HOME - Normative
 
 
20 Giugno 2017

Studi di settore addio. Già per l'esercizio 2017 il reddito sarà presunto attraverso i "voti" dell'indicatore di compliance


Con l'approvazione della manovra correttiva (Ddl 50/2017) vanno definitivamente in pensione gli Studi di settore che vengono sostituiti con gli indici sintetici di affidabilità fiscale che saranno già in vigore per l'esercizio 2017.

Entro 90 giorni dalla data di entrata in vigore del Ddl, l'Agenzia delle Entrate dovrà emanare gli indici di normalità applicabili alle attività interessate. Da qualche mese le Entrate, il So.Se. stanno lavorando con le associazioni di categorie delle professioni ed attività interessate per definirli.

Cosa sono gli indici sintetici di affidabilità fiscale

Sono gli indicatori che consentiranno di ipotizzare il reddito aziendale sulla base di indicatori specifici per ogni tipo di attività. I paramenti saranno approvati (ed indicati) entro il 31 dicembre del periodo di imposta per il quale sono applicati. Potranno essere aggiornati fino al mese di febbraio dell'anno successivo per il verificarsi di eventi straordinari.

Il rispetto dei parametri sarà valutato con un indicatore di compliance basato su di un dato sintetico che fornisce, su una scala da 1 (poco) a 10 (molto), il grado di affidabilità del contribuente. Quelli affidabili potranno godere del regime premiante, mentre gli altri potranno essere sottoposti a verifica , e non sempre sarà possibile adeguarsi come avviene oggi.

Per chi ottiene un punteggio tra l'8 ed il 10 potrà anche ottenere più velocemente i rimborsi fiscali, vedersi escluso da alcuni adempimenti fiscali e vedere ridursi il periodo di accertamento e controlli fino all'esclusione degli accertamenti per presunzioni semplici.

Gli indicatori per il calcolo dell'affidabilità fiscale, che saranno indicati per ogni singola attività e professione, stimeranno sulla base degli ultimi 8 anni di attività, il reddito presunto del professionista o della impresa.

 

Nor.Mac.

Per approfondire:

8 Settembre 2016: Studi di settore addio, arrivano i voti dell'Indicatore di compliance. Libero (ANDI), aspettiamo di capire prima di giudicare, determiniate sarà il nostro ruolo per calibrare i nuovi parametri

Articoli correlati

Dopo il calo registrato nel 2015 e 2016 tornano ad aumentare le partite iva degli studi odontoiatrici, anche come singoli professionisti. Il dato arriva dall’Agenzia delle Entrate che ha...


Nel 2007 erano 15.165, dieci anni dopo i laboratori censiti dallo studio di settore (anno 2017 dichiarazione 2018) sono 11.933, dati dell’Agenzia delle Entrate che confermano le difficoltà...


Tra le tante novità che il 2019 porta sui temi fiscali c’è anche il “pensionamento” degli Studi di Settore che vengono sostituiti con gli ISA (Indici Sintetici di Affidabilità) e che si...


Continua a ridursi (anche se di poco) il numero di studi odontoiatrici attivi sul territorio nazionale mentre rimane stabile, il fatturato. La fotografia arriva dai dati statistici messi a...


Chiudono gli studi singoli, tiene il fatturato ma sono le società ad incrementare


Altri Articoli

Concorso per esami con prova scritta ed orale. Le domande solo online entro il 17 dicembre 2020, questi i requisiti necessari per candidarsi


Video intervista al prof. Roberto Burioni per capire le varie differenze tra i test per individuare il Covid, il ruolo di dentisti ed igienisti dentali ed i consigli nella prevenzione del contagio in...


Rinnovate le cariche istituzionali per i prossimi 3 anni del Consiglio Direttivo, Collegio dei Probiviri, Collegio dei Revisori dei Conti


Per il dott. Massimo Corradini questa è una incongruenza. Le sue riflessioni ripercorrendo le tappe che hanno portato l’istituzione della professione odontoiatrica


La cura dei pazienti è affare diverso dall’infilare delle viti nell’osso. Così il prof. Massimo Gagliani commentando un articolo pubblicato sul JDR nel suo Agorà del lunedì ...

di Massimo Gagliani


 
 
 
 
 
 
 
 
 
 

Speciale in Evidenza


 
 
 
 

Corsi ECM

 
 
 
 
 
 

I più letti

 
 

Corsi, Convegni, Eventi

 
 
 
 
 
 
 
 

Guarda i nostri video

Guarda i nostri video

Sileri: serve un restyling della professione ponendola come branca nobile della medicina