HOME - Normative
 
 
11 Marzo 2019

A rappresentare (legalmente) gli odontoiatri è il presidente CAO e non quello OMCeO. Il TAR Liguria conferma la piena autonomia della componente odontoiatrica

Nor. Mac.

Spetta al presidente CAO dell’OMCeO provinciale la rappresentanza legale della professione odontoiatrica, tra cui rappresentare la professione in tema di illeciti professionali e sollecitare le autorità locali nell’adozione dei relativi provvedimenti sanzionatori. E le autorità locali sono obbligate a prendere in esame quanto segnalato dalla CAO prendendo i provvedimenti necessari, pena la denuncia per inadempienza.

Ad indicarlo è il TAR Liguria chiamato ad esprimersi in merito alla competenza del presidente CAO La Spezia che aveva segnalato al Comune una violazione di una società odontoiatrica in tema di norme sulla pubblicità.  Il ricorso al TAR promosso dalla CAO di La Spezia nei riguardi del Comune nasce in quanto lo stesso Comune non riconosceva alla CAO il potere di accertamento in materia di pubblicità e prima di aprire l'istruttoria amministrativa volta all'applicazione dell'art. 5 della legge 175/92 (quello che impone la sospensione dell'autorizzazione sanitaria per l'omessa indicazione del direttore sanitario nei messaggi pubblicitari), richiedeva un pronunciamento dell'AGCOM sull'ingannevolezza del messaggio stesso. Inoltre il Comune additava la presunta illegittimità di agire in giudizio da parte della CAO, sostenendo che la rappresentanza e la legittimazione ad adire alle vie legali fosse in capo al Presidente dell'Ordine

Il TAR, invece, respinge come infondate tutte le eccezioni sulla legittimazione ad agire in giudizio da parte della sola CAO, poste dai legali del Comune e della società odontoiatrica coinvolta.Il TAR ha stabilito che "il dott. Sandro Sanvenero, quale presidente della Commissione Odontoiatri ha la rappresentanza del relativo Albo e dunque riveste senz'altro la connessa legittimazione processuale. Da ultimo il presidente è stato anche debitamente autorizzato dalla commissione a promuovere la lite". 

Per il presidente Sandro Sanvenero(nella foto) è una sentenza storica “che afferma l'esistenza di una piena autonomia della professione odontoiatrica all'interno dell'Ordine".
“Con la sentenza –continua- viene riconosciuto alla CAO (e quindi al suo Presidente) il potere d’intervenire, chiamando eventualmente in giudizio l'Amministrazione pubblica che non adempie a quanto richiesto”. 

“Un aspetto, quest’ultimo –spiega Sanvenero- ben evidenziato dal TAR laddove scrive: "la Commissione, quale organo dell'Ordine cui spetta la rappresentanza esponenziale della professione odontoiatrica, è titolare di una specifica posizione qualificata -differenziata rispetto all'interesse alla legalità che fa capo a quivis de populo- all'attuazione dei provvedimenti "che comunque possono interessare la professione", sicché appare senz'altro legittimata per un verso a segnalare - a tutela dell'intera categoria rappresentata - gli illeciti professionali e a sollecitare alle autorità locali l'adozione dei relativi provvedimenti sanzionatori, per altro verso ad agire ex art. 7 commi 1 e 4 c.p.a. per l'accertamento dell'obbligo di provvedere, in caso di diniego e/o omissione dell'esercizio del corrispondente potere amministrativo".  

Una sentenza che pone, anche, un importante “punto” sulla questione dell'autonomia della professione odontoiatrica, all'interno dell'Ordine. "Sul piano pratico in tema di autonomia –dice Sanvenero- manca ancora un passaggio fondamentale: quello del corretto stanziamento delle risorse (ricordiamo che la tesoreria è unica dell'intero Ordine), aspetto che dovrebbe essere regolato dallo Statuto la cui modifica è stata annunciata da tempo e sulla quale anche i presidenti CAO dovranno poter dire la loro. Inoltre si dovrà dibattere al nostro interno se e come utilizzare quanto la Legge Lorenzin conferisce agli odontoiatri fino alla possibilità di ottenere un nostro Ordine autonomo”.  

Articoli correlati

Istituto indica i DPI che gli operatori devono indossare a seconda delle mansioni, comprese quelle che prevedono una esposizione all’aerosol a meno di un metro


Da mercoledì primo aprile sarà possibile presentare le domande. Ecco chi può richiederlo e come deve essere richiesto. Discriminati gli iscritti alle casse private


Per i giudici la legge è chiara, ma la sentenza ribadisce l’autonomia professionale dell’Igienista e la necessità della presenza contestuale dell’odontoiatra in studio 


In Gazzetta il testo del provvedimento che istituisce la cassa integrazione per i dipendenti degli studi professionali. Ma solo gli studi odontoiatrici più strutturati potranno accedervi


Stretta sulle procedure per utilizzare in compensazione i crediti tributari. Ecco cosa prevede la norma e i consigli dei consulente fiscale AIO


Altri Articoli

Dai suoi primi passi come piccola filiale dell’azienda svedese TePe Munhygienprodukter AB, TePe Italia è cresciuta costantemente. Attualmente, TePe è il secondo marchio di...


I consigli della psicoanalista, ai dentisti ed agli altri operatori del settore dentale, per imparare ad affrontare gli imprevisti ed a convivere con i timori


Venerdì 10 aprile webinar live con il prof. Giovanni Lodi per capire come gestire nello studio odontoiatrico i pazienti che assumono farmaci vecchi e nuovi che interferiscono con l’emostasi


I consigli le indicazioni le implicazioni odontoiatriche del COVID-19 spiegate dal prof. Burioni che ricorda: site tra le categorie più a rischio ma curate persone, dovrete farlo in sicurezza....


Lettera aperta al presidente ENPAM Alberto Oliveti del presidente SUSO Gianvito Chiarello che chiede il rinvio al prossimo autunno


 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 

Corsi ECM

 
 
 
 
 
 

I più letti

 
 

Corsi, Convegni, Eventi

 
 
 
 
 
 
 
 

Guarda i nostri video

Guarda i nostri video

Come deve essere organizzato lo studio al tempo di emergenza da coronavirus, i consigli del presidente SIdP