HOME - Lettere al Direttore
 
 
24 Novembre 2020

L’Odontoiatra è certamente Medico, ma non vuole che il Medico sia Odontoiatra

Per il dott. Massimo Corradini questa è una incongruenza. Le sue riflessioni ripercorrendo le tappe che hanno portato l’istituzione della professione odontoiatrica


Leggo il “DiDomenica” del 21 novembre 2020. Al solito sempre temi molto interessanti, spesso punto di partenza per ulteriori riflessioni.Pandemia Covid e tamponi a prescindere, il tema sollevato circa “ l’Odontoiatra Medico”, solleva palesemente un altro tema.Se l’Odontoiatra è certamente un medico, specialista ab inizio per qualcuno, è altrettanto vero che il Medico non è più un Odontoiatra.   Questa asimmetria è quantomeno strana.  

Infatti l’Odontostomatologia è una branca interdisciplinare all’Odontoiatria e alla Medicina.Medico-Chirurgo e Odontoiatra sono qualifiche professionali sanitarie distinte, ma interdisciplinari.
Titoli peculiari, percorsi formativi specifici, con lauree diverse e Albi separati. Ma frequenti e ovvie le afferenze interprofessionali e le condivisioni di competenze.

Come già tra Medico e Psicologo, e anche tra Ingegnere e Architetto, Avvocato e Commercialista ecc.

Certo che il Dentista post 1985 non è più il Medico, ma il Medico ante 1985 è anche Dentista e comunque ogni Medico è sempre Stomatologo.  In Italia il professionista sanitario abilitato per l’esercizio dell’attività di Dentista coincide con il Medico sino al 1985, anno di  recepimento delle Direttive Europee “Dentisti” del 1978.

Poi la Legge n.409/’85 istituisce in Italia la Professione di Odontoiatra: anche l’Odontoiatra, quindi, cura legittimamente bocca e denti.  
Dopo il 2000 però si esaurisce il principio di interdisciplinarità della stomatologia tra Medici e Neo-Dentisti (Odontoiatri) e la L. 409/’85 viene addotta per sostenere che SOLO l’Odontoiatra cura la bocca.

Addirittura sospendendo, ma di fatto sopprimendo le scuole di specialità post-laurea in Stomatologia per Medici. Non pochi sono stati i Medici accusati di esercizio abusivo della professione odontoiatrica: quasi tutti assolti, ma recentemente c’è stata anche una condanna. Proprio gli odontoiatri, quelli nelle CAO, ANDI, AIO, fin dagli anni ‘90 hanno negato e combattuto questo principio di interdisciplinarità, sostenendo addirittura l’autonomia ordinistica con tanto di Ordine Autonomo e proponendo anche un Codice Deontologico autonomo, ove si leggeva che “l’odontoiatra persegue la separazione ordinistica”. 

Perché quindi stupirsi se qualcuno oggi teme …. chi li ferma più?

Concludo che sono assolutamente favorevole al contributo degli Odontoiatri nella diagnostica Covid e risulta assurdo negare loro la potestà di certificazione di esito tampone, così come trovo assurdo sostenere l’esclusività di potestà di diagnosi/ cura del dente solo all’odontoiatra.  

Dott. Massimo Corradini – Trento 

Articoli correlati

Per il presidente Cassarà non si può mettere in discussione i rischi della professione che deve essere considerata prioritaria per ricevere i vaccini  


Marin (ANTLO): ognuno a caldeggiare le proprie necessità, perché non si è fatto fronte comune? Davanti alla salute, misero rivendicare distinguo sindacali


Considerazioni del dott. Mele che critica alcuni medici che hanno “pervicacemente cercato di spiegare quello che non sapeva e non spiegare quello che sapeva”


L’esperienza positiva, non solo in tema di vaccinazioni, del Friuli Venezia Giulia tra Regione, CAO e professione


Serena (CAO FVG): risultato è frutto di un’importante sinergia delle CAO regionali che hanno ricevuto l’appoggio della componente medica della FROMCeO 


Altri Articoli

L’annuncio dell’Assessore Moratti in Commissione Regionale Sanità indica l’inizio delle vaccinazioni per odontoiatri e medici liberi professionisti il 5 marzo, salvo ulteriori ritardi nella...


AIO Roma dedica il programma culturale 2021 al Sommo Poeta. Ecco gli appuntamenti programmati, si comincia sabato 30 gennaio


Il Consejo General de Dentistas ribadisce la sua offerta di collaborazione al Ministero della Salute, affinché gli stessi dentisti possano vaccinare le persone


Il Rischio è che nel 2022 non ci sia un numero sufficiente di odontoiatri iscritti nelle graduatorie. AIO propone una soluzione ed intanto consiglia di presentare comunque la domanda


Lo chiede una interrogazione parlamentare. Pollifrone (CAO Roma): una iniziativa utile per il Paese in difesa della salute dei cittadini, che vedrebbe legittimata la nostra dignità professionale...


 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 

Corsi ECM

 
 
 
 
 
 

I più letti

 
 

Corsi, Convegni, Eventi

 
 
 
 
 
 
 
 

Guarda i nostri video

Guarda i nostri video

La nuova visione della parodontologia: sempre più correlata alla salute generale