HOME - Normative
 
 
12 Gennaio 2017

Direzione sanitaria di poliambulatori, per la FNOMCeO possibile anche per l'iscritto all'Albo degli odontoiatri. Cairoli (CAO Varese): si conferma il ruolo paritetico tra medico ed odontoiatra


Nel 2015, in risposta ad un quesito posto dall'OMCeO di Padova sul ruolo del direttore sanitario, la FNOMCeO evidenziava come in una struttura in cui si pratichi l'odontoiatria il direttore sanitario dovesse essere iscritto all'Albo degli odontoiatri mentre, nel caso di un poliambulatorio in cui si pratichi anche l'odontoiatria, il direttore sanitario potesse anche essere un iscritto unicamente all'Albo dei medici nominando un odontoiatra come responsabile di branca.

Verso questo pronunciamento il presidente CAO di Varese Jean Louis Cairoli (nella foto), nel maggio 2016, ha chiesto al presidente FNOMCeO Roberta Chersevani ulteriori chiarimenti.

"A mio parere - spiega il presidente Cairoli ad Odontoiatria33 - dovrebbe valere anche il contrario in quanto i compiti di un Direttore Sanitario sono, per quanto attiene alle mansioni "generalistiche", perfettamente eseguibili da un odontoiatra. In questo caso in un poliambulatorio dove vengano esercitate entrambe le professioni, dovrà esserci un responsabile di settore per l'attività medica".

FNOMCeO ha di fatto accolto le precisazioni del presidente CAO di Varese chiarendo che nella nota del 2015 "si faceva riferimento al caso, generalmente più frequente, in cui la struttura sanitaria polispecialistica offra in prevalenza prestazioni medico chirurgiche rispetto a quelle odontoiatriche".

"È evidente in questo caso -continua la presidente FNOMCeO nella nota- che anche ai sensi dell'art. 69 del vigente Codice di Deontologia medica, la direzione sanitaria debba essere assunta da un iscritto all'Albo dei medici mentre sarebbe necessaria la nomina di un responsabile per l'odontoiatria iscritto ovviamente all'albo degli odontoiatri. Appare corretto, peraltro, che, qualora la struttura sanitaria complessa svolgesse in prevalenza funzioni odontoiatriche mentre le prestazioni mediche fossero residuali in termini quantitativi, la direzione sanitaria sia assunta da un iscritto all'Albo degli odontoiatri, mentre, correlativamente, sarebbe necessario individuare un responsabile per il settore medico".

Presidente Chersevani che conclude la nota condividendo con il presidente CAO di Varese

la "necessità di privilegiare il principio paritetico fra le due professioni che costituisce una corretta applicazione dei contenuti degli artt. 1 e 69 del Codice di Deontologia medica".

Soddisfatto il presidente Cairoli giudicando la posizione della FONOMCeO una conferma del ruolo paritetico, pur nelle rispettive specificità dell'iscritto all'Albo degli odontoiatri.

Ora, aggiunge, "si dovrà lavorare sui Sistemi Sanitari Regionali e al Ministero della Salute per affermare questo concetto superando concetti che non tengono pienamente conto dell'evoluzione del sistema sanitario. Si pensi alla sempre più frequente collaborazione tra differenti professionalità mediche (la presenza di un anestesista, un chirurgo maxillo faciale, un medico estetico).

Grandi vantaggi si prospettano per la tutela della salute e gli interessi del cittadino paziente, per le possibilità di ottimizzare le spese di strutture e sanitari. Infine preziosa la possibilità di sfruttare la capillarità sul territorio degli studio odontoiatrici, per erogare differenti prestazioni sanitarie ai pazienti".

Norberto Maccagno

Articoli correlati

Dopo l’approvazione del Ddl sull’abolizione anche per odontoiatria dell’esame di stato, Iandolo(CAO) chiede: “Ora conferirle valenza specialistica” 


Il presidente CAO evidenza come il protocollo indicato dal Ministero per prevenire il contagio in studio è risultato efficace ed ipotizza possibili riduzioni di procedure in particolare per il...


L’obiettivo: individuare le soluzioni e far funzionare al meglio l’odontoiatria italiana, rendendo un migliore servizio per tutti i cittadini e i professionisti coinvolti


Ha lo stesso valore legale di una raccomandata ma si invia (gratis) dal computer. Sarà l’unico modo per comunicare con la PA. Ecco come utilizzarla e richiederla gratuitamente


Condividendo la volontà di differire il pagamento dei contributi previdenziali del 2018, i presidenti Rossi e Senna chiedono un rinvio anche per quelli dovuti nel 2020


Altri Articoli

Insediati i nuovi organi direttivi 2021-2024, Giudo Giustetto confermato presidente OMCeO. Ecco nomi e cariche della nuova Commissione Albo Odontoiatri


Dai dati Ebipro, durante il lockdown tra tutti gli studi professionali sono stati i dentisti quelli che hanno presentato più domande. Ora ad essere in crisi sono altre professioni 


L’Ateneo palermitano ha realizzato una serie di strumenti e materiale informativo per dare risposte chiare e semplici ai quanti chiedono informazioni 


Con il nuovo stand espositivo virtuale, VOCO offre l’opportunità di informarsi rapidamente e in modo completo su prodotti, offerte e opzioni per il flusso di lavoro digitale ...


Óscar Castro ha incontrato i rappresentanti di diversi partiti politici spagnoli affrontando questi due temi di grande importanza


 
 
 
 
 
 
 
 
 
 

Annuncio in Evidenza


14 Ottobre 2020
Vedo moderno ed avviato studio a Milano

Moderno e avviato studio dentistico, regolarmente autorizzato, mq 80, predisposto per due unità operative, stanza sterilizzazione, radiografico opt e dotato di strumentazione per esercitare le principali branche odontoiatriche, spogliatoio e bagno per il personale, bagno per pazienti. Possibilità di subentro graduale con varie soluzioni. Milano, zona Bicocca-Niguarda. Trattativa riservata. 345 9776587. mail: aumas001@gmail.com

 
 

Speciale in Evidenza


 
 
 
 

Corsi ECM

 
 
 
 
 
 

I più letti

 
 

Corsi, Convegni, Eventi

 
 
 
 
 
 
 
 

Guarda i nostri video

Guarda i nostri video

I trucchi per convivere con il rischio Covid in studio