HOME - Lettere al Direttore
 
 
12 Dicembre 2019

L’ECM degli altri sembra più efficace

Per il dott. Mele si deve puntare ad un sistema di aggiornamento comune per tutte le libere professioni basato sugli Ordini e con sanzioni certe


Egregio Direttore,

in un recentissimo intervento ospitato su Odontoiatria33 ho criticato l’attuale formulazione dell’ECM, anche alla luce delle sue più recenti ed evidenti distorsioni. Di solito alle critiche non si riesce a far seguire proposte alternative, ma in questa circostanza non c’è da inventarsi niente e risulta facile proporre una nuova e più efficace formula.Basta fare il paragone con gli Avvocati italiani. L’Ordine degli Avvocati gestisce in piena autonomia tutto l’impianto “formazione ed aggiornamento”.

Gli Ordini territoriali o il Consiglio Nazionale Forense sono accreditatori di se stessi ed organizzano corsi con i relativi crediti. Altri Enti o Istituzioni o Società private possono effettuare corsi o conferenze validi ai fini dell’aggiornamento, ma devono ottenere l’accreditamento ordinistico. 

 L’Avvocato può frequentare corsi accreditati a pagamento o i corsi ordinistici, ed in questo caso i costi sono modesti (a Pistoia 5 euro l’ora, con una media di 15 euro per corsi di tre ore). Sempre a Pistoia, ma immagino anche altrove, esiste una stretta collaborazione con l’Università e la Camera di Commercio. Un percorso così, quasi a km 0, finisce con avere anche caratteristiche di enorme semplicità ed economicità. Anche nel loro caso esiste la valutazione nel triennio, ma con appena 60 punti, con un minimo di 15 annui e con 3 crediti annui obbligatori di ordinamento, previdenza e deontologia. Non si possono fare corsi FAD superiori al 40% del totale. Esistono alcune deroghe, ma comunque il tutto si compendia in una “mappa”, tipo algoritmo, di una sola pagina. Tutto ruota, quindi, intorno all’Ordine, che stabilisce la validità dei corsi propri ed altrui. Ed è l’Ordine a controllare il rispetto dell’obbligo.

Qualcuno tirerà fuori un presunto “conflitto di interessi”, ma se ci pensiamo bene il tutto ha una logica stringente: se l’obbligo è “deontologico” chi meglio dell’Ordine può stabilire la qualità del mio aggiornamento, chi meglio dell’Ordine deve sentirsi responsabile di organizzarmelo, chi meglio dell’Ordine ha il diritto e il dovere di controllare il mio percorso, nell’interesse della collettività? Ed infatti da anni fanno tutti così, tranne noi. Devo ricordare ancora una volta che l’ECM è nato come strumento di miglioramento della qualità del servizio pubblico, quindi rivolto solo a sanitari in rapporto con il SSN. Un po’ per pigrizia, un po’ per ignoranza, un po’ per interesse, per molti anni si è fatto intendere necessario anche per i liberi professionisti puri e, paradossalmente, sono stati questi ultimi i più scrupolosi.Solo con la Finanziaria del 2012 l’obbligo dell’aggiornamento e della formazione continua è stato inserito di forza in tutti i Codici Deontologici, compreso il nostro. Gli Avvocati avevano già intrapreso il loro percorso che, nel corso degli anni, ha avuto importanti semplificazioni, fino ad arrivare al modello attuale.

I tanti liberi professionisti puri iscritti all’Ordine dei Medici Chirurghi e degli Odontoiatri, invece che approfittarne per crearsi un percorso autonomo, simile se non identico a quello dei colleghi degli altri Ordini, hanno continuato a rimanere ingabbiati in un meccanismo, l’ECM, nato e cresciuto all’ombra del servizio pubblico, con i suoi riti, le sue ipocrisie, i suoi sotterfugi e la sua macchinosa e costosa esorbitanza.

 Credo che per noi liberi professionisti, odontoiatri e non, sia venuto il momento di venire fuori dalla palude ECM ed organizzare il nostro doveroso obbligo di formazione ed aggiornamento sulle orme di tutti, dico tutti, gli altri liberi professionisti italiani. Regole semplici ed utili per noi e per i nostri pazienti.  E, perchè no, con un sistema sanzionatorio effettivo e non solo minacciato, anche se sarebbe veramente da stupidi non rispettare le regole quando sono semplici.

Non esistono motivi per cui questo diritto ci possa essere negato. Io credo molto nella valenza istituzionale dell’Ordine, nella capacità di collaborazione del Sindacato e nel fondamentale ruolo educativo dell’Università, e nelle persone che oggi li rappresentano. Ognuno di questi soggetti potrebbe trovare nuove ed importanti ragioni d’essere.  

Dottor Renato Mele Rappresentante toscano nella Consulta ENPAM della libera professione

Articoli correlati

La proroga dell’emergenza penalizza il mondo della formazione, le preoccupazioni di Federcongressi e ECM Quality Network


Il comparto della formazione cerca di tornare alla normalità ed intanto la Commissione ECM approva ulteriori novità. Il presidente Nisio fa il punto


Nisio: nel percorso è previsto il coinvolgimento di tutte le figure professionali che ruotano attorno al tema della formazione professionale, compresi i rappresentanti dei cittadini e dei pazienti


Per ottenere i 50 crediti non si dovrà dimostrare di aver continuato a lavorare. Viene posticipata la scadenza per il recupero del debito formativo del triennio 2017-2019


L’Ordine del Giorno impegna il Governo ad estendere bonus di 50 crediti ECM a tutti gli operatori sanitari impegnati nel fronteggiare l’emergenza


Altri Articoli

DiDomenica     02 Agosto 2020

Quando vi serve, noi ci siamo

Attraverso il DiDomenica prima della chiusura estiva e quello di fine anno, solitamente cerchiamo di fare dei bilanci sul periodo che si conclude. Ovviamente questa volta non mi...

di Norberto Maccagno


Dal COI corso FAD da 50 crediti per Odontoiatri, Igienisti, Medici di medicina generale, Pediatri, Geriatri, Psicologi, Neurologi, Otorinolaringoiatri, Infermieri


L’Agenzia delle Entrate indica come comportarsi se il paziente utilizza App che sostituiscono nel pagamento il Pos o la carta di credito


La proroga dell’emergenza penalizza il mondo della formazione, le preoccupazioni di Federcongressi e ECM Quality Network


Savini: “evitano il peggio. Grazie al lavoro di AIO ed ANDI state cassate norme che altrimenti avrebbero imposto adempimenti gravosi agli Odontoiatri”


 
 
 
 
 
 
 
 
 
 

Annuncio in Evidenza


28 Luglio 2020
Vendo attrezzatura completa per studio odontoiatrico

Vendo attrezzatura completa per ambulatorio odontoiatrico a Santarcangelo di Romagna (Rimini): riunito OMS in ottimo stato, separatore amalgama, compressore e pompa aspirazione, 2 mobili componibili, 2 servomobili, radiologico NOVAXA con testata DE GOTZEN, autoclave TECNO-GAZ classe B con stampante, sigillatrice MELAG, lampada fotopolimerizzante, 4 plafoniere con neon, strumenti per chirurgia orale, conservativa ecc in ottime condizioni. Tutto a norma CE. E 3000,00 COMPRESO SMONTAGGIO E IMBALLAGGIO. Foto inviabili. Per informazioni telefonare a Ricardo 347/4120042 (email: ricardo.ricci@email.it).

 
 

Speciale in Evidenza


 
 
 
 

Corsi ECM

 
 
 
 
 
 

I più letti

 
 

Corsi, Convegni, Eventi

 
 
 
 
 
 
 
 

Guarda i nostri video

Guarda i nostri video

Paziente o cliente, il punto di vista del dentista e del u201cconsumatoreu201d