HOME - Medicina Legale
 
 
30 Giugno 2009

Nemmeno la scienza resiste ai... reality show

di Debora Bellinzani


Provare a vivere come nella preistoria: questo è stato l’obiettivo di un reality show realizzato dalla televisione svizzera nel 2007, al quale hanno partecipato due famiglie con bambini e due ragazzi single per un totale di 10 persone. Vestiti come uomini dell’Età della pietra, hanno mangiato principalmente ciò che si sono procurati con la caccia e con la pesca senza avere alcuno strumento utile per l’igiene orale: dopo quattro settimane, i ricercatori dell’università di Berna hanno valutato la loro salute orale rilevando con sorpresa che, pur essendo aumentata la presenza batterica in generale, i parametri che indicano lo stato della salute gengivale erano sensibilmente migliorati. I risultati di questa sperimentazione sono stati appena pubblicati dal Journal of Periodontology.
“La televisione svizzera ha coinvolto fin dall’inizio le università di Berna e di Zurigo perché il reality potesse essere basato su criteri che lo rendessero una sperimentazione utile per la ricerca scientifica” spiega Stefan Baugmartner, ricercatore presso il laboratorio di microbiologia orale della Scuola di odontoiatria dell’università di Berna, in Svizzera. “Per questo le condizioni di vita dei partecipanti sono state stabilite da archeologi e sono state basate su quanto scoperto da resti rinvenuti in Svizzera e risalenti a un periodo compreso tra il 4000 e il 3500 avanti Cristo: nell’Età della pietra, sulle sponde del fiume Reno, si erano stabiliti gruppi di uomini che vivevano di caccia, di pesca e della raccolta di cereali e piccoli frutti che trovavano nell’ambiente circostante; queste condizioni sono state replicate all’interno di una riserva naturale, dove i partecipanti al reality si sono adattati a vivere solo con gli strumenti disponibili agli antichi progenitori.”
I partecipanti naturalmente avevano a disposizione una piccola scorta di cibo, ma anche questa era costituita solo da alimenti di cui gli uomini dell’insediamento preistorico avevano la possibilità nutrirsi: orzo, erbe, miele, noci, funghi, latte e carne di capra; i partecipanti sono stati invitati a integrare questa riserva, insufficiente per la sopravvivenza, con la caccia, la pesca e la raccolta di frutti come more, mirtilli e lamponi.
“Dopo quattro settimane di questo regime alimentare e senza poter mai lavare i denti in alcun modo, i batteri presenti nella placca erano aumentati per 24 specie su 74 rispetto alle analisi eseguite prima di iniziare l’avventura preistorica, ma nessuna delle specie che avevano accresciuto la loro presenza è tra quelle legate allo sviluppo di malattia parodontale” prosegue il ricercatore; “i parametri dell’infiammazione parodontale, invece, erano migliorati per tutti i partecipanti: al sondaggio, il sanguinamento ha mostrato un decremento per un valore compreso tra 34,8 e 12,6 per cento, mentre l’indice di profondità delle tasche parodontali era diminuito in media di 0,2 millimetri.”
Che cosa si può ricavare, allora, da questa “esperienza preistorica”? “Sicuramente si può concludere che i cibi assunti dai partecipanti non sono correlati all’infiammazione gengivale che invece, come dimostrano ormai diversi studi, è fortemente legata alla presenza nella dieta di zuccheri raffinati” conclude il ricercatore. “I polifenoli e le proprietà antinfiammatorie dei cereali e dei frutti di bosco, le proprietà antibatteriche del miele, i flavonoidi contenuti nei vegetali, nelle noci e nei semi, la capacità dei funghi di rafforzare il sistema immunitario hanno sicuramente portato cambiamenti nell’organismo dei partecipanti al reality e in particolare nei tessuti parodontali, in sole quattro settimane e per di più in assenza di strumenti di igiene orale. L’indicazione può essere dunque considerata valida soprattutto per chi è soggetto a infiammazione del parodonto e che, anche senza “vestirsi di pelli”, può limitare fortemente il consumo di zuccheri raffinati e adottare un tipo di alimentazione più vicina a quella degli antichi abitanti dell’Europa e più salutare per i tessuti gengivali”.

“The impact of Stone Age diet in the absence of oral hygiene on gingival conditions”
J Periodontol 2009;80(5):759-68.

GdO 2009; 9

Articoli correlati

Riflessioni e consigli del prof. Checchi in tema di salute orale e alimentazione, da condividere con i propri pazienti ma non solo


Ricercatori UK e giapponesi ipotizzano che la perdita dei denti può anche ostacolare le interazioni sociali e quindi peggiorare la qualità della vita in generale e non solo la salute


Manifesto chiede interventi urgenti contro lo stigma


Bibite gassate, le bevande considerate salutari, come quelle "energetiche", acque aromatizzate e succhi di frutta e poi gli zuccheri, merendine e tutti quegli stili di vita poco salutari stanno...


"La dieta del sorriso mangiare bene per la salute della bocca" è il titolo del libro (editore Mondadori) del prof. Luca Levrini che sarà presentato domani ore 18,30 al Mondadori...


Altri Articoli

La cronaca ci ha nuovamente regalato l’occasione per commentare, ancora una volta, un progetto legislativo dal punto di vista semantico. Che poi è la vera questione di tutte le Leggi che per...

di Norberto Maccagno


Elite Computer Italia, una delle aziende leader nello sviluppo di software e servizi informatici per il settore dentale, parte di Henry Schein One, presenta le ultime soluzioni nel...


Riguarda il Webinar con Daniele Cardaropoli per approfondire e confrontarsi sulle più attuali in tema di chirurgia parodontale.


Più sicuro se abbinato ad una registrazione analogica. L’esperienza di Costanza Micarelli: la tecnologia è un enorme aiuto ma solo se abbinata ad esperienza e conoscenze del clinico e del tecnico


Il Decreto-Legge 21 settembre 2021, n. 127  (DL Green Pass Lavoro) recante Misure urgenti per assicurare lo svolgimento in sicurezza del lavoro pubblico e privato mediante l’estensione...


 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 

Corsi ECM

 
 
 
 
 
 
 
 

I più letti

 
 

Corsi, Convegni, Eventi

 
 
 
 
 
 
 
 

Guarda i nostri video

Guarda i nostri video

ECM: abbiamo fatto il punto con Alessandro Nisio