HOME - Lettere al Direttore
 
 
27 Maggio 2019

Il Terzo pagante non è un male, i “mostri” per la professione sono altri. Il pensiero del dott. Corradini


Gentile direttore 

Prendo spunto dal suo DiDomenica di ieri (non credo l’errore sia poi così grave e comunque ora ha specificato) per fare una considerazione sui fondi integrativi. Dallo scritto del collega Caprara emerge, invece, un anacronistico livore verso il terzo-pagante, che ancora lo si ritiene il mostro per la professione.

Secondo me un terzo-pagante etico non è da escludersi pregiudizialmente (es. Ente pubblico, Fondazione Etica) e va sperimentato per rivitalizzare una professione purtroppo sempre meno medica e per trattenere in particolare le riabilitazioni protesiche complesse, sempre più appannaggio dei colleghi dell’est Europa. 

I mostri per la professione sono altri: viaggi all’estero per motivi economici, mancanza di aggiornamento, inappropriatezze, odontotecnici in studio, signorine/ASO che lavorano in bocca, il nero, fatiscenze strutturali, tariffari non parametrati alle medie europee ecc.

Riuscire ad intercettare i vantaggi dei fondi attraverso proposte concrete è la strada da seguire, continuare a criminalizzarli non è la soluzione.

Coriali saluti.

Dott. Massimo Corradini

Articoli correlati

Per un certo periodo, quello dell’equo compenso per i liberi professionisti è stato un tema in agenda anche dai Sindacati odontoiatrici ed Ordine.L’obiettivo era quello di poter...

di Norberto Maccagno


AIO e ANOMeC sostengono progetto del senatore Ichino per modificare le norme sull’equo compenso, per garantire agli assicurati le cure del professionista di loro scelta


Da clinico e da docente universitario il prof. Gagliani porta il suo punto di vista sulla questione nata dopo il servizio della Gabanelli sui Fondi integrativi

di Massimo Gagliani


Il dott. Usoni si è fatto i calcoli di quanto costa trattare un paziente proveniente da un fondo. Calcoli alla mano lui, sembra, non starci dentro. Questo il suo racconto 


Sotto di tutti i limiti di un sistema che va profondamente riformato e che non ha trovato l’attenzione della Politica. I perché del dott. Damilano


Altri Articoli

Marin (ANTLO): ognuno a caldeggiare le proprie necessità, perché non si è fatto fronte comune? Davanti alla salute, misero rivendicare distinguo sindacali


Classificazione, rapporto con i pazienti e come le nuove tecnologie possono aiutare la cura, sono tra gli argomenti affrontati nel video incontro con la dott.ssa Morena Petrini


Il presidente Landi su Open Access Government: la pandemia può essere un’opportunità per favorire l’accesso alle cure odontoiatriche e ripensare il futuro del settore


ANTLO incaricata dalla Regione di raccogliere i dati di tutti i titolari di laboratorio, socie e dipendenti inserendoli nel sistema di prenotazione della Regione


L’Associazione Odontoiatria Privata Italiana scrive la Ministro Speranza: ''mettiamo a disposizione i nostri studi quali ulteriori punti di vaccinazione''


 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 

Corsi ECM

 
 
 
 
 
 

I più letti

 
 

Corsi, Convegni, Eventi

 
 
 
 
 
 
 
 

Guarda i nostri video

Guarda i nostri video

La professoressa Antonella Polimeni si racconta