HOME - Normative
 
 
20 Settembre 2018

Sanare errori di inquadramento contrattuale per l’ASO

L’esperienza della CAO di Brescia può fare scuola

Norberto Maccagno

Tra i dubbi interpretativi che il nuovo profilo ASO, diventato operativo lo scorso aprile, c’è quello del corretto inquadramento contrattuale per vedersi riconosciuta l’attività pregressa ed evitare di conseguire l’attestato che sarà necessario per essere assunta come Assistente di Studio Odontoiatrico. 

l testo del Decreto che istituisce la figura professionale dell’ASO, indica che sono esentati dal conseguimento dell’attestato di qualifica i lavoratori che “hanno o hanno avuto l'inquadramento contrattuale di Assistente alla Poltrona, e possono documentare un'attività lavorativa, anche svolta e conclusasi in regime di apprendistato, di non meno di trentasei mesi, anche non consecutiva, espletata negli ultimi cinque anni antecedenti l'entrata in vigore del medesimo decreto del Presidente del Consiglio dei Ministri”.  

Il problema nasce dal fatto che negli anni, più per una non conoscenza del ruolo dell’assistente alla poltrona da parte dei consulenti del lavoro che per altro, molte lavoratrici sono state iscritte come impiegate o segretarie pur avendo mansioni da ASO.

Della questione si è interessata la CAO Nazionale attivando un tavolo congiunto e recentemente il SIASO ha interpellato il Ministero chiedendo chiarimenti. 

Una soluzione potrebbe essere quella analizzata dal dott. Luigi Veronesi presidente della CAO di Brescia e Coordinatore della Commissione nazionale: relazioni con l'esterno della CAO. 

“Il problema è molto sentito e rischia di vanificare il percorso lavorativo di molte delle Assistenti che da decenni affiancano l’odontoiatria in studio”, racconta ad Odontoiatria33 il presidente CAO Brescia Luigi Veronesi (nella foto). “Dopo aver analizzato la situazione ci siamo rivolti al Centro per l’Impiego locale con il quale ci siamo confrontati ed abbiamo concordato la possibilità di effettuare una sorta di modifica retroattiva delle mansioni delle assistenti alla poltrona che erano state inquadrate in maniera diversa”. 

Secondo quanto riporta il presidente Veronesi, il Centro per l’Impiego di Brescia evidenza la possibilità di sanare “l’errore” di comunicazione da parte di un consulente di tenuta paghe circa l'inquadramento mansionistico di un dipendente con una sorta di ravvedimento.

“Ovviamente –spiega il presidente Veronesi- il datore di lavoro dovrà eventualmente sanare la posizione INAIL, lasciando pure, perché non correggibile, la comunicazione precedente al sopra citato centro per l'impiego non osta il fatto che, invece, nel contratto di lavoro siano chiarite le reali mansioni. Unico vincolo che il contratto di lavoro a cui l’Assistente ha aderito comprenda la mansione di Assistente alla poltrona”.    

Articoli correlati

Il 13 e 14 Febbraio 2019, al Centro Studi Civita 2000, ente di formazione di Civita Castellana (VT) accreditato presso la Regione Lazio, hanno conseguito la certificazione alla nuova qualifica ASO -...


Poco più della metà della popolazione europea (55%) ha dichiarato che nel 2017 le spese mediche sostenute non sono state un peso dal punto di vista economico. I dati arrivano dalla ricerca annuale...


Su Odontoiatria33 è apparso un articolo a firma del direttore Norberto Maccagno secondo il quale il vero punto dello scontro tra il SIASO Confsal e ANDI in relazione alla nuova figura del CSO sono...


Nata da poco più di un mese, la nuova figura del Collaboratore di Settore Odontoiatrico, prevista all'interno del Contratto collettivo nazionale di lavoro degli studi professionali...


La questione delle possibili sovrapposizioni di mansioni del Collaboratore di Settore Odontoiatrico con quelle della figura dell’Assistente Studio Odontoiatrico, finisce sul tavolo del Ministro...


Altri Articoli

Giornata internazionale della felicità, Giornata internazionale delle Foreste, Giornata internazionale per l’eliminazione della discriminazione razziale, Giornata mondiale della pace interiore,...


Alcuni farmaci di uso comune possono avere come effetto indesiderato, un aumento del volume e del sanguinamento gengivale e portare all'insorgenza di gengiviti, pertanto bisogna informare il dentista...


Come A.M.I.C.O. (Associazione Medici e Igienisti Centri Odontoiatrici), vogliamo ringraziare la Federconsumatori per i preziosi consigli che hanno messo a disposizione della comunità di pazienti...


Spett. Direttore,come dentista e direttore sanitario seguo con interesse da tempo i suoi DiDomenica. La sua prospettiva e il suo approccio alle problematiche del nostro settore a mio parere sono...


La Terapia Neurale è un sistema terapeutico basato sulla “regolazione del Sistema Nervoso” mediante l’applicazione di un anestetico locale che permette di migliorare la ripolarizzazione della...


 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 

Corsi ECM

 
 
 
 
 
 

I più letti

 
 

Corsi, Convegni, Eventi