HOME - Lettere al Direttore
 
 
20 Dicembre 2019

“Il Sistema ECM non ha mai funzionato”

Il dott. Mele commenta la decisione di voler rivedere il Sistema e della proroga di un anno della possibilità di raccogliere i crediti del triennio che si sta per concludere 


Gentile Direttore,

ho appena letto la notizia su Odontoiatria33 che il sistema ECM verrà revisionato e nel frattempo viene data ai colleghi la possibilità di raggiungere l’obiettivo dei 150 crediti utilizzando anche il prossimo anno.
Oggi, a giustificazione di questa decisione, si afferma che il meccanismo è datato e ha bisogno di una revisione e di un adattamento alla nuova realtà delle molteplici figure sanitarie.  

Sembra quasi un intervento di manutenzione programmata.  

In verità si è dovuto prendere atto che, nonostante le tante facilitazioni degli ultimi tempi, era notevole il numero dei colleghi che non arrivavano al tetto previsto dalle attuali norme. E la faccenda avrebbe creato non poche grane.
Ci vogliamo mettere la pigrizia, la superficialità, l’indifferenza dei colleghi, ma non possiamo negare che il sistema ECM non ha mai funzionato, e l’alternarsi di minacce e possibili premi non ha certo giovato alla causa. Per non parlare della sua burocratica complessità.  

Il recente articolo di Panorama ha fatto il resto, arrivando ad insinuare che il notevole ricorso alla “medicina difensiva” sia frutto della nostra consapevolezza di non essere adeguatamente preparati. Sappiamo bene, invece, che ne siamo le vittime e non i colpevoli. Purtroppo Panorama è arrivato a conclusioni sbagliate, ma partendo da dati corretti: i sanitari non sono a norma con l’aggiornamento.   

Prendere finalmente atto di questo storico insuccesso lo considero un atto di ammirevole seppure tardivo coraggio, tenendo anche conto delle ovvie critiche che ne deriveranno, ma ritengo che il vero coraggio andrà dimostrato sovvertendo tutto l’impianto del nostro aggiornamento e non semplicemente cambiandogli l’abito ed incipriandolo un po’.

Addio alla compilazione “collettiva” dei test finali, addio ai crediti di un quarto di punto, addio ai corsi inutili di fine anno sulla sola base dei punti assegnati. Addio, quindi, all’ipocrisia di tutti questi anni che oggi emerge in tutta la sua evidenza.

Mi farebbe piacere sapere che l’approccio al problema sarà di questo tipo.  

Come ho già detto, e dimostrato, ci sono esempi virtuosi che possono essere seguiti, seppure adattandoli alla nostra professione. Ce ne gioveremmo tutti: le istituzioni, i singoli iscritti, il prestigio della categoria. A rimetterci sarà una parte di quei “lavori inventati” che, nel frattempo, sono nati e si sono economicamente alimentati con il nostro ECM, a partire dal mastodontico e vorace controllo ministeriale. Ma questo è e deve rimanere un problema loro…. 

Dottor Renato Mele: Rappresentante toscano nella Consulta ENPAM della libera professione

Articoli correlati

Prima riunione già operativa, l’obiettivo è cercare di capire come riuscire a rimodulare il sistema: revisione o riforma? Il commendo del presidente Nisio


Abbiamo sottoposto al componente odontoiatra della Commissione nazionale ECM Alessandro Nisio alcuni dubbi e quesiti posti dai nostri lettori. Ecco le sue indicazioni e i consigli


Sul sito la delibera che “allunga” di un anno la possibilità di raccogliere i crediti formativi necessari per i trienni scorsi ed indica il numero di quelli previsti per il 2020-2022


Alcune riflessioni dell’odontoiatra nominato nella Commissione che dovrà occuparsi di riformare il sistema, che invita i colleghi a segnalare proposte e criticità 


La decisione della Commissione Nazionale ECM di prorogare di un anno, fino al 31 dicembre 2020 la possibilità di ottenere i crediti formativi necessari arrivata in extremis a...

di Norberto Maccagno


Altri Articoli

Le vicende di alcune Catene spagnole, ed italiane, confermano che il vero problema per pazienti e non solo si chiama "finanza creativa" e non cure. Qualche settimane fa ricevo una mail da parte di un...

di Norberto Maccagno


Fiorile: scelta grave che non frena l’evasione fiscale e crea una situazione paradossale tra che si rivolge al pubblico e i pazienti che si rivolgono ad un dentista privato


Per Dentix Italia sono solo indiscrezioni di stampa ed assicura che non ci sono problemi per pazienti e collaboratori 


I problemi potrebbero nascere per coloro che sono esentate in Italia dal conseguire l’attestato di qualifica. Il Ministero intanto ha definito le modalità di riconoscimento per i titoli conseguiti...


Cronaca     14 Febbraio 2020

Medici e dentisti: è corsa al POS

La possibilità di detrarre le spese sanitarie solo se pagate con strumenti tracciabili ha costretto medici e dentisti a dotarsi del POS. 400% l’aumento di rischiste nell’ultimo mese


 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 

Corsi ECM

 
 
 
 
 
 

I più letti

 
 

Corsi, Convegni, Eventi

 
 
 
 
 
 
 
 

Guarda i nostri video

Guarda i nostri video

Nuove norme su Direttore sanitario e Autorizzazioni