HOME - Normative
 
 
15 Aprile 2019

ASO, anche la Regione Veneto riconosce la figura professionale. I corsi accreditati saranno pubblicato on-line

Nor. Mac.

Anche la Regione Veneto ha recepito l'Accordo stipulato il 23 novembre 2017 tra il Governo, le Regioni e le Province autonome di Trento e Bolzano, concernente l'individuazione del profilo professionale dell'Assistente di Studio Odontoiatrico, quale operatore di interesse sanitario. 


Figura e competenze

L’ASO, come indicato dalla norma nazionale, è l’operatore di interesse sanitario che svolge attività finalizzate all'assistenza dell'odontoiatra e dei professionisti sanitari del settore durante la prestazione clinica, alla predisposizione dell’ambiente e dello strumentario, all’accoglimento dei pazienti e alla gestione della segreteria e dei rapporti con i fornitori.
L’ASO opera in regime di dipendenza, svolge la propria attività negli studi odontoiatrici e nelle strutture sanitarie che erogano prestazioni odontostomatologiche e collabora con l'equipe odontoiatrica secondo linee organizzativo-operative definite, attenendosi alle disposizioni dei professionisti sanitari.

L’ASO non può svolgere alcuna attività di competenza delle arti ausiliarie delle professioni sanitarie, delle professioni mediche e delle altre professioni sanitarie per l’esercizio delle quali è richiesto il possesso della laurea.

È fatto assoluto divieto all’ASO di intervenire direttamente sul paziente, anche in presenza dell'odontoiatra e dei professionisti sanitari del settore.


Formazione

Per le ASO che alla data del 6 aprile 2018 non risultano assunte negli ultimi 5 anni per almeno 36 mesi come Assistente alla Poltrona, per essere assunte con questa qualifica dovranno aver conseguito l’attestato di qualifica secondo quanto dettato dal Dpr 2018 . I corsi saranno accreditati dalla Regione Veneto.

Il corso ASO è strutturato in due moduli:

a) modulo di base, costituito da 130 ore di teoria, 20 ore di esercitazioni e 100 ore di tirocinio;

b) modulo professionalizzante, costituito da 120 ore di teoria, 30 ore di esercitazioni e 300 ore di tirocinio.

I moduli sono articolati in quattro aree disciplinari: socio-culturale, legislativa e organizzativa; igienico-sanitaria; tecnico-operativa; relazionale.Sarà possibile utilizzare per la formazione teorica lo strumento FAD per le seguenti materie di insegnamento: disposizioni generali in materia di protezione della salute e della sicurezza dei lavoratori, parte formazione generale (massimo 8 ore); Elementi di legislazione socio-sanitaria e del lavoro; Elementi di etica e medicina legale; Elementi di chimica –biochimica e microbiologia.Per accedere ai corsi si deve avere conseguito il diploma di licenza media ed aver assolto l’istruzione obbligatoria ed aver compiuto 18 anni. 


Riconoscimento crediti formativi 

Gli aspiranti ASO possono vedersi riconosciute delle ore di formazione se hanno sulla base dei titoli pregressi.  I titoli di studio pregressi valutabili ai fini del riconoscimento di crediti formativi sono: 

  • Attestato MOFTIAO di 200 ore rilasciato dalla Regione del Veneto
  • Attestato di qualifica OSS 
  • Diploma quinquennale istituto professionale tecnico odontotecnico 
  • Diploma quinquennale di istruzione professionale indirizzo Servizi socio- sanitari (IPSS)
  • Diploma quinquennale di istruzione professionale indirizzo Servizi socio- sanitari (IPSS) e qualifica OSS
  • Titoli conseguiti a seguito di corsi assimilabili al presente percorso formativo ASO, autorizzati precedentemente al DPCM 9/02/2018, da altre Regioni/Province Autonome, con percorso complessivo di almeno 500 ore. 

Non sono riconosciuti crediti formativi a:

  • titoli di istruzione professionale, diplomi di maturità, titoli di istruzione secondaria di secondo grado, qualifiche, ecc.;
  • titoli, qualifiche, attestati, certificati comunque denominati, relativi alle attività di AP rilasciati da soggetti, enti, associazioni ecc. di carattere privati i cui corsi non sono stati autorizzati da Enti Pubblici;
  • titoli esteri riferiti all’ambito sanitario non riconosciuti dal Ministero della Salute secondo la normativa vigente. 

Per vedersi riconosciute le ore di formazione è necessario indicarlo all’atto di presentazione della domanda d’iscrizione. 


Tirocinio 

Le ore di tirocinio del singolo corsista devono “essere svolte, di norma, presso un unico studio odontoiatrico, servizio o struttura che eroga prestazioni odontostomatologiche”.Le strutture dove poter effettuare il tirocinio sono individuate dall’Organismo formatore.Per i corsisti in costanza di rapporto di lavoro inquadrati come Assistente alla Poltrona, la sede di tirocinio coincide con quella in cui viene svolta l’attività lavorativa. 

Elenco corsi accreditati Tutte le informazioni relative ai crediti formativi, ai titoli pregressi unitamente a tutte le altre indicazioni inerenti i corsi per ASO saranno rese note, appena disponibili a cura della Regione Veneto, a questo link.  





Articoli correlati

Intensa tre giorni per i presidenti CAO alle prese con l’Assemblea e il Convegno culturale. Tra i temi trattati in Assemblea quello del nuovo Regolamento e Statuto e la richiesta di maggiore...


Il progetto dell’Usl Sud–Est della Regione Toscana consente di ottimizzare le risorse offrendo un servizio di assistenza mirato e puntuale


A circa 4 mesi della prima scadenza imposta dal DCPM, facciamo il punto sul riconoscimento dell’attività pregressa. Intanto nasce il caso “infermieri” che operano come ASO nelle ASL


Per il Sindacato ci sarebbe il rischio di una “invasione di campo” del CSO rispetto ai compiti delle ASO che potrebbe portare ad incorrere nel reato di esercizio abusivo della professione


Non sono certo i dati del Censis a dover confermare che la povertà, nel nostro paese, non sarebbe stata sconfitta nonostante gli annunci Pentastellati dai balconi. Basta fare un giro...

di Norberto Maccagno


Altri Articoli

L’On. Alberto Volponi è "il papà" di una delle leggi la cui applicazione, o la non applicazione, è da sempre alla base dello “scontro” giudiziario tra Catene, Sindacati ed anche Ordine: la...

di Norberto Maccagno


La Consulta Nazionale dei CAF chiede un intervento del Ministero delle finanze per evitare criticità per contribuenti e prestatori di servizi


Ammessi solo quelli che riguardavano proroghe. L’On leghista prova anche la carta del ricorso ma senza successo. Tenterà altre strade


Poco più di 62 mila il numero totale, meno di 800 il saldo attivo dei nuovi iscritti nel 2019. Tra questi molte le donne


Avviso di richiamo per una serie di lotti di Abutment di guarigione Certain® BellaTek® Encode® 


 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 

Corsi ECM

 
 
 
 
 
 

I più letti

 
 

Corsi, Convegni, Eventi

 
 
 
 
 
 
 
 

Guarda i nostri video

Guarda i nostri video

Nuove norme su Direttore sanitario e Autorizzazioni