HOME - Normative
 
 
03 Maggio 2018

POS, cartellino rosso al decreto con le sanzioni

Parere di incostituzionalità del Consiglio di Stato

Nor. Mac.

Dal 2014 i professionisti hanno l’obbligo di accettare i pagamenti attraverso i POS e gli strumenti di pagamento tracciabili, ma la legge che ha istituito l’obbligo non ha previsto sanzioni.  

Per “colmare” la lacuna, il MISE aveva presentato un decreto che prevede la stazione di 30 euro verso il commerciante o il professionista che rifiuta di accettare un pagamento con bancomat o carta di credito. Il decreto era stato inviato per il parere previsto prima della approvazione al Consiglio di Stato che lo ha rimandato al mittente con parere negativo. 

Secondo quanto riportano organi di stampa “l’obbligo che impone a commercianti e professionisti di accettare pagamenti con carta di debito e di credito viola il principio della ‘riserva di legge’, perché non è adeguatamente regolamentato da una norma primaria”. La decisione del Ministero di aggirare il problema rifacendosi alle sanzioni previste dall’articolo 693 del codice di procedura penale, rileva il Consiglio di Stato, non è sufficiente a garantire la correttezza formale della disciplina sanzionatoria, anche perché di fatto comporta l’applicazione di una sanzione precedente alla norma relativa all’obbligo da rispettare. 

Il Consiglio di Stato che pur sottolineando l’importanza della misura di obbligo di POS ai fini della lotta al riciclaggio, all’evasione e all’elusione fiscale evidenza come il fine debba essere perseguito “con l’adozione di provvedimenti rispettosi, sotto l’aspetto formale e sostanziale, dei principi fondamentali dell’ordinamento giuridico”. 

Con il parere negativo allo schema di decreto, il Consiglio di Stato chiede al MISE una “relazione tecnica che illustri le soluzioni ritenute possibili per superare i profili di incostituzionalità legati alle considerazioni sopra esposte”. 

Articoli correlati

Una ricerca dell'Università di Ferrara e di Milano ha valutato l’efficacia di differenti DPI e di una soluzione a base di perossido di idrogeno nel contrastare la diffusione mediante aerosol di...

di Lara Figini


Precisazioni su quali sono i dati delle fatture da comunicare attraverso il STS e come comportarsi se la fattura viene o non viene pagata con il POS dell’intestatario della fattura


Compositi nanoriempiti/nanoibridi vs compositi ibridi: dati di una recente revisione sistematica


Nonostante i materiali compositi abbiano molti vantaggi – tra cui rapida polimerizzazione, buona adesione al tessuto dentale, facile manipolazione, facilità di riparazione,...

di Lara Figini


CR7, l’otturazione, la scelta tra indiretta e diretta, l’influenza del materiale sul risultato e della differenza tra la realizzazione manuale e quella attraverso una macchina. Tutto...

di Massimo Gagliani


Altri Articoli

Marin (ANTLO): ognuno a caldeggiare le proprie necessità, perché non si è fatto fronte comune? Davanti alla salute, misero rivendicare distinguo sindacali


Il presidente Landi su Open Access Government: la pandemia può essere un’opportunità per favorire l’accesso alle cure odontoiatriche e ripensare il futuro del settore


ANTLO incaricata dalla Regione di raccogliere i dati di tutti i titolari di laboratorio, socie e dipendenti inserendoli nel sistema di prenotazione della Regione


L’Associazione Odontoiatria Privata Italiana scrive la Ministro Speranza: ''mettiamo a disposizione i nostri studi quali ulteriori punti di vaccinazione''


Entro fine mese si devono comunicare i dati del 2020 secondo le vecchie disposizioni, ma per il 2021 la comunicazione diventa mensile e con più dati da inserire


 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 

Corsi ECM

 
 
 
 
 
 

I più letti

 
 

Corsi, Convegni, Eventi

 
 
 
 
 
 
 
 

Guarda i nostri video

Guarda i nostri video

La professoressa Antonella Polimeni si racconta