HOME - Lettere al Direttore
 
 
26 Gennaio 2021

Odontoiatri a rischio anche se protetti dai DPI

Per il presidente Cassarà non si può mettere in discussione i rischi della professione che deve essere considerata prioritaria per ricevere i vaccini  


Egregio Direttore, ho letto con molto interesse il suo DiDomenica e pur trovandolo molto interessante nella prima parte qualche dubbio mi è sorto riguardo la parte finale e cioè se l’odontoiatria è realmente a rischio COVID.  
Ma mi chiedo come mai gli anestesisti, gli otorinolaringoiatri, estremamente a rischio come noi odontoiatri lavorando a stretto contatto con le vie oro- nasali, non si sono posti questo dubbio e, anzi, hanno aderito alla campagna vaccinale essendo stati giustamente inseriti tra le figure da immunizzare in via prioritaria? 

Giustamente lei scrive che il tasso di contagio di dentisti e personale di studio è minimo e che andare dal dentista è sicuro. Questo, come lei dice giustamente, perché ci siamo vestiti da palombari ma, aggiungerei, perché noi odontoiatri abbiamo da sempre utilizzato DPI per noi e per il nostro personale e aggiungerei che li abbiamo utilizzati in maniera corretta, garantendo massima sicurezza a noi, al nostro personale e ai pazienti.

Ma tutto questo non esclude che noi odontoiatri (assieme a igienisti dentali e ASO) svolgiamo una professione assolutamente a rischio e quindi non vedo il perché noi siamo stati “trascurati” mentre sono stati vaccinati alcune categorie di lavoratori per le quali non c’era assolutamente priorità. 

Vede caro Direttore nella mia veste di Presidente CAO ho modo, giornalmente, di parlare con tanti colleghi e ho percepito che un certo numero di odontoiatri (pochissimi per fortuna) pongono dei “dubbi”, degli “interrogativi” simili a quelli dei no vax ma essendo coscienti del loro “essere medici” non possono farlo in maniera esplicita perché sarebbe veramente una cosa scandalosa. 
E allora ecco che accennano, buttano li dei dubbi, magari edulcorati con intenti buonisti( anche a me è stato detto perché non prima gli anziani, le persone più fragili ecc...) per non dire quello che veramente pensano. 

Io personalmente ritengo che vaccinare odontoiatri, igienisti e ASO sia una priorità assoluta anche perché, se è vero (come pare da recenti dati) che chi è stato vaccinato non può trasmettere il COVID-19, si avrebbe da una parte l’immunità per medici e personale e dall’altra parte la protezione dei pazienti che quotidianamente si affidano a noi. 

Antonio Carmelo Cassarà: presidente CAO di Enna

Articoli correlati

Abbiamo raccolto le indicazioni di Sindacati e dell’Ordine. Dubbi su come verificare gli odontoiatri, gli igienisti dentali e gli ASO obbligati alla vaccinazione


Nasce il problema sostituzioni dipendenti di studi e laboratori. Green pass obbligatorio anche per sanitari, titolari compresi, ed ASO non vaccinati destinati ad altre mansioni 


cronaca     06 Settembre 2021

G20 della Salute

Speranza: “Vaccino bene comune per il mondo. Il sì di tutti i Paesi al Patto di Roma”


Il CTS ha dato il via libera alla proroga da 9 mesi a un anno della scadenza del certificato verde covid-19


La comunità scientifica e la politica si stanno interrogando. Ecco per quali categorie potrebbe diventare realtà il richiamo 


Altri Articoli

Marco Veneziani

Con l’autore approfondiamo le tematiche trattate nel suo ultimo lavoro: nei due volumi vengono esaminate tutte le possibili soluzioni alle molteplici problematiche cliniche...


Elaborate da SidP e validate dall’Istituto Superiore di Sanità diventano le uniche da rispettare in tema di “Trattamento della parodontite di stadio I-III”


Il Tg satirico di Canale 5 smaschera l’illecito e spiega chi può effettuare lo sbancamento dentale. Le congratulazioni all’inviata di AIDIPro


Ancora qualche giorno per presentare la domanda per poter richiedere l’esonero parziale. Le domande direttamente dal sito ENPAM


 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 

Corsi ECM

 
 
 
 
 
 
 
 

I più letti

 
 

Corsi, Convegni, Eventi

 
 
 
 
 
 
 
 

Guarda i nostri video

Guarda i nostri video

ECM: abbiamo fatto il punto con Alessandro Nisio