HOME - Lettere al Direttore
 
 
23 Novembre 2020

Visite dei Nas: così mi hanno controllato

Il dott. Azzalin di Varese ci racconta la sua esperienza, diretta, di una visita nei NAS per verifiche igienico sanitarie ed amministrative


Qualche giorno fa, verso sera, nel mio studio di Varese si sono presentati gli uomini dei NAS, (Nucleo Anti Sofisticazioni) Comando dei Carabinieri di Milano per la tutela della salute, che hanno eseguito un’ispezione igienico-sanitaria ed amministrativa.

Di fronte alla mia sorpresa iniziale e dopo aver stemperato il clima di timore o sospetto che si crea innanzi a qualsiasi “controllo esterno” (Polizia Municipale, Finanza, Agenzia delle Entrate,ecc.ecc.) hanno eseguito la verifica delle condizioni igieniche di tutti i locali, delle attrezzature in modo meticoloso e dettagliato, controllando le date della sterilizzazione degli strumenti, le scadenze dei farmaci e il loro stato di conservazione, compresi i tamponi rapidi e i test sierologici Covid19. 

Tramite la documentazione presente in Studio hanno verificato come viene eseguito e se in regola lo smaltimento dei rifiuti, se sono state eseguite le necessarie verifiche dall'esperto qualificato in radioprotezione degli apparecchi radiografici presenti in studio, compresa la TC 3D.  Venivano controllate le generalità e l'iscrizione all'Albo di appartenenza dei due odontoiatri miei collaboratori e di tutto il personale sanitario presente in Studio in quel momento, assistenti, segretarie, igienisti, poi le autorizzazioni di apertura studio e la verifica dei requisiti della sicurezza sul lavoro.  

E' stata verificata l'attuazione delle misure anti-contagio Covid19 e la presenza di un protocollo operativo. Sono state controllate tutte le fatture relative ai tamponi rapidi e ai test sierologici eseguiti e si sono fatti certificare che fossi io il medico chirurgo e odontoiatra, e fossi l’unico a eseguirli.  Hanno molto insistito sul controllo dell’attività di una dottoressa di Chirurgia Plastica peraltro con una specializzazione anche in Odontoiatria che ha collaborato in modo corretto ma davvero sporadico in questi ultimi anni. Hanno voluto allo stesso modo controllare il contratto di locazione per l'utilizzo degli spazi a favore della stessa, la targa esposta all’esterno, e a identificare i suoi accessi ormai desueti della sua attività ormai interrotta.  

La verifica è stata all’insegna della reciproca collaborazione e sinergia, e con una punta comica alla fine mi è stata rivolta questa domanda “Ma lei controlla così bene tutti i suoi pazienti?” alla mia risposta affermativa hanno risposto “Non è vero, perché quando abbiamo esibito i cartellini di riconoscimento nessuno del suo studio ci ha provato la temperatura!”.  
Un sorriso ci ha permesso di entrare un po’ più in rapporto di fiducia reciproco e ci è stato confermato che a Varese dentro un grande supermercato alcuni seducenti “estetisti” praticavano in modo del tutto abusivo alcune pratiche di medicina estetica nei locali della toilette  (Striscia la Notizia 13/11/2020), e da li sono partiti i controlli.  

In seguito al sopralluogo qualche giorno dopo, ho riunito il medico del lavoro dello studio e il responsabile della sicurezza sul lavoro che ci ha fornito alcuni suggerimenti per l’effettuazione di tamponi, previsto dal D.G.R. n. 3777 del 3/11/ 2020 le cui modalità operative e dei flussi come ingresso entrata/uscita separati tra loro.  

E proprio oggi (20 novembre 2020 NdR) in seguito al verbale dei NAS ho ricevuto la visita dei responsabili dell’ATS (Agenzia Territoriale Salute) i quali hanno eseguito un’ispezione di controllo  in particolare dell’autorizzazione sanitaria rilasciata nel 1998 dalla azienda Sanitaria Locale, e ci hanno consigliato se vogliamo proseguire nei test antigenici (rapid diagnostics test Ag-RDTs-tampone naso faringeo) dovrà essere eseguita e svolta esclusivamente alle condizioni  indicate nella specifica sezione prevista sul sito ATS Insubria.  

Un consiglio per i miei colleghi odontoiatri? “tranquilli, se siete in regola, non c’è niente da temere”...                  

Dott. Dino Azzalin 

Articoli correlati

Nel primo caso l’odontoiatra faceva lavorare non abilitato, nel secondo rilevate carenze igieniche in una clinica dentale


Sotto la lente del NAS l’attività svolta in una Srl odontoiatrica. Attrezzatura sequestrata e attività sospesa 


O33interviste     18 Novembre 2020

Verifiche dei NAS negli studi

I NAS starebbero effettuando, sul territorio nazionale, verifiche sulla conduzione degli studi, sulla documentazione sull’adozione delle precauzioni per il contenimento del contagio COVID-19. Ecco...


A Varese il NAS scopre e denuncia finto dentista che lavorava abusivamente in casa. Rinvenuti farmaci e fiale di anestetico


Sorpreso dai NAS mentre eseguiva prestazioni odontoiatriche. Nei guai anche lo studio dove operava


Altri Articoli

Anche nella settimana che si è appena conclusa, il tema centrale sul quale il settore ha concertato le sue attenzioni è stato: quando mi vaccinate? Confesso, a metà settimana...

di Norberto Maccagno


Aziende     15 Gennaio 2021

Il 2021 visto dal Phibo

L’odontoiatria digitale, le nuove acquisizioni, il CEO ed il Direttore dell'Innovazione del  Gruppo Phibo svelano i progetti futuri


L’obiettivo è fare in modo che la pensione spettante a vedove e orfani sia calcolata sull’importo a cui il familiare deceduto avrebbe avuto diritto al termine della propria carriera


Il neo assessore Moratti conferma il ruolo degli Ordini provinciali nella raccolta dei nominativi degli aderenti 


Assunzione a tempo indeterminato, la candidatura al concorso deve pervenire entro l’11 febbraio 2021


 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 

Corsi ECM

 
 
 
 
 
 

I più letti

 
 

Corsi, Convegni, Eventi

 
 
 
 
 
 
 
 

Guarda i nostri video

Guarda i nostri video

La professoressa Antonella Polimeni si racconta