HOME - Lettere al Direttore
 
 
12 Febbraio 2019

Perché l’abusivismo odontoiatrico non viene considerato con attenzione? Lo chiede il presidente CAO di Cosenza


Gentile Direttore, 

è di questi giorni l’annuncio della scoperta di un “chirurgo” che, privo di laurea, ha operato per molti anni tantissimi pazienti. Considerata la gravità della notizia, trovo giusto il clamore mediatico ed il vedere la calca di giornalisti che insegue il falso chirurgo come se fosse un fenomeno. Nessuno si è preoccupato di chiedere come sia stato possibile tutto ciò e perché chi doveva verificarne i titoli non l’ha fatto.Responsabilità che andrebbero, a mio parere, ricercate e, conseguentemente, sanzionate.

Magari, invece, gli si conferirà anche la laurea per aver svolto queste mansioni da tempo senza aver causato grossi danni. Strano paese il nostro dove migliaia di laureati devono espatriare per esercitare la professione e malfattori per anni la fanno franca.In questo caso, comunque, quello che più mi indigna è che non viene dato analogo risalto mediatico ogni qual volta si scopre una persona che esercita la professione odontoiatrica senza averne i titoli. Sembra quasi che l’odontoiatra non sia considerato un medico e che l’odontoiatria non faccia parte della sfera medica e quindi non riguardi la salute del nostro organismo. 

Siamo l’unico paese al mondo dove questo grave fenomeno viene sottovalutato e/o tollerato da decenni nell’indifferenza di tutti. 

A prova di ciò, basterebbe citare le numerose segnalazioni inviate giornalmente che non ricevono la giusta attenzione degli organismi di controllo della Regione, dei Sindaci, delle ASP. 
E’ necessario rivendicare con forza che l’odontoiatria è una branca medica, far capire che in quanto tale ha la stessa dignità e importanza di tutte le altre e che, esercitarla abusivamente senza averne i titoli e le competenze, può creare molto spesso danni irreversibili alle persone. 

Bisogna chiedersi: perché nessuno, ovviamente con le dovute eccezioni, si impegna concretamente per sconfiggere questa grave piaga sociale? 

Per l’ignoranza dei politici, per l’indifferenza delle istituzioni, per l’interesse di una fascia di cittadini o, per quella parte di professionisti che scorrettamente agevolano il fenomeno contribuendo a infondere confusione di ruoli e a screditare la categoria? 

Giuseppe Guarnieri: Presidente Albo Odontoiatri Ordine MCeO di Cosenza, Coordinatore CAO Calabria   

Articoli correlati

A Varese il NAS scopre e denuncia finto dentista che lavorava abusivamente in casa. Rinvenuti farmaci e fiale di anestetico


Lavorava senza laurea in uno studio sconosciuto all’Autorità sanitaria e senza autorizzazione. Denunciato


Denunciato a Civitavecchia per esercizio abusivo della professione di odontoiatra, falso e sostituzione di persona


Nei guai tre odontoiatri che avrebbero fatto lavorare al loro posto due odontotecnici e tre assistenti alla poltrona 


Deferite tre persone alla Procura di Reggio Emilia: i legali rappresentanti di un centro odontoaitrico ed il direttore sanitario


Altri Articoli

Alcune considerazioni di Maurizio Quaranta sul tema dell’Iva sui riuniti odontoiatrici nate da incomprensioni sulla lettura del Dl 34/2000 


Le cure odontoiatriche dovrebbero essere considerate cure sanitarie essenziali e non dovrebbero essere posticipate. Pensare alle conseguenze per gli operatori dell'applicazione dei protocolli anti...


Anelli: “In questa seconda ondata della pandemia, la violenza ha assunto forme più subdole, ma non meno gravi”. Disponibile Online il Convegno organizzato da ANDI


Celebrata una Professione ed una Associazione in continua evoluzione che bene si interseca con il concetto dinamico della salute


Concorso per esami con prova scritta ed orale. Le domande solo online entro il 17 dicembre 2020, questi i requisiti necessari per candidarsi


 
 
 
 
 
 
 
 
 
 

Speciale in Evidenza


 
 
 
 

Corsi ECM

 
 
 
 
 
 

I più letti

 
 

Corsi, Convegni, Eventi

 
 
 
 
 
 
 
 

Guarda i nostri video

Guarda i nostri video

Sileri: serve un restyling della professione ponendola come branca nobile della medicina