HOME - Lettere al Direttore
 
 
29 Maggio 2019

Formazione e riconoscimento qualifica ASO, il dott. Corradini propone 3 soluzioni


Recentemente intervenivo in tema ASO, più specificatamente per auspicare un paritario ingresso anche ai soggetti di genere maschile (infatti si parla sempre di ASO-rosa) e per stimolare le CAO, presente per legge nel Comitato scientifico di ogni scuola regionale, a collegare l’ASO all’Autorizzazione Sanitaria, specie per le Strutture legittimate controllabili dall’Ordine, le StP (oggi dimenticate), che non dovrebbero sorvolare sulla deontologica formazione del personale ASO. 

In questi giorni si è acceso il dibattito sui corsi Regionali ASO. Interessante e puntuale l’intervento del presidente CAO Raffaele Iandolo, ma anche quello del segretario SIASO Fulvia Magenga: il primo propone di emendare il DPCM ASO 2018, la seconda critica la competenza degli estensori dei disposti locali. Intervengo allora nuovamente per proporre una semplice soluzione alle criticità da loro segnalate.Il Personale storico esentato dalla formazione, quello che appunto ha i requisiti dei 36 mesi in 5 anni, con contratto corretto o “fantasioso” che sia (ma tutti senza qualifica formativa), potrebbe richiedere la frequenza volontaria dei corsi brevi , quelli appunto previsti per la  qualificazione di dipendenti recenti,  così ottenendo anche loro l’attestato di formazione istituzionale.   

Con quali motivazioni gli si potrebbe negare il diritto di formazione volontaria? Poi: in art. 2 Formazione del citato DPCM, al Punto 3, ben si precisa che una via formativa è l’Apprendistato e quindi anche questo percorso parallelo è idoneo all’acquisizione della Qualifica, ma anche in tal caso non è chiaro nella norma chi è deputato poi al rilascio dell’Attestato. Anche questo contingente potrebbe avere problemi futuri per il riconoscimento o rioccuparsi.

Un conto è presentare un Attestato di Qualifica, altro invece spiegare di ritrovarsi in regimi derogatori e/o di sanatoria.

Pensiamo cosa succederebbe in occasione di auspicabili Concorsi Pubblici: cosa produrranno i Derogati storici e/o con Apprendistato, per non essere discriminati rispetto ai neoformati?
Ovviamente chi si accontenterà dell’esenzione formativa (art.11 DPCM –ASO 2018) e si limiterà alle 10 ore annue di aggiornamento, liberissimo di farlo. 

In buona sostanza dovrebbero sussistere 3 tipologie di corso ASO:
1. Libero di 700 ore.
2. Obbligatorio per assunti post 21 aprile 2018 e fino al 21 aprile 2020, abbreviato.
3.  Volontario per personale derogato ex art.11 DPCM 9 febbraio 2018 e/o che ha completato l’Apprendistato, e/o che non ha l’inquadramento contrattuale corretto.(2 e 3 potrebbero essere accorpati) 
Oppure uno unico che raccolga, caso per caso, le specificità del Corsista. 

Dott. Massimo Corradini – Trento

Articoli correlati

Il Segretario Magenga risponde alla lettera del presidente Di Fabio sui requisiti necessari in tema di istruzione per  accedere al corso per ASO 


Di Fabio (ANDI Milano e Lodi): con la terza media è possibile fare il Ministro ma non l’Assistente di Studio Odontoiatrico


Magenga (SIASO), la nostra figura professionale ci impone anche di avere un codice comportamentale, come sindacato lo abbiamo indicato


Presentate le integrazioni al programma di odontoiatria sociale già attivo nella Regione.


Austa (CAO Asti): serve chiarezza su quelli che possono garantire l’esenzione dall’obbligo di attestato ASO


Altri Articoli

Un corso FAD EDRA (25 crediti ECM) fa il punto sulla diagnosi e cura delle patologie periapicali di origine endodontica. Il Corso è curato dal prof. Fabio Gorni


Seeberger (FDI): decisione storica, ora la si deve mettere in pratica in ogni singola Nazione per ridurre le disuguaglianze in tema di salute


Il Segretario Magenga risponde alla lettera del presidente Di Fabio sui requisiti necessari in tema di istruzione per  accedere al corso per ASO 


Una Delibera del Comitato Centrale sottolinea come non sia un documento ufficiale FNOMCeO ma un documento “tecnico di sintesi” elaborato autonomamente dalla CAO


La mappa delle oltre 5 mila società censite da ENPAM, previsto un gettito di oltre 7 milioni di euro. Controlli e sanzioni: previsti “incroci” con i dati delle Entrate 


 
 
 
 
 
 
 
 
 
 

Corsi ECM

 
 
 
 
 
 

I più letti

 
 

Corsi, Convegni, Eventi