HOME - Normative
 
 
23 Gennaio 2019

“Resto al Sud”, le opportunità per ricevere fondi per aprire studio e laboratorio


Si chiama “Resto al Sud” ed è un progetto promosso dal Ministro per la Coesione territoriale e il Mezzogiorno che punta a sostenere e finanziare la nascita di nuove imprese promosse da under 46 residenti nelle regioni Abruzzo, Basilicata, Calabria, Campania, Molise, Puglia, Sardegna e Sicilia.

Ogni soggetto può ricevere un finanziamento massimo di 50 mila euro e può essere attivato anche per attività professionali (studi odontoiatrici) o artigianali (laboratori odontotecnici), grazie alle novità approvate nella manovra finanziaria. Possono richiedere l’agevolazione i professionisti under 46 che nei dodici mesi precedenti la richiesta non devono essere titolari di partita Iva per un'attività analoga a quella proposta per il finanziamento, mentre possono usufruire delle agevolazioni i professionisti, ex dipendenti di uno studio, che decidessero di aprirne uno in proprio.  

Il contributo consente di coprire il 100% delle spese (fino ad un massimo di 50 mila euro) attraverso un contributo a fondo perduto pari al 35% dell’investimento ed il restante 65% attraverso un prestito bancario garantito dal Fondo di Garanzia per le Pmi.  

La gestione delle domande è a carico di Invitalia, l'Agenzia nazionale per l’attrazione degli investimenti e lo sviluppo d'impresa, di proprietà del Ministero dell'Economia. Per informazioni a questo link.  

Articoli correlati

Le Società di capitale dovranno versare il contribuito già per il fatturato 2018


cronaca     11 Settembre 2018

Rateizzazione dei contributi ENPAM

Sabato l’ultimo giorno utile, ecco come farlo


Le indicazioni di ENPAM sui soggetti coinvolti e sulle modalità contributive


Altri Articoli

Storica sentenza di un tribunale australiano nei confronti di un anonimo paziente che invitava a stare alla larga da uno studio dentistico. Google dovrà fornire le generalità


Deferiti dai NAS di Milano all’Autorità Giudiziaria per trattamenti con la tecnica PRP senza autorizzazioni dei centri trasfusionali pubblici


E’ corsa contro il tempo, ma vi sarebbero le condizioni per arrivare a modificare il Decreto prima della scadenza del 21 aprile 2020


I due sindacati odontoiatrici non parlano delle possibili modifiche ma si dicono fiduciosi e plaudono le Istituzioni per aver attivato un confronto per risolvere le criticità


Sostenuto anche dalle Regioni Ordini professionali e società scientifiche per informare i cittadini. L’invito è quello di diffonderlo per migliorare l’informazione


 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 

Corsi ECM

 
 
 
 
 
 

I più letti

 
 

Corsi, Convegni, Eventi

 
 
 
 
 
 
 
 

Guarda i nostri video

Guarda i nostri video

Nuove norme su Direttore sanitario e Autorizzazioni