HOME - Medicina Legale
 
 
16 Gennaio 2017

Decessi in ambito odontoiatrico rari ma possibili. Una revisione statunitense ne ha valutato frequenza e cause

di Lara Figini


In ambito odontoiatrico spesso può accadere che si verifichino incidenti e complicanze legate alla salute del paziente o a errori del professionista, raramente possono capitare eventi avversi tali da portare al decesso del paziente.

Ma quali sono i fattori associati al decesso del paziente sottoposto a cure odontoiatriche?

In una revisione sistematica pubblicata su Oral Surg Oral Med Oral Pathol Oral Radiol di febbraio 2017 si indaga e analizza proprio questo.

La revisione sistematica della letteratura è stata condotta presso l'Università del Kentucky Medical Center (Lexington, KY) sulla base di una ricerca elettronica con PubMed, Dental and Oral Sciences Source (DOSS), Web of Science e Cochrane database ( dal 1960 a ottobre 2015) .

Nella revisione sono stati inclusi solo gli articoli riportanti i decessi dei pazienti entro 90 giorni dalla seduta odontoiatrica in ambulatorio o in ambiente ospedaliero, con esecuzione di procedure dentali, e solo se vi fossero dati precisi in cartella circa età del paziente, somministrazione di anestesia, procedura dentale effettuata, e informazioni riguardanti la causa e l'ora del decesso.

Sono stati esclusi invece dalla revisione articoli editoriali, lettere, linee guida e studi su animali, articoli che coinvolgessero pazienti con infezioni riguardanti il distretto testa e collo, con endocardite infettiva o patologie maligne riguardanti testa e collo presenti sin da prima della seduta odontoiatrica. Sono stati inoltre esclusi gli articoli che riguardassero casi con infezioni trasmesse o potenzialmente trasmesse al paziente dal personale odontoiatrico, i casi che riguardassero traumi oro-facciali (ad esempio, fratture ossee) verificatesi prima della visita odontoiatrica, e i casi in cui le procedure fossero considerate al di fuori dell'ambito odontoiatrico (ad esempio casi di osteotomia, chirurgia ortognatica, trattamento con resezioni per tumori maligni di testa e collo, tracheotomia, o ricostruzione di parti della testa e del collo) .

In seguito alla ricerca sui database sono stati individuati e analizzati cinquantasei pubblicazioni idonee, comprendenti studi retrospettivi e case report dai quali sono emersi 148 eventi mortali. In media sono stati segnalati all' anno 2,6 decessi.

La causa principale delle morti è risultata essere legata a complicazioni correlate all'anestesia / sedazione / medicazioni (n = 70). A seguire vengono le cause legate ad eventi cardiovascolari (n = 31), infezioni (n = 19), complicazioni respiratorie (n = 18), sanguinamento (n = 5), ed altro (n = 5). Sono state riscontrate inoltre associazioni significative tra la morte e l'età del paziente trattato (P <.0001), la gravità della malattia (p <.02), la stabilità della malattia (P <.006), le caratteristiche dentali (p <.05), il livello di coscienza / sedazione (P <.02), e le eventuali droghe assunte dal paziente (P <.03).

E' possibile ottenere da parte dell'odontoiatra la prevenzione degli infortuni mortali attraverso una corretta valutazione e individuazione dei pazienti a rischio per patologie sistemiche e caratteristiche fisiche in modo da poter migliorare la gestione del rischio da parte del clinico.

Il consiglio degli autori è quello di stabilire un sistema di punteggio semplice che può raggruppare i pazienti in categorie (a basso rischio, medio rischio e ad alto rischio) per predire il rischio di esiti avversi.

Un tale sistema di punteggio o lista di controllo, se convalidato, potrebbe essere integrato con le linee guida pratiche e potrebbe risultare essere di grande aiuto per ridurre la mortalità in odontoiatria nel prossimo futuro.

A cura di: Lara Figini, Coordinatore Scientifico Odontoiatria33

Bibliografia:

Death related to dental treatment: a systematic review Nathan G. Reuter, Philip M. Westgate, Mark Ingram, e Craig S. Miller Oral Surg Oral Med Oral Pathol Oral Radiol Feb 2017;123:194-204

Articoli correlati

A partire dagli anni 90, l'introduzione dei sistemi adesivi ha favorito l'utilizzo della ceramica nelle riabilitazioni protesiche. Il disilicato di litio è la ceramica più utilizzata in...


Dental Cadmos, una delle più "vecchie" riviste odontoiatriche scientifiche italiane con i suoi ottant'anni di vita (nella foto una copertina del 1970), è stata indicizzata su Web of...


L'obiettivo dell'informazione scientifica "open access" è più che nobile: rendere accessibile a tutti la ricerca scientifica. Una esigenza quella di dare la fruizione globale, gratuita,...


Obiettivi: Analizzare le eventuali linee guida sui tipi di analisi radiologica pre-operatoria da utilizzare in implantologia presenti in letteratura.Materiali e metodi: Sono stati selezionati da...


Strutture di laboratorio di alto livello e personale competente rappresentano le istanze imprescindibili per l’ottenimento di risultati eccellenti nell’ambito della ricerca scientifica ed è solo...


Altri Articoli

I principali interventi del piano strategico FDI per i prossimi anni, ma la priorità è sensibilizzare gli Stati sulla promozione della salute orale


Per l’Agenzia delle Entrate la causa ostativa non potrà trovare applicazione se i due rapporti di lavoro persistono senza modifiche sostanziali per l’intero periodo di sorveglianza


Il problema è per gli studi al piano strada. La provocazione di Migliano: “se non venite voi a prenderli, ve li portiamo noi”


I centri dentistici DentalPro collaboreranno con la rete degli Empori Solidali delle Caritas diocesane per offrire cure gratis a determinati pazienti


Operazione del NAS che oltre allo studio dentistico porta la chiusura di una casa di cura senza autorizzazione e di un laboratorio di analisi dove i prelievi venivano fatti da un impiegato


 
 
 
 
 
 
 
 
 
 

Corsi ECM

 
 
 
 
 
 

I più letti

 
 

Corsi, Convegni, Eventi