HOME - Normative
 
 
10 Febbraio 2016

La Cassazione conferma: la musica in studio non "paga" il diritto d'autore. Assolto dentista


La Corte di Cassazione (ordinanza n. 2468/16) ha accolto il ricorso di un dentista che era stato condannato al pagamento dei diritti d'autore alla Società Consortile Fonografi per "aver diffuso nel proprio studio dentistico fonogrammi oggetto di privativa".

Per la Cassazione il ristretto numero di persone che frequentano lo studio non può essere considerato "pubblico" e quindi la tassa non deve essere versata.

Nella sentenza i Giudici della Cassazione fanno riferimento alla sentenza della Corte di Giustizia europea a cui si era appellata ANDI per difendere i diritti di un proprio iscritto condannato al pagamento dei diritti d'autore per la musica diffusa in studio.

La Corte di Giustizia europea aveva sentenziato che lo studio professionale non era un luogo pubblico e quindi non soggetto al pagamento del diritto d'autore.

Altri Articoli

Lo prevede un emendamento alla Legge europea. ANCOD: “l’eventuale approvazione comporterebbe la perdita occupazionale di 17mila persone”


Dalla fusione di GEASS e iRES GROUP nasce una nuova realtà che punta a valorizzare ulteriormente i rispettivi plus, consolidare le sinergie operative ed ampliare la presenza sul mercato


L’Ordine portoghese scriva a CR7 per complimentarsi per aver invitato a bere acqua e mette in guardia dal consumo eccessivo di bevande zuccherate


Scambio di emozioni e comunicazione  estremamente personalizzata. Le tecnolgie digitali possono essere di grande aiuto al dentista 

di Davis Cussotto


Albonetti (EDRA): “è stato associato impropriamente il nostro logo ad una iniziativa che ci vede totalmente estranei, valuteremo azioni legali” 


 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 

Corsi ECM

 
 
 
 
 
 
 
 

I più letti

 
 

Corsi, Convegni, Eventi

 
 
 
 
 
 
 
 

Guarda i nostri video

Guarda i nostri video

L’odontoiatria al digitale non è solo protesi