HOME - Normative
 
 
04 Ottobre 2016

IRAP, chi può (tentare) di non pagarla. I consigli dell'esperto


Stando alle anticipazioni sulla prossima legge finanziaria la tanto discussa IRAP, l'imposta regionale sulle attività produttive, potrebbe andare in pensione per essere sostituita dall'IRI (Imposta sul Reddito Imprenditoriale) che promette meno oneri per imprese e professionisti.

Dalla sua istituzione, soprattutto per i liberi professionisti, il dibattito su chi sia veramente tenuto a pagare l'IRAP ha interessato i tribunali italiani, per via del testo della norma che si presta ad interpretazioni.

"Chiariamo subito che i dubbi interpretativi interessano il professionista che non ha dipendneti o dipendenti che non producono reddito", spiega ad Odontoaitria33 Franco Merli, dottore commercialista, consulente fiscale ANDI Genova.

I dubbi interpretativi, come li chiama il dott. Merli, arrivano da un testo della norma non chiarissimo e dalle sentenze che hanno interessato in questi anni la materia. Ultima in ordine cronologico, quella del 26 Agosto del 2016 ribadisce l'esclusione per i soggetti che hanno fatto investimenti contenuti in attrezzature e macchinari.

"Giusto chiarire che questa sentenza dà ragione ad un avvocato il cui studio non necessita di investimenti in macchinari ed attrezzature paragonabili a quelli sostenuti per uno studio odontoiatrico, anche se gestito da uno solo professionista", spiega il dott. Merli che aggiunge. "La sentenza ribadisce che l'investimento effettuato dal professionista per il proprio studio deve essere considerato "contenuto", ma senza quantificare un valore di riferimento".

Quindi è il giudice a determinare l'esclusione o meno dal pagamento dell'IRAP da parte del contribuente, evidenza l'ANDI in una nota informando che, proprio per cercare di fare chiarezza ed evitando interpretazioni discordanti sull' "autonoma organizzazione", a breve "presenterà all'Agenzia delle Entrate un documento con l'obiettivo di identificare i beni strumentali che potrebbero far parte di quella dotazione minimale affinché uno studio possa identificarsi come esente IRAP".

Ma il professionista che ritiene di avere uno studio con attrezzature contenute e senza dipendenti o magari con una sola assistente che non produce reddito, come si deve comportare?

"Il mio consiglio -dice Merli- è quello di valutare con il proprio consulente se la propria realtà professionale possa rientrare tra la casistica evidenziate dalla giurisprudenza. Se si ritiene di essere tra coloro che possono non versare l'IRAP le strade sono due: decidere di non pagare ed aspettare la probabile contestazione da parte dell'Agenzia delle Entrate oppure pagare e poi richiedere il rimborso. Ai miei clienti consiglio la seconda soluzione: garantisce di non dover, in caso di non vedersi accolta l'istanza di esenzione, pagare sanzioni ma in caso di vittoria di ottenere comunque il rimborso di quanto versato".

L'ultima considerazione del dott. Merli è quella di, comunque, valutare bene cosa fare. "Grazie alle recenti detrazione previste per coloro che hanno dipendenti sono stati, di fatto quasi, sterilizzati i valori del tributo IRAP e non sempre, considerando i costi connessi ad una azione in Commissione tributaria, conviene ricorrere".

Norberto Maccagno

Articoli correlati

La ricerca scientifica legata alla rigenerazione ossea, e al controllo delle perimplantiti aumentano le indicazioni all'utilizzo degli impianti nella pratica quotidiana. Quali scelte affrontare? Come...


La gomma da masticare diventa amara in presenza di perimplantite. E' quanto emerge da una estesa ricerca paneuropea, che promette di realizzare presto un test di autodiagnosi per i pazienti portatori...


State pensando di sostituire il vecchio riunito o di comprare il nuovo forno per ceramica oppure uno scanner o semplicemente cambiare computer e stampante? Farlo entro i prossimi 14 mesi potrebbe...


E' da sempre lo strumento più criticato ed odiato dai contribuenti mentre l'Erario lo considera indispensabile per la lotta all'evasione fiscale soprattutto in questi ultimi mesi dell'anno che...


Quella della detrazione delle spese sostenute dal dentista che si aggiorna secondo quanto imposto dall'ECM è stata, da subito, una criticità che le rappresentanze sindacali dei...


Altri Articoli

Situazione economica incerta ma anche paura di contagio tra le cause. I dati da una ricerca di Key-Stone su di un campione rappresentativo di famiglie italiane


Ampliato l’arco temporale rispetto al passato, da lunedì 26 ottobre la possibilità di presentare le domande


Grazie a ANDI, Fondazione ANDI Onlus e Mentadent nell’abito del 40°Mese della Prevenzione Dentale


Con modalità diverse, scatta il coprifuoco ed i provvedimenti regionali impongono l’obbligo di autocertificazione se ci si sposta. Ecco consa è previsto nelle tre regioni


L’allarme arriva dal Congresso Perio 2020. Aumentano le prescrizioni di bite ed i pazienti con micro fratture dentali causate da bruxismo da stress


 
 
 
 
 
 
 
 
 
 

Annuncio in Evidenza


14 Ottobre 2020
Vedo moderno ed avviato studio a Milano

Moderno e avviato studio dentistico, regolarmente autorizzato, mq 80, predisposto per due unità operative, stanza sterilizzazione, radiografico opt e dotato di strumentazione per esercitare le principali branche odontoiatriche, spogliatoio e bagno per il personale, bagno per pazienti. Possibilità di subentro graduale con varie soluzioni. Milano, zona Bicocca-Niguarda. Trattativa riservata. 345 9776587. mail: aumas001@gmail.com

 
 

Speciale in Evidenza


 
 
 
 

Corsi ECM

 
 
 
 
 
 

I più letti

 
 

Corsi, Convegni, Eventi

 
 
 
 
 
 
 
 

Guarda i nostri video

Guarda i nostri video

I trucchi per convivere con il rischio Covid in studio