HOME - Lettere al Direttore
 
 
01 Aprile 2020

COVID-19: esentare i medici, per legge, dalla responsabilità professionale

L’appello del presidente SUSO che ipotizza, anche, ripercussioni sulla responsabilità dell’odontoiatra quando gli studi torneranno a operare senza limitazioni


Gentile direttore 

Mi permetta di riportare parte di una lettera da un medico impegnato in corsia Covid-19.  "Non permettere a nessuno di chiamarti eroe. Perché vivi in un Paese che nell'emergenza arriva a considerare l'eroismo obbligatorio. E poi ti impone la scelta: martirio sul campo o gogna mediatico-giudiziaria".

In questi giorni si ha notizia di parenti di alcuni deceduti per coronavirus che hanno chiesto le cartelle cliniche per accertare responsabilità professionali dei medici che hanno/non hanno intubato un paziente grave.
Oggi per i sanitari di certe regioni scegliere chi intubare è un dilemma atroce, tenendo conto delle esigue disponibilità dei posti letto e delle condizioni cliniche dei malati.  Quando il verdetto è negativo i rianimatori e i medici di reparto condividono questa responsabilità e scrivono in cartella che il paziente non ha chance di sopravvivenza tali da poter occupare un posto in terapia intensiva. 

Dopo 15 giorni di fermo lavorativo, a livello nazionale si registrano già i primi segnali di disagio finanziario. Basterà poco per chi ha perso i propri cari e non se la passa benissimo, a passare dal senso di disperazione al desiderio di rivalsa economica.  Per questo i medici che rischiano la loro vita in prima linea per salvare quella degli altri, dovrebbero essere esentati per legge da ogni responsabilità professionale. 

Un problema che presto riguarderà anche noi odontoiatri.  Ad oggi non esistono ancora certezze su misure efficaci di prevenzione/protezione e su quando la nostra attività potrà finalmente riprendere. Il timore di subire denunce per infezione da coronavirus potrà disincentivare l'esecuzione delle terapie più lunghe e complesse o addirittura prolungare il fermo delle nostre attività professionali.

Sono convinto che oggi chi è impegnato 10 ore al giorno nei reparti Covid-19 ha l'istinto terapeutico di salvare il maggior numero possibile di vite. Non oso pensare a cosa potrebbe accadere se nella mente di chi assume al volo queste decisioni si insinuasse il germe della medicina difensiva, che prescrive esami e consulenze a raffica e effettua le scelte terapeutiche meno rischiose. Ma in guerra, perché in guerra siamo, non c'è il tempo per pensare troppo. 

E anche per noi odontoiatri dopo la fine della emergenza acuta, quando riaccenderemo i nostri riuniti, i
l problema delle rivalse potrebbe non essere l'ultimo che ci toccherà affrontare.
E allora, insieme ai tanto sbandierati aiuti economici che ancora stentano ad approdare sui nostri conti correnti, il Governo si appresti a tutelare il lavoro di chi, insieme a tanti altri, vuole contribuire alla ripartenza della
Nazione, con un provvedimento che escluda da ogni ipotesi di responsabilità professionale il contagio da infezione da Coronavirus, dichiarata ormai pandemia mondiale. 

Gianvito Chiarello: Presidente Nazionale Suso 

Articoli correlati

Il dott. Rubino ripercorre e commenta il periodo dell'emergenza sanitaria e rivolgendosi ai cittadini dice: è fisiologico voler voltare pagina per poter ricominciare, ma è disumano dimenticare o...


Alcune considerazioni del dott. Dario Bardellotto sulle possibili soluzioni per combattere gli inquinanti indoor chimici, fisici e biologici di uno studio dentistico


I professori Marzo e Gatto, past-president SIOI , pongono alcune riflessioni sulle percorso “inusuale” che ha portato alla loro realizzazione


Contro il Covid, per il dott. Bardellotto, servono interventi che prevedano minimi investimenti e mantengano una qualità accettabile del nostro lavoro e tutela la salute pubblica e individuale


Per la dott.ssa Piancino il modello "Taiwan" ha dimostrato che le 3 T (tamponare, tracciare, trattare) siano l’unica possibilità per controllo del virus


Altri Articoli

IDI EVOLUTION fornisce subito e senza nessuna spesa la sua tecnologia e suoi i prodotti per ripartire in sicurezza e con profitto


Paolo Bussolari

Perrosegue la crescita per il Gruppo, positivo l'esercizio 2019. Aumentano i ricavi che superano i 585 milioni, cresce la marginalità EBITDA di oltre 50 milioni


Un vademecum della CAO nazionale per sintetizzare le indicazioni ministeriali con le procedure da adottare per lo studio in questa fase di gestione del Covid-19


Il direttore sanitario sostiene che si tratta di legittime consulenze estetiche. Dal servizio emergono anche carenze in tema di prevenzione verso il contagio da Covid


L’Ordine del Giorno impegna il Governo ad estendere bonus di 50 crediti ECM a tutti gli operatori sanitari impegnati nel fronteggiare l’emergenza


 
 
 
 
 
 
 
 
 
 

Speciale in Evidenza


 
 
 
 

Corsi ECM

 
 
 
 
 
 

I più letti

 
 

Corsi, Convegni, Eventi

 
 
 
 
 
 
 
 

Guarda i nostri video

Guarda i nostri video

COVID-19 ed odontoiatria, il punto del prof. Roberto Burioni