HOME - Lettere al Direttore
 
 
24 Giugno 2019

Può un comportamento budget oriented essere compatibile con un comportamento etico? Il pensiero del prof. Carlo Guastamacchia


Caro Norberto, 

la domanda  che tu poni, in fondo al tuo DiDomenica, è una domanda che si pone qualunque uomo che intraprenda un lavoro (mestiere, professione, impegno imprenditoriale e/o aziendale): "fino a che punto il mio comportamento budget oriented (profitto) è perfettamente coerente con il comportamento (e lo spirito) etico? Etico, in questo caso, quale significante rispettoso delle necessità intrinseche del destinatario”?   

Come dentista, iscritto ad un Ordine, per praticare una professione perfettamente delineata da un Codice Deontologico, non posso aver dubbi: devo rispettare il Codice e, per la precisione, in primis et ante omnia, il suo Articolo 20, che stabilisce quale mio scopo primario quello di realizzare con il paziente una “alleanza” che si concreta con lo strumento della “comunicazione quale tempo di cura”. 

Una volta compreso questo inderogabile punto di riferimento, tutto il resto è chiarissimo: non si può concepire alcun comportamento che non rispetti questo Articolo 20…e se questo appaia semplice vuol dire che non si è compreso nulla della professione.  

Dico questo perché impostare l’alleanza partendo dal concetto di comunicazione-come-cura significa una tal massa di doveri entro i quali il “budget oriented” è veramente il fanalino di coda; meglio: il profitto è la certissima conseguenza logica dell’etica, mentre anteponendolo ad essa ecco che l’etica diviene un traguardo difficilissimo, se non impossibile, da raggiungere. 

Come testimonianza personale, infine, ecco perché tutti i miei corsi partono mettendo in doveroso secondo piano il marketing, il bilancio, il “rendiconto” economico di qualunque studio dentistico, sia esso mono-, poli-, pluri- professionale.. avanti avanti fino al “centro” dentale. 

Così facendo si mette il carro davanti ai buoi… e tanti saluti all’etica.    

Prof. Calo Guastamachia 

Articoli correlati

Il Segretario Magenga risponde alla lettera del presidente Di Fabio sui requisiti necessari in tema di istruzione per  accedere al corso per ASO 


Di Fabio (ANDI Milano e Lodi): con la terza media è possibile fare il Ministro ma non l’Assistente di Studio Odontoiatrico


Il dott. Francesco Spatafora ripercorre i passaggi normativi e non che hanno preceduto il parere del CSS e avanza considerazioni e dubi


Un giovane specializzando in chirurgia orale mette in discussione i dati sul numero di odontoiatri con diploma di specialità e fa una serie di considerazioni sulla collaborazione con il SSN.


Stefano Palminteri specialista ambulatoriale ASP di Caltanissetta:“strumentalizzata la legge Balduzzi che non impone nessun obbligo per gli odontoiatri”.


Altri Articoli

La Delibera del Comitato Centrale FNOMCeO sulle ‘Raccomandazioni nell’interpretazione del messaggio informativo in odontoiatria’ si presta a molti commenti e letture.Quella più ingenua è il...

di Norberto Maccagno


Italiani confermano di preferire per gli acquisti la grande distribuzione mentre calano le vendite in farmacia. Crescono gli acquisti online


Gli iscritti in ritardo con i pagamenti potranno godere di una serie di agevolazioni, ridotte le sanzioni per chi si mette in regola prima dell’accertamento


Sconti per i soci ma anche l’impegno a non operare in forma diretta verso i pazienti


Udienza alla FNOCMeO, Papa Francesco ai medici: non assecondate la volontà di morte del malato


 
 
 
 
 
 
 
 
 
 

Corsi ECM

 
 
 
 
 
 

I più letti

 
 

Corsi, Convegni, Eventi