HOME - Normative
 
 
09 Settembre 2016

Sistema Tessera Sanitaria, a fine mese tocca anche ai laboratori odontotecnici che fatturano direttamente ai pazienti


La notizia sembra che fosse sfuggita a molti fino a quando, mercoledì 7 settembre, l'ANTLO ha pubblicato sul proprio sito una nota in cui informa che anche i laboratori odontotecnici, non accreditati e che fatturano direttamente ai pazienti, dovranno accreditarsi al Sistema Tessera Sanitaria ed inserire i dati delle fatture emesse.

L'obbligo era già previsto per le spese 2015 ma solo se i laboratori erano accreditati. Infatti la norma indica tra i soggetti tenuti all'obbligo di trasmissione dei dati 2015 "le strutture e i soggetti che erogano prestazioni di assistenza specifica e prestazioni ausiliarie della professione sanitaria, qualora siano accreditati per l'erogazione dei servizi sanitari. In base a quanto previsto dalla legge di stabilità 2016, per le prestazioni erogate a decorrere dall'anno 2016, saranno tenute all'invio dei dati anche le strutture autorizzate per l'erogazione dei servizi sanitari e non accreditate".

Lo stesso portale del Sistema Tessera Sanitaria, nella sezione FAQ, dice che sono tenuti a comunicare i dati anche i soggetti che erogano "prestazioni ausiliarie della professione sanitaria (ad esempio, ottico, podologo, fisioterapista, odontotecnico, psicologo non medico, nutrizionista, ecc.).

Quindi i laboratori odontotecnici accreditati con il SSN avrebbero dovuto inviare i dati anche per il 2015?

Forse, comunque per il titolare di laboratorio odontotecnico non poteva registrarsi al SistemaTS ed inviare i dati. Peraltro, molti analisti del settore, avevano interpretato quel "erogare" come un rapporto diretto con il paziente escludendo i contratti di fornitura, anche se prevedono il pagamento del dispositivo in solvenza diretta da parte dell'assistito.

Invece ora l'interpretazione sembra essere cambiata visto che tra qualche settimana, come ha confermato ad Odontoiatria33 un operatore del servizio assistenza del ProgettoTS che ha indicato in "metà settembre", l'attivazione di una sezione dedicata ai laboratori odontotecnici per iscriversi al SistemaTS ed inserire i dati necessari per il 730 precompilato.

Una volta registratosi, ed ottenute le credenziali, il titolare di laboratorio dovrà, entro il 31 gennaio 2017, inserire i dati delle fatture (o rimborsi) emessi ai cittadini, comprese quelle emesse ai pazienti dell'ASL. Da verificare quali dati il sistema richiederà al laboratorio, come gli estremi della prescrizione medica necessaria in quanto dispositivo medico su misura. Non dovranno invece essere inserite le fatture emesse agli studi odontoiatrici.

Nor.Mac.

Articoli correlati

Dal presidente ANTLO Mauro Marin le previsioni per il futuro della professione che è a rischio sopravvivenza a seconda delle scelte che verranno o non verranno prese


Sabato 9 novembre a Vicenza al congresso ANTLO, tavola rotonda sul futuro della professione odontotecnica al digitale


Cardamone: odontotecnico, figura tecnica estremamente importante ma non può e non deve essere inserito tra le professioni sanitarie


Nel 2007 erano 15.165, dieci anni dopo i laboratori censiti dallo studio di settore (anno 2017 dichiarazione 2018) sono 11.933, dati dell’Agenzia delle Entrate che confermano le difficoltà...


Nell’ambito delle attività sindacali che fanno parte del progetto di Federodontotecnica, è stato definito l’accordo che regolamenta il rapporto di lavoro tra le Imprese odontotecniche ed il...


Altri Articoli

Sostenuto anche dalle Regioni Ordini professionali e società scientifiche per informare i cittadini. L’invito è quello di diffonderlo per migliorare l’informazione


L’obiettivo è quello di riunire le parti interessate in specifici gruppi di Paesi europei per sensibilizzare e condividere le esperienze.


Il “padre” della prima Legge sulla pubblicità sanitaria ci racconta come è nata e perché non fu applicata nella sua totalità e dice: “oggi più di ieri al paziente serve un Ordine che possa...


L’Agenzia delle Entrate è intervenuta sul tema facendo distinguo soprattutto sui dispositivi proveniente da paesi extra UE. I chiarimenti del Consulente Fiscale SUSO


A scoprirlo il NAS di Trento, avrebbe assunto la direzione contemporaneamente in tre strutture e non era iscritto all’Albo provinciale dove esercitano


 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 

Corsi ECM

 
 
 
 
 
 

I più letti

 
 

Corsi, Convegni, Eventi

 
 
 
 
 
 
 
 

Guarda i nostri video

Guarda i nostri video

Nuove norme su Direttore sanitario e Autorizzazioni