HOME - Normative
 
 
20 Settembre 2018

Sanare errori di inquadramento contrattuale per l’ASO

L’esperienza della CAO di Brescia può fare scuola

Norberto Maccagno

Tra i dubbi interpretativi che il nuovo profilo ASO, diventato operativo lo scorso aprile, c’è quello del corretto inquadramento contrattuale per vedersi riconosciuta l’attività pregressa ed evitare di conseguire l’attestato che sarà necessario per essere assunta come Assistente di Studio Odontoiatrico. 

l testo del Decreto che istituisce la figura professionale dell’ASO, indica che sono esentati dal conseguimento dell’attestato di qualifica i lavoratori che “hanno o hanno avuto l'inquadramento contrattuale di Assistente alla Poltrona, e possono documentare un'attività lavorativa, anche svolta e conclusasi in regime di apprendistato, di non meno di trentasei mesi, anche non consecutiva, espletata negli ultimi cinque anni antecedenti l'entrata in vigore del medesimo decreto del Presidente del Consiglio dei Ministri”.  

Il problema nasce dal fatto che negli anni, più per una non conoscenza del ruolo dell’assistente alla poltrona da parte dei consulenti del lavoro che per altro, molte lavoratrici sono state iscritte come impiegate o segretarie pur avendo mansioni da ASO.

Della questione si è interessata la CAO Nazionale attivando un tavolo congiunto e recentemente il SIASO ha interpellato il Ministero chiedendo chiarimenti. 

Una soluzione potrebbe essere quella analizzata dal dott. Luigi Veronesi presidente della CAO di Brescia e Coordinatore della Commissione nazionale: relazioni con l'esterno della CAO. 

“Il problema è molto sentito e rischia di vanificare il percorso lavorativo di molte delle Assistenti che da decenni affiancano l’odontoiatria in studio”, racconta ad Odontoiatria33 il presidente CAO Brescia Luigi Veronesi (nella foto). “Dopo aver analizzato la situazione ci siamo rivolti al Centro per l’Impiego locale con il quale ci siamo confrontati ed abbiamo concordato la possibilità di effettuare una sorta di modifica retroattiva delle mansioni delle assistenti alla poltrona che erano state inquadrate in maniera diversa”. 

Secondo quanto riporta il presidente Veronesi, il Centro per l’Impiego di Brescia evidenza la possibilità di sanare “l’errore” di comunicazione da parte di un consulente di tenuta paghe circa l'inquadramento mansionistico di un dipendente con una sorta di ravvedimento.

“Ovviamente –spiega il presidente Veronesi- il datore di lavoro dovrà eventualmente sanare la posizione INAIL, lasciando pure, perché non correggibile, la comunicazione precedente al sopra citato centro per l'impiego non osta il fatto che, invece, nel contratto di lavoro siano chiarite le reali mansioni. Unico vincolo che il contratto di lavoro a cui l’Assistente ha aderito comprenda la mansione di Assistente alla poltrona”.    

Articoli correlati

Le bevande a base di soia sono sempre più promosse come alternative salutari al latte bovino, ma dati di letteratura ne evidenziano le differenti proprietà anticariogene e...

di Lara Figini


Siamo tutti orgogliosi e appassionati del nostro lavoro che svolgiamo con entusiasmo e coinvolgimento emotivo, specialmente quando in poltrona ritroviamo i pazienti più affezionati che ci...


Con la nascita della nuova figura di “Assistente di Studio Odontoiatrico (A.S.O.), introdotta dal Decreto del Presidente del Consiglio dei Ministri del 09.02.2018, il conseguimento della qualifica...


L’iniziativa mira a creare un percorso di screening per prevenire le patologie della salute dentale bambini tra i 6 ed i 12 anni. l percorso prevede che il Pediatra del piccolo paziente lo invii...


Gent.mo direttoremi permetto di scriverle un paio di considerazioni sull'suo DiDomenica dal titolo "Odontoiatria Instant Fashion, il dubbio non è sulla qualità ma sulla sostenibilità".1) Nel...


Altri Articoli

Le nuove disposizioni sulla pubblicità sanitaria entrate in vigore dal primo gennaio con la promulgazione della Legge di Bilancio 2019 (Art.1, comma 525 e 536, legge n. 145/2018) sono in...


La seduta di igiene orale professionale non è una procedura cosmetica ma un vero e proprio atto terapeutico e, se non è eseguita in modo corretto, può creare danni. Ad evidenziarlo...


Da sinistra l’Assessore Quirico Sanna, Kathryn Kell Presidente FDI, il vice Gerhard Seeberger ed Enrico Lai (AIO)

La salute orale in cima all’agenda delle priorità politiche della sanità sarda e della Regione: sono in piena sintonia la Giunta regionale e la Leadership della FDI, Fédération Dentaire...


Diciotto mesi orsono, si è costituita la FEDERODONTOTECNICA. Non voleva essere una ulteriore compagine associativa, bensì un elemento di novità; novità derivante da fattori che non facevano parte...


Se entro fine mese il Senato approverà senza modifiche il Decreto Crescita, già approvato alla Camera, tra le misure che entreranno in vigore anche la proroga dei termini dei versamenti delle...


 
 
 
 
 
 
 
 
 
 

Corsi ECM

 
 
 
 
 
 

I più letti

 
 

Corsi, Convegni, Eventi