HOME - Normative
 
 
08 Marzo 2019

Legittimo acquisire i dati archiviati dal dentista sul computer se non vi è opposizione per segreto professionale. Lo conferma la Cassazione


La Guardia di finanza può effettuare una copia dell'hard disk del professionista con i dati sensibili dei clienti senza una specifica autorizzazione se lo stesso non viene posto il segreto professionale. A confermarlo è una sentenza della Corte di Cassazione che ha respinto il ricorso di un odontoiatra al quale erano state “copiate”, durante una verifica fiscale, le cartelle cliniche dei pazienti comprese radiografie ed altri dati sensibili presenti sul computer.

Cassazione che ribadisce, inoltre, quanto già emerso in altre sentenze ovvero che le Entrate possono basare l’accertamento sui dati prelevati.  

Secondo quanto riportato nella sentenza (6486 del 6/3/2019) i militari della Guardia di Finanza, durante l’accertamento nello studio dell’odontoiatra (adibito anche ad abitazione), avevano effettuato il back up del computer del professionista senza una specifica autorizzazione del procuratore della Repubblica, ma senza che il personale di studio si fosse opposto; il dentista era assente. Per la Cassazione non si è quindi trattato di “apertura coattiva”.

Dati dei pazienti utilizzati poi per contestare al professionista il reddito non dichiarato.  Cassazione che sottolinea, rigettando il ricorso, che il professionista o il personale di studio non avevano opposto il segreto professionale sia nell’immediato che nella fase di consegna del verbale di contestazione. 

Secondo i giudici, quindi, in assenza dell’opposizione per il segreto professionale, da parte del professionista o del personale, i dati rilevati all’interno del computer possono essere utilizzati.    

Articoli correlati

Spetta al presidente CAO dell’OMCeO provinciale la rappresentanza legale della professione odontoiatrica, tra cui rappresentare la professione in tema di illeciti professionali e sollecitare le...


Una pubblicità basata prevalentemente su aspetti commerciali, attraverso sconti non meglio specificati, viola i principi correttezza e decoro professionale: confermata la sospensione inflitta dalla...


Non è consentito pubblicizzare al pubblico dispositivi protesici come l’impianto e la corona perché dispositivi medici in quanto espressamente vietato dalla normativa italiana e comunitaria.A...


Sono stati i militari del NAS di Salerno, nell’abito di una attività di controllo di studi medici ed odontoiatrici della zona, a rilevare l’anomalia amministrativa di uno studio dentistico di...


L’iscritto non può essere giudicato da membri della CAO che sono, anche, i dirigenti di sindacati di categoria da cui è partito l’esposto contro l’iscritto. A sancirlo è la Commissione...


Altri Articoli

"C'è grande soddisfazione da parte nostra e da parte di tutti i presidenti CAO".A dirlo è Brunello Pollifrone (nella foto), presidente CAO Roma, che commenta la sentenza del Tar della Liguria che...


I carabinieri gli hanno notificato un ordine di carcerazione per due anni. Relativamente all'ipotesi di reato di truffa e di violazione dei sigilli.  A darne notizia è il quotidiano La...


Dopo la vicenda che ha toccato la clinica Ideasorriso di Modena l’associazione Federconsumatori ha stilato un decalogo rivolto “ai pazienti–consumatori, dove sono elencate le cautele che...


L’Associazione tra Odontoiatri PROBe, nata da un gruppo di Ex Allievi del corso Perio-IT e successivi Master in Parodontologia dei dottori Pierpaolo Cortellini e Maurizio Tonetti, con lo scopo di...


Photo Credit: La Nazione.it

Un altro finto dentista cinese è stato scoperto a Prato, cittadina toscana che con il 20% di residenti è la terza città europea che accoglie il più alto numero di cittadini cinesi. Stando alle...


 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 

Corsi ECM

 
 
 
 
 
 

I più letti

 
 

Corsi, Convegni, Eventi