HOME - Lettere al Direttore
 
 
02 Ottobre 2020

Odontoiatria pubblica: serve una interlocuzione continua e costruttiva

Alcune considerazioni del dott. Campolongo (CIPOOOCMF-ANPO) sul percorso da intraprendere per permettere d'investire sull’assistenza sanitaria pubblica


Gli argomenti proposti da Odontoiatria33 in questi ultimi giorni di settembre - “Prevalenza e gravità della carie in Italia in rapporto alle condizioni socioeconomiche” con i dati dello studio italiano su bambini di 12 anni pubblicato su Scientific Report, “Quale prevenzione per il futuro della nostra salute” di Luigi Paglia, “Prevenire è certamente meglio che curare. Ma quando serve curare il dente? il DiDomenica di Norberto Maccagno e “CAO, ENPAM ed ANDI incontrano il Ministro Speranza” - offrono lo spunto per alcune riflessioni.

Per altro, l’esigenza di riannodare il filo di alcune sollecitazioni venute da più parti nell’ambito delle politiche sanitarie odontoiatriche è aspetto che appare ineludibile, in quest’ultimo scorcio dell’anno, se è reale la volontà di ricercare una proposta condivisa.
La stessa riapertura delle scuole rappresenta il segnale inequivocabile che l’emergenza Covid19, per quanto non risolta sul piano sanitario, deve comunque essere superata dopo che il lockdown ha congelato gran parte delle attività produttive, da quelle industriali e artigianali a quelle culturali e del terziario.
Nel contempo, la crescente consapevolezza della importanza del servizio sanitario nazionale, quale effetto delle difficoltà incontrate nell’affrontare l’emergenza Covid19, ha portato vari esperti a nuove e diverse riflessioni su quanto è indispensabile fare.

La necessità di un cambiamento culturale che consenta di investire nuove risorse per un'assistenza sanitaria di alto valore, che sia equa, appropriata ed efficiente, in grado di contribuire ad una nuova partecipazione e connessione sociale, è da più parti sentita quale esigenza e avanzata quale proposta.Per quanto concerne il servizio sanitario nazionale, quindi, è questo il momento più adatto per pensare e per realizzare la sanità del futuro: si tratta di condividere un’idea di politica sanitaria che sappia dare risposte adeguate ai problemi di salute, vecchi e nuovi.

Per contribuire a concretizzare un’idea di politica sanitaria odontoiatrica, se vogliamo continuare a parlare di livelli essenziali di assistenza (LEA) e di servizio sanitario nazionale (SSN) dobbiamo pensare a quali sono i problemi di salute prioritari ai quali vogliamo dare una risposta. 

In questo compito ci viene in aiuto l’indagine pubblicata da Scientific Report che indica la necessità di un forte investimento nell’età evolutiva in quanto sono state osservate tra i bambini che vivono nel Sud e bambini che vivono nelle sezioni del Nord (Ovest / Est) e Centro Italia differenze statisticamente significative nella percentuale di bambini affetti da lesioni cariose profonde: “Findings show that less than a third of the population is caries-free, with a quite strong difference between Northern and Southern Italy” (Caries severity and socioeconomic inequalities in a nationwide setting: data from the Italian National pathfinder in 12‑years children - Scientific Reports (2020) 10:15622). 

Questi dati orientano per ritenere prioritario un forte investimento sull’età evolutiva: stabilire con chiarezza quale tipologia di prestazioni erogare secondo le indicazioni delle Linee guida ministeriali ( … visita, valutazione rischio carie, piano individuale di prevenzione, screening, igiene, sigillature, otturazioni, ...) edefinire il fabbisogno di risorse strutturali, organizzative e professionali necessarie per assicurarne l’erogazione alla popolazione target, diventano passaggi imprescindibili.Nell’ultima seduta  del Gruppo tecnico in materia di odontoiatria (GTO) presso il Ministero della Salute, dicembre 2019, il Collegio ha presentato un documento di indirizzo – “Indicazioni per la presa in carico odontostomatologica del paziente pediatrico nel Servizio Sanitario Nazionale”, nel quale – per assicurare la fruizione dei livelli essenziali di assistenza odontoiatrici ai soggetti in età 3-14 anni, obiettivo ritenuto prioritario in un’ottica di efficacia degli interventi preventivi e curativi e di sostenibilità – si analizzano i criteri di appropriatezza per l’erogazione delle prestazioni, si propongono le modalità di presa in carico odontostomatologica del paziente pediatrico, si individuano i requisiti strutturali, strumentali, professionali ed organizzativi e si stabiliscono gli standard minimi necessari.

CAO, ed ANDI nell’incontro con il Ministro Speranza, “propedeutico alla creazione di un rapporto collaborativo rivolto alla soluzione dei principali problemi che riguardano da una parte la gestione della salute orale dei cittadini e dall’altra le necessità degli Odontoiatri italiani”, sembrano dimenticare che presso il Ministero è operante il Gruppo tecnico sull’odontoiatria, gruppo istituito per “elaborare documenti di indirizzo in materia di salute orale e studiare ogni altra problematica in materia di salute orale relativamente alla prevenzione delle patologie del cavo orale, all'odontoiatria di comunità, alla lotta all'abusivismo professionale, agli aspetti inerenti alla professione di odontoiatra, agli aspetti inerenti la formazione professionale continua degli operatori del settore.

Come ricordato da due autorevoli componenti il GTO, i professori Marzo e Gatto, past-president SIOI, “il Ministero della salute ha sempre ritenuto opportuno assicurare la partecipazione delle più importanti rappresentanze istituzionali, scientifiche e professionali del mondo odontoiatrico. Inoltre, sulla base di specifici temi in discussione, di volta in volta hanno partecipato ai lavori rappresentanti di altri Uffici del Ministero concorrenti in materia di odontoiatria appartenenti alla Direzione generale della programmazione sanitaria e alla Direzione generale delle professioni sanitarie e delle risorse umane del S.S.N., nonché, ove necessario, esperti esterni”. (Odontoiatria33 - 19 Maggio 2020).

In considerazione del particolare momento storico, con i rischi e le opportunità che presenta, l’auspicio del CIPOOOCMF-ANPO è che, volendo adottare un atteggiamento concretamente costruttivo per dare corpo ad una reale politica odontoiatrica, il GTO sia considerato l’interlocutore privilegiato capace di dare voce a tutte le rappresentanze, pubbliche e private, dell’odontoiatra italiana per quella “interlocuzione continua e costruttiva, tale da consentire di affrontare gli argomenti esistenti con il comune intento di individuare le soluzioni e far funzionare al meglio l’odontoiatria italiana, rendendo un migliore servizio per tutti i cittadini e i professionisti coinvolti” auspicata da ANDI nel recente incontro con il Ministro Speranza. 

Fulvio Campolongo: Segretario Collegio Italiano Primari Ospedalieri Odontoiatria Odontostomatologia Chirurgia Maxillo Facciale – ANPO 

Articoli correlati

Con una Lettera aperta al Ministro della Salute vengono presentate le criticità dell’attuale modello di assistenza odontoiatrica pubblica evidenziando il rischio di chiusura degli ambulatori per...


Quaranta: una normativa complessa che presenta indubbiamente delle criticità e che viene approvata in un periodo decisamente non facile


Campolongo: il DDL che elimina l’esame di abilitazione potrebbe essere l’occasione, anche, per abolire obbligo di specializzazione per i laureati in odontoiatria che vogliono lavorare nel SSN


Il dott. Usoni si è fatto i calcoli di quanto costa trattare un paziente proveniente da un fondo. Calcoli alla mano lui, sembra, non starci dentro. Questo il suo racconto 


Sotto di tutti i limiti di un sistema che va profondamente riformato e che non ha trovato l’attenzione della Politica. I perché del dott. Damilano


Altri Articoli

La CAO La Spezia manifesta la disponibilità a Regione, ASL e Provincia affinché la rete dei medici odontoiatri della provincia sia inserita nel sistema di screening attraverso l’utilizzo dei...


L’American Dental Association scende in campo sostenendo la competenza degli odontoiatri statunitensi che si sono offerti di somministrare i vaccini


Negativi i collaboratori, dopo la sanificazione lo studio ha riaperto mentre il professionista rimane in isolamento


Federazione Alzheimer Italia nel mese di ottobre ha organizzato corsi on-line per insegnare ai familiari a gestire gli aspetti odontoiatrici. Tra i relatori il dott. Mario Ghezzi a cui abbiamo...


Obiettivo: offrire un servizio gratuito di formazione avanzata, con una visione globale sulla salute, consulenza e supporto per una miglior assistenza ai propri pazienti


 
 
 
 
 
 
 
 
 
 

Annuncio in Evidenza


14 Ottobre 2020
Vedo moderno ed avviato studio a Milano

Moderno e avviato studio dentistico, regolarmente autorizzato, mq 80, predisposto per due unità operative, stanza sterilizzazione, radiografico opt e dotato di strumentazione per esercitare le principali branche odontoiatriche, spogliatoio e bagno per il personale, bagno per pazienti. Possibilità di subentro graduale con varie soluzioni. Milano, zona Bicocca-Niguarda. Trattativa riservata. 345 9776587. mail: aumas001@gmail.com

 
 

Speciale in Evidenza


 
 
 
 

Corsi ECM

 
 
 
 
 
 

I più letti

 
 

Corsi, Convegni, Eventi

 
 
 
 
 
 
 
 

Guarda i nostri video

Guarda i nostri video

Emergenza Covid ed odontoiatria: il punto con il presidente Iandolo