HOME - Normative
 
 
05 Giugno 2019

Adempimenti fiscali: possibile proroga per ISE e modifica per i tempi della data di emissione delle fatture

Nor. Mac.

Novità fiscali in arrivo anche per dentisti, igienisti dentali, odontotecnici e gli operatori del settore dentale. La prima riguarda la data di presentazione della dichiarazione dei redditi e gli ISA  (Indici Sintetici di Affidabilità) il nuovo strumento di stima della capacità fiscale del contribuente che ha sostituito da quest’anno (dichiarazione 2018) gli studi di settore.  

Il Consiglio nazionale dei dottori commercialisti (Cndcec) aveva lamentato nei giorni scorsi le difficoltà di presentare in tempo le denunce dei redditi proprio per le difficoltà riscontrate sugli indici di affidabilità fiscale. Decreto di proroga che fonti di stampa indicano già pronto per la firma del Presidente del Consiglio dei Ministri e che sposterebbe la scadenza dal primo al 20 luglio 2019 (di fatto al 22 luglio, cadendo il 20 di sabato) la scadenza per versare senza la maggiorazione dello 0,40% la dichiarazione dei redditi. Ma per ora nulla è ufficiale. 

Primo luglio che vede anche l’entrata in vigore della nuova norma sull’emissione delle fatture, sia elettroniche che tradizionali, che non dovrà più essere entro le 24 ore dall’effettuazione dell’operazione, come previsto ad oggi, ma entro 10 giorni come prevede il decreto fiscale 2019. Termine che potrebbe slittare fino a 15 giorni se sarà approvato un emendamento al Decreto Crescita. 

“Per fare un esempio –spiega ad Odontoiatria33 Franco Merli (nella foto), dottore commercialista libero professionista, consulente ANDI Genova- oggi quando lo studio odontoiatrico riceve un pagamento attraverso il Pos, la data della fattura deve corrispondere a quella del pagamento. Dal primo luglio 2019, invece, si avrà 10 giorni di tempo per emettere la fattura, sia questa elettronica che cartacea”. Con la nuova normativa, nel caso in cui la data della fattura sia diversa da quella in ci si è ricevuto il pagamento, spiega il dottor. Merli, “si dovrà indicare in fattura anche la data in cui è stato effettuato il pagamento”. 

Nulla cambia invece se la fattura è emessa prima del pagamento della stessa, come per esempio capita tra laboratorio odontotecnico e studio odontoiatrico. 

Articoli correlati

Il MEF anticipa la decisione del Consiglio dei Ministri, il provvedimento dovrebbe valere solo per i contribuenti soggetti ISA


Una sentenza della Cassazione conferma la bontà dell’accertamento induttivo e “svela” come l’Amministrazione Finanziaria ipotizza il rapporto tra acquisti e pazienti visitati


Per la Cassazione non è ipotizzabile ricostruire il redito di un dentista sulla base degli acquisti senza tenere conto della contabilità dello studio


Il Consulenti fiscali AIO analizzano l’ultima Circolare delle Entrate sui controlli fiscali e consigliano attenzioni e documentazione da predisporre 


In attesa della manovra fiscale e dell’annunciata stretta contro gli evasori, quali sono gli strumenti già operativi in mano all’Amministrazione finanziaria per controllare?


Altri Articoli

A finire nei guai tre diplomati odontotecnici, un assistente alla poltrona e un direttore sanitario. In provincia di Forlì-Cesena chiuso studio senza direttore sanitario 


Al Congresso SUMAI si è parlato anche di odontoiatri nel SSN: Magi, Ghirlanda, Fiorile pronti al dialogo con il Ministero per cercare di risolvere la questione


Un Evento EDRA Odontoiatria33 vuole capire il fenomeno attraverso il parere di illustri relatori e la fotografia delle scelte e delle motivazioni di studenti e professionisti


Capofila del progetto, in quanto Regione promotrice dell’iniziativa contenuta nel piano di lavoro, è la Basilicata


Presso FICO di Bologna un nuovo appuntamento con “La Piazza della Salute”, aperto a tutti e all’insegna dell’informazione e prevenzione partendo dalla salute dei propri denti fino a uno...


 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 

Corsi ECM

 
 
 
 
 
 

I più letti

 
 

Corsi, Convegni, Eventi