HOME - Lettere al Direttore
 
 
10 Giugno 2019

‘’Dentisti razza strana, anche di sociologi’’. Il prof. Gagliani su concorrenza, pletora, luoghi comuni e buona salute orale dei cittadini


Caro Norberto 

il tuo ultimo “Didomenica” – senza che ci siamo messi d’accordo, pur lavorando noi sotto lo stesso tetto – mi trova particolarmente stimolato perché quello della “crisi odontoiatrica” è un tema che mi affascina, pur avendo io pochi strumenti per analizzarlo.
Questa credo sia la grave colpa del settore: la colpa è proprio quella di assegnare al dentista stesso il ruolo del sociologo. Lo segnali tu stesso: quasi 4/5 dei colleghi pensa che la crisi sia legata alla sovrabbondanza di concorrenza, più o meno sleale. Il vero problema è proprio questo: inseguire luoghi comuni, che un vago fondamento potranno anche averlo, senza andare alla radice del problema che, come tutte le radici, è ricchissima di ramificazioni. 

Perdona la presunzione ma il mio è un punto di vista molto variegato: ho annusato l’eugenolo in fasce, essendo figlio d’arte, ho vissuto la Professione, l’Università, le Società Scientifiche e l’Editoria. Sono stato fortunato e non mi sono fatto mancare nulla. Le trasformazioni del nostro settore sono state le trasformazioni della Società: impossibile non guardare all’epidemiologia, che ho avuto il privilegio di condividere con Laura Strohmenger, una che mastica la materia meglio di ogni altro in questo Paese. Se nel 1977, nella città di Milano, un ragazzino di 12 anni aveva 7,4 carie in media (uso questo termine in modo improprio, giusto per farmi capire) e oggi ne ha 0,5 la colpa è della pletora dei dentisti? 
Negli anni settanta, il reparto della domenica di una nota Istituzione milanese sfornava centinaia di “giuggiole” ortodontiche; oggi non c’è più. Sarà cresciuto il numero di colleghi, ma una certa odontoiatria fatta con la rotativa oggi non ha più ragion d’essere. 

Le catene, il Belzebù degli anni 2000, a sentir loro non eroderanno più del 20-25% del mercato e c’è da crederci perché loro sì che fanno indagini serie, avendo messo soldi veri.  

Possibile che noi dentisti non sappiamo gestire il 75% del mercato, continuando a lamentarci
?

Ci lamentiamo perché – vita, ahimè, vissuta – la disponibilità di spesa si è fortemente ridotta; per tradizione familiare, scusa il bisticcio, io e mio padre siamo stati “family dentists”, ovvero professionisti di fiducia delle famiglie. Padri, madri, figli e nipoti; un tempo il patriarca passava due volte l’anno e, senza batter ciglio, chiedeva il conto finale senza ulteriori specifiche. Oggi, le stesse famiglie, chiedono il preventivo per due otturazioni.

Tempo fa mi sono divertito ad attualizzare il prezzo di una corona degli anni settanta ad oggi; nel “secolo scorso” il fatturato di una corona consentiva di comprare dai 5 agli 8 metri quadri di una casa. Oggi, con il prezzo di una corona si compra un quinto di metro quadro….devo andare avanti? 

La vera crisi è non capire in quale mondo stiamo vivendo e, Università in testa, non indirizzare la professione verso modelli organizzativi differenti che incontrino i bisogni reali della popolazione. Il mondo necessita di un’odontoiatria qualitativamente riproducibile e valida a un prezzo accessibile, parametri che, sino a oggi, sono stati bellamente ignorati dal 50% della popolazione odontoiatrica, ovvero da quella maggioranza occulta che non si aggiorna, non partecipa e si lamenta. L’evoluzione digitale e tecnologica potrà fornire tutto ciò, le dimostrazioni scientifiche lo testimoniano. Il cosiddetto “mondo odontoiatrico” si ostina a difendere il modello della bottega artigianale in epoca di grande distribuzione.

La crisi è proprio questa: non superare questo modo anacronistico di pensare. “Non possiamo pretendere che le cose cambino, se continuiamo a fare le stesse cose. La crisi è la più grande benedizione….” non è mia; è di un Uomo che aveva scoperto il Mondo nei più intimi dettagli: Albert Einstein. 

Con simpatia 

Prof. Massimo Gagliani: Referente Scientifico area Odontoiatrica Gruppo EDRA spa

Articoli correlati

Rispettare l’ambiente costa fatica (in realtà poca), rinunce (anche queste poche) e quello dell’impegnarsi per il bene collettivo alla fine rischia di rimanere una frase che suona bene, ma molto...

di Norberto Maccagno


“Prevenire è meglio che curare” è certamente una delle espressioni più utilizzate in medicina in tema di prevenzione. Uno slogan che è stato creato per la prima volta 39 anni fa' per...

di Norberto Maccagno


Maurizio è un mio compagno delle superiori, ora è l’ortodontista dei miei figli. Dopo il diploma ha lavorato qualche anno e poi ha deciso di iscriversi a medicina, in realtà...

di Norberto Maccagno


La Delibera del Comitato Centrale FNOMCeO sulle ‘Raccomandazioni nell’interpretazione del messaggio informativo in odontoiatria’ si presta a molti commenti e letture.Quella più ingenua è il...

di Norberto Maccagno


“E’ difficile immaginare che, 6 settimane fa, mi stavo preparando per l'operazione. Oggi la mia preparazione è per gli US Open di Tennis”. A scriverlo sulla propria pagina Facebook...

di Norberto Maccagno


Altri Articoli

Fino a sabato confronto tra gli esperti sui temi, classici e non, della patologia e della medicina orale


Il Governo cambia idea sulla proroga delle rate delle imposte, ma introduce una riduzione sull’acconto di fine novembre


Da sinistra: Bill Marshall, Sally Marshall, Andrei Ionescu, Jeff Stansburry

Il premio al dott. Andrei Ionescu per una ricerca sulla Proprietà antimicrobiche della resina PMMA contenente grafene

di Simona Chirico


Previmedical contesta le affermazioni di ANDI e diffida: “non ci usi per accreditarsi nei confronti dei dentisti e per contrastare lo sviluppo della sanità integrativa”


Le novità del Decreto fiscale che interessano il settore: dalla fattura elettronica alle sanzioni per chi non accetta il Pos passando per i conti correnti dedicati e la riduzione dell’utilizzo del...


 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 

Corsi ECM

 
 
 
 
 
 

I più letti

 
 

Corsi, Convegni, Eventi