ad avere anche  una funzione pubblica? 

E' fuor di dubbio che, per quanto costituzionalmente garantito, attualmente la platea degli esclusi da ogni tipo di prestazione odontoiatrica è piuttosto vasta, pur aumentando le evidenze scientifiche di come patologie di questo distretto incidano pesantemente sulla salute generale dell'individuo, e di come una semplice, adeguata prevenzione sia in grado di evitare altre ben più gravi, e costose per la collettività, malattie.

Nella programmazione dei fabbisogni fino ad ora questo aspetto è stato ampiamente sottovalutato, o non compreso, lasciando a scelte locali il compito di intervenire ma senza alcuna evidenza di coordinamento nazionale. Assistiamo quindi ad una estrema parcellizzazione dell'offerta di cure, con criteri di accesso, impegno economico, efficacia degli interventi estremamente diversificata.Manca, come base di partenza, una chiara definizione di quali debbano essere i livelli base di assistenza, e a quali categorie ci si debba rivolgere. Non si può pensare di aggredire efficacemente la questione senza avere un chiaro quadro di quali siano le prestazioni essenziali, quali siano i soggetti interessati, quale sia l'epidemiologia attuale e la probabile evoluzione futura.

Solo a questo punto sarà possibile effettuare una adeguata programmazione.

Occorre poi definire quali di questi interventi siano da affrontare esclusivamente in ambito pubblico, quali in ambito privato, quali da entrambi. Non si può continuare, con un'ottica "privatistica " a mettere in competizione i due soggetti, generando diseconomie  e fenomeni distorsivi, né contemporaneamente dimenticare che se spesso l'odontoiatra privato assume anche un compito sociale lo fa a sua scelta, impegnando le sue personali risorse e competenze a scapito del proprio giusto guadagno.Altrettanto importante è chiarire, una volta per tutte, quale deve essere lo standard minimo accettabile per poter esercitare, e questo vale sicuramente per il soggetto privato, ma anche purtroppo per il soggetto pubblico. Non è un mistero che alcuni ambulatori pubblici operino in condizioni di dotazione tecnologica o strutturale che le stesse leggi giudicano inaccettabili per il privato, e che i requisiti necessari all'esercizio professionale siano estremamente variabili sul territorio.

Occorre chiarire se lo scopo del privato debba essere esclusivamente la produzione di profitto, o se abbia anche compiti sociali. In questo caso va favorito con misure che, in cambio di assunzione di ruolo vicariante, permettano agevolazioni, snellimenti procedurali, sgravi fiscali o contributivi e quant' altro possa avere funzione incentivante. Ma bisogna anche definire con esattezza, e semplicità, quali siano gli obblighi burocratici, strutturali, legali da rispettare, rendendo il sistema più facilmente orientabile alla produzione di prestazioni e disboscandolo di tutti quegli adempimenti che ne ostacolano lo sviluppo e ne condizionano pesantemente i costi. In altri termini, le risorse, che anche nel privato non sono infinite, vanno orientate alla parte clinica e non alla parte amministrativa, ripensando il sistema normativo, via via sempre più incrostato da fumose incombenze, peraltro in genere  mal individuate, e scardinando l'attuale contesto che prevede norme pletoriche e mal scritte accoppiate a controlli mal eseguiti e stocastici. 

Va individuato il fabbisogno economico necessario al corretto funzionamento del comparto, non fermandosi alla mera contabilità dell'impegno immediato, ma valutando anche i costi indotti  e a lungo termine; in base alle esperienze maturate, le risorse destinate hanno dimostrato di non produrre gli effetti sperati , anzi spesso hanno determinato effetti distorsivi dove , ad esempio con il terzo pagante, il vero soggetto vincitore  è il fondo ma non i quelli realmente importanti e coinvolti, i pazienti e i professionisti.La situazione evidenziata dal caso romano richiede esattamente quanto qualunque esperto di gestione rileva come primo intervento da adottare in situazioni di crisi: definire le competenze, individuare chi fa cosa, assegnare le responsabilità.  Tutto il resto è strumentalizzazione, e stantia ideologia. 

Gian Paolo Damilano: Presidente Cao Cuneo  

Articoli correlati

L’ipotesi: remunerare i costi della prestazione attraverso forme di defiscalizzazione. Le anticipazioni dal presidente Ghirlanda in una intervista a “Il commento politico”.


Il progetto dell’Usl Sud–Est della Regione Toscana consente di ottimizzare le risorse offrendo un servizio di assistenza mirato e puntuale


Non sono certo i dati del Censis a dover confermare che la povertà, nel nostro paese, non sarebbe stata sconfitta nonostante gli annunci Pentastellati dai balconi. Basta fare un giro...

di Norberto Maccagno


Al 38° Congresso AIOP si è approfondito il tema “dell’umanizzazione” della protesi e dei pazienti fragili. Guarda la Tavola rotonda organizzata sul tema


Il presidente CAO Firenze Peirano: ‘’i progetti e la volontà della professione non manca, serve però una volontà politica che ad oggi sembra latitare’’


Altri Articoli

Straumann Group, azienda leader nel settore odontoiatrico, annuncia la nomina di Davide Marchini in qualità di General Manager e Amministratore Delegato di Straumann Group...


Obiettivo primario: fornire risposte significative ed efficaci ai diversi fabbisogni di sviluppo dei contesti e delle professionalità che operano all’interno dello studio odontoiatrico


Nel ricordo dei presidenti CAO scomparsi la prima Assemblea CAO dopo il lockdown. Uno sguardo a cosa è successo e le questioni in agenza, partendo da StP e ''Avvio della professione'' 


Le novità introdotte dai chiarimenti della Regione Lazio sulle Società Tra Professionisti spiegate dal presidente Pollifrone. Ecco cosa cambia


Dopo il DiDomenica della scorsa settimana in cui chiedevo una mano per fare alcune riflessioni sul primo passo per diventare dentisti, iscriversi al Corso di laurea, in questo affrontiamo...

di Norberto Maccagno


 
 
 
 
 
 
 
 
 
 

Speciale in Evidenza


 
 
 
 

Corsi ECM

 
 
 
 
 
 

I più letti

 
 

Corsi, Convegni, Eventi

 
 
 
 
 
 
 
 

Guarda i nostri video

Guarda i nostri video

Nuove tecnologie in studio? Le omaggia IDI EVOLUTION