HOME - Normative
 
 
30 Marzo 2018

Cassazione conferma responsabilità direttore sanitario nel caso di abusivismo

La responsabilità è tale anche se il direttore sanitario si era spacciato per laureato in odontoiatria

Norberto Maccagno

E’ forse la vicenda da cui nasce la sentenza 14501/18 della Corte di Cassazione ad incuriosire più che i contenuti della sentenza stessa, che ribadiscono le responsabilità del direttore sanitario.  

La Corte è stata chiamata a pronunciarsi sulla proposta di ricorso contro la sentenza del Tribunale di Pavia e della Corte di Appello di Milano che avevano condannato e confermato la perna “di mesi uno di reclusione” per il reato di concorso ed esercizio abusivo di una professione, un direttore sanitario di uno studio odontoiatrico organizzato come SaS; società il cui amministratore era un odontotecnico denunciato per esercizio abusivo della professione odontoiatrica.  

Direttore sanitario che, leggiamo nella sentenza, è rimasto in carica dal 2008 al 2011 ma non era un odontoiatra: si era si era qualificato come tale nella dichiarazione inviata all’Asl per l’autorizzazione sanitaria. Ma la condanna non riguarda questo fatto.   La condanna lo vede condannato in quanto, come direttore sanitario, avrebbe consentito all’odontotecnico di esercitare abusivamente la professione o meglio non avrebbe vigilato perché questo non avvenisse.  

Le motivazioni avanzate contro le sentenze dal presunto direttore sanitario entrano nel merito della procedura seguita dagli inquirenti ma anche sul fatto che l'imputato “non abbia mai svolto l'attività di odontoiatra” e che quindi non sia imputabile per concorso nel reato di esercizio abusivo di una professione commessa dall’odontotecnico e che comunque il fatto “è di modesta gravità”.  

E la Cassazione motiva, invece, che le sentenze erano corrette nel ritenere il direttore sanitario responsabile in quanto, si legge nella sentenza, “non può ritenersi che l'imputato abbia assunto e mantenuto la direzione sanitaria dello studio senza essere a conoscenza del fatto che ivi si svolgesse l'attività odontoiatrica da parte di un semplice odontotecnico. All'imputato non poteva sfuggire, nei pur saltuari accessi effettuati, che lo studio non era attrezzato come semplice laboratorio per la creazione e la sistemazione delle protesi, ma come luogo ove si ricevevano i pazienti e si somministravano loro cure dirette, essendo munito di un classico «riunito» allo studio dentistico e dotato dei farmaci necessari per l'esercizio della professione odontoiatrica. Erano, inoltre, facilmente rinvenibili le annotazioni degli appuntamenti che il concorrente prendeva con gli ignari pazienti. Né infine gli poteva sfuggire che nessun professionista esterno aveva in quel periodo preso in locazione lo studio”.  

Quindi il direttore sanitario è sempre responsabile, anche se non ha le caratteristiche per essere direttore sanitario.

Articoli correlati

Deferite tre persone alla Procura di Reggio Emilia: i legali rappresentanti di un centro odontoaitrico ed il direttore sanitario


A scoprirlo il NAS di Trento, avrebbe assunto la direzione contemporaneamente in tre strutture e non era iscritto all’Albo provinciale dove esercitano


Attraverso una video intervista al dott. Andrea Tuzio, consulente OMCeO Roma, cerchiamo di fare il punto sulle norme che regolamentano la figura del direttore sanitario e quelle sulle autorizzazioni


La sentenza ribadisce la necessità che il messaggio riporti il nominativo del responsabile della vigilanza sulla sicurezza e la qualità dei servizi erogati


Video intervista all’avvocato Maddalena Giungato in tema di pubblicità in odontoiatria e responsabilità del direttore sanitario


Altri Articoli

La disparità di trattamento, in tema di aiuti causa pandemia, tra attività gestite da un iscritto ad un Albo professionale e quella da un cittadino munito di partita iva è...

di Norberto Maccagno


Ufficialmente sul sito del Ministero le “Indicazioni operative per l'attività odontoiatrica durante la fase 2 della pandemia Covid-19”


Lo prevede il Decreto Scuola approvato al Sentato. Sarà la Commissione ECM a chiarire le modalità di accesso per i liberi professionisti 


Il Sole 24 Ore quantifica il divario degli aiuti messi in campo dal governo tra professionisti ed imprese. Sopra i 50 mila euro, a parità di reddito e danno i professionisti sono dimenticati


Quali gli strumenti da adottare, quali le indicazioni. Prof. Azzolini: attraverso gli occhi il virus può infettare gli operatori


 
 
 
 
 
 
 
 
 
 

Speciale in Evidenza


 
 
 
 

Corsi ECM

 
 
 
 
 
 

I più letti

 
 

Corsi, Convegni, Eventi

 
 
 
 
 
 
 
 

Guarda i nostri video

Guarda i nostri video

COVID-19 ed odontoiatria, il punto del prof. Roberto Burioni