HOME - Medicina Legale
 
 
16 Gennaio 2017

Decessi in ambito odontoiatrico rari ma possibili. Una revisione statunitense ne ha valutato frequenza e cause

di Lara Figini


In ambito odontoiatrico spesso può accadere che si verifichino incidenti e complicanze legate alla salute del paziente o a errori del professionista, raramente possono capitare eventi avversi tali da portare al decesso del paziente.

Ma quali sono i fattori associati al decesso del paziente sottoposto a cure odontoiatriche?

In una revisione sistematica pubblicata su Oral Surg Oral Med Oral Pathol Oral Radiol di febbraio 2017 si indaga e analizza proprio questo.

La revisione sistematica della letteratura è stata condotta presso l'Università del Kentucky Medical Center (Lexington, KY) sulla base di una ricerca elettronica con PubMed, Dental and Oral Sciences Source (DOSS), Web of Science e Cochrane database ( dal 1960 a ottobre 2015) .

Nella revisione sono stati inclusi solo gli articoli riportanti i decessi dei pazienti entro 90 giorni dalla seduta odontoiatrica in ambulatorio o in ambiente ospedaliero, con esecuzione di procedure dentali, e solo se vi fossero dati precisi in cartella circa età del paziente, somministrazione di anestesia, procedura dentale effettuata, e informazioni riguardanti la causa e l'ora del decesso.

Sono stati esclusi invece dalla revisione articoli editoriali, lettere, linee guida e studi su animali, articoli che coinvolgessero pazienti con infezioni riguardanti il distretto testa e collo, con endocardite infettiva o patologie maligne riguardanti testa e collo presenti sin da prima della seduta odontoiatrica. Sono stati inoltre esclusi gli articoli che riguardassero casi con infezioni trasmesse o potenzialmente trasmesse al paziente dal personale odontoiatrico, i casi che riguardassero traumi oro-facciali (ad esempio, fratture ossee) verificatesi prima della visita odontoiatrica, e i casi in cui le procedure fossero considerate al di fuori dell'ambito odontoiatrico (ad esempio casi di osteotomia, chirurgia ortognatica, trattamento con resezioni per tumori maligni di testa e collo, tracheotomia, o ricostruzione di parti della testa e del collo) .

In seguito alla ricerca sui database sono stati individuati e analizzati cinquantasei pubblicazioni idonee, comprendenti studi retrospettivi e case report dai quali sono emersi 148 eventi mortali. In media sono stati segnalati all' anno 2,6 decessi.

La causa principale delle morti è risultata essere legata a complicazioni correlate all'anestesia / sedazione / medicazioni (n = 70). A seguire vengono le cause legate ad eventi cardiovascolari (n = 31), infezioni (n = 19), complicazioni respiratorie (n = 18), sanguinamento (n = 5), ed altro (n = 5). Sono state riscontrate inoltre associazioni significative tra la morte e l'età del paziente trattato (P <.0001), la gravità della malattia (p <.02), la stabilità della malattia (P <.006), le caratteristiche dentali (p <.05), il livello di coscienza / sedazione (P <.02), e le eventuali droghe assunte dal paziente (P <.03).

E' possibile ottenere da parte dell'odontoiatra la prevenzione degli infortuni mortali attraverso una corretta valutazione e individuazione dei pazienti a rischio per patologie sistemiche e caratteristiche fisiche in modo da poter migliorare la gestione del rischio da parte del clinico.

Il consiglio degli autori è quello di stabilire un sistema di punteggio semplice che può raggruppare i pazienti in categorie (a basso rischio, medio rischio e ad alto rischio) per predire il rischio di esiti avversi.

Un tale sistema di punteggio o lista di controllo, se convalidato, potrebbe essere integrato con le linee guida pratiche e potrebbe risultare essere di grande aiuto per ridurre la mortalità in odontoiatria nel prossimo futuro.

A cura di: Lara Figini, Coordinatore Scientifico Odontoiatria33

Bibliografia:

Death related to dental treatment: a systematic review Nathan G. Reuter, Philip M. Westgate, Mark Ingram, e Craig S. Miller Oral Surg Oral Med Oral Pathol Oral Radiol Feb 2017;123:194-204

Articoli correlati

A partire dagli anni 90, l'introduzione dei sistemi adesivi ha favorito l'utilizzo della ceramica nelle riabilitazioni protesiche. Il disilicato di litio è la ceramica più utilizzata in...


Dental Cadmos, una delle più "vecchie" riviste odontoiatriche scientifiche italiane con i suoi ottant'anni di vita (nella foto una copertina del 1970), è stata indicizzata su Web of...


L'obiettivo dell'informazione scientifica "open access" è più che nobile: rendere accessibile a tutti la ricerca scientifica. Una esigenza quella di dare la fruizione globale, gratuita,...


Obiettivi: Analizzare le eventuali linee guida sui tipi di analisi radiologica pre-operatoria da utilizzare in implantologia presenti in letteratura.Materiali e metodi: Sono stati selezionati da...


Strutture di laboratorio di alto livello e personale competente rappresentano le istanze imprescindibili per l’ottenimento di risultati eccellenti nell’ambito della ricerca scientifica ed è solo...


Altri Articoli

Rinviato il termine per inviare la dichiarazione dei redditi professionali all’ENPAM. Versamento a rate solo se attivata la domiciliazione


La precisazione arriva dal Ministero della Salute. Ecco fino a quando si potrà assumere ASO senza attestato ed entro quando chi è già assunto deve conseguirlo


CAO, ANDI, ANTLO, SNO/CNA, Confartigianato concordano un documento comune per dare indicazioni sui passaggi operativi che lo studio odontoiatrico e il laboratorio odontotecnico devono condividere


Attraverso una lettera al Governatore della Lombardia i Sindaci chiedono interventi a favore dei pazienti. Un Consigliere racconta le difficoltà di trovare un dentista che continui le cure


Nel CdA gli odontoiatri Claudio Capra (Vicepresidente), Luigi Daleffe Coordinatore del processo di attuazione della politica di investimento e Stefano Mirenghi


 
 
 
 
 
 
 
 
 
 

Speciale in Evidenza


 
 
 
 

Corsi ECM

 
 
 
 
 
 

I più letti

 
 

Corsi, Convegni, Eventi

 
 
 
 
 
 
 
 

Guarda i nostri video

Guarda i nostri video

Nuove tecnologie in studio? Le omaggia IDI EVOLUTION