HOME - Normative
 
 
26 Giugno 2017

Ricetta non ripetibile, attenzione alla compilazione. Possibili sanzioni


Sono i farmaci per la cui prescrizione è richiesta una ricetta medica che deve essere rinnovata volta per volta -ad esempio l'Aulin per citarne uno largamente prescritto in odontoiatria- farmaci che possono determinare, con l'uso continuato, stati tossici o possono comportare, comunque, rischi particolarmente elevati per la salute.

Secondo quanto previsto dal D.lgs 219/2006 - pubblicato nella Gazzetta Ufficiale il 21 giugno 2006 - in attuazione della direttiva CE n. 2001/83/CE le ricette non ripetibili devono indicare nome e cognome del paziente oppure il codice fiscale, la tipologia del farmaco che viene prescritto, la data esatta di compilazione ed il luogo della stessa, i dati relativi all'eventuale esenzione oltre ai dati del medico prescrivente e la sua firma.

La ricetta ha validitàÌ limitata a 30 giorni.

L'errata compilazione comporta una sanzione che varia da 300 a 1.800 euro. Sanzionabile anche il farmacista che accetta una ricetta non compilata correttamente.

E' notizia di questi giorni, la fonte è l'OMOCeO di Latina che informa di 600 euro di multa inflitta a tre iscritti per errata compilazione di una ricetta riferita ad un farmaco inserito nell'elenco di quelli che necessitano una ricetta non ripetibile.

A questo link l'elenco dei farmaci per cui necessita di una ricetta ripetibile.

Articoli correlati

In una revisione sistematica, pubblicata su OOO di novembre 2020, gli autori hanno valutato il rischio di sanguinamento nelle procedure di implantologia dentale in pazienti che assumevano...

di Lara Figini


Dalla Giornata Mondiale dei Farmacisti un messaggio verso una maggiore collaborazione. SIdP conferma: fondamentale nella gestione dei farmaci e degli ausili per la salute orale prescritti dallo...


L’associazione tra malattie sistemiche (cardiovascolari, diabete mellito, artrite reumatoide, sindrome metabolica) e parodontite è stata ampiamente discussa. Tuttavia, poco si...

di Giulia Palandrani


Un nuovo approccio clinico basato sulla medicina dei sistemi, per la cura della malattia parodontale, che in Italia colpisce il 60% della popolazione


Quaranta (ANCAD) ricorda che la stessa legge regolamenta anche la vendita di anestetici ad uso odontoiatrico e mette in guardia depositi e dentisti


Altri Articoli

Nella restaurativa abbiamo visto tutto e il suo contrario, nella protesi pure. Il tema affrontato dal prof. Massimo Gagliani è quello dei perni

di Massimo Gagliani


Berrutti (UNIDI): Lo spostamento di Expodental Meeting a giugno tiene conto del mutato calendario fieristico e della volontà di espositori e visitatori di incontrarsi nuovamente


La Regione: quelli che svolgono tirocinio sono da considerare a tutti gli effetti operatori sanitari ai fini della normativa in materia di profilassi vaccinale


L’Associazione chiede di inserire nel Milleproroghe l’esenzione IVA su tutti i DPI finché non sia definitivamente superato lo stallo delle vaccinazioni e superato lo stato di emergenza


Assessore Lopalco: Ci vuole un po’ di pazienza, ma nel giro di qualche settimana riusciremo a vaccinare tutti gli operatori sanitari, odontoiatri compresi


 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 

Corsi ECM

 
 
 
 
 
 

I più letti

 
 

Corsi, Convegni, Eventi

 
 
 
 
 
 
 
 

Guarda i nostri video

Guarda i nostri video

La nuova visione della parodontologia: sempre più correlata alla salute generale