HOME - Normative
 
 
05 Giugno 2019

Adempimenti fiscali: possibile proroga per ISE e modifica per i tempi della data di emissione delle fatture

Nor. Mac.

Novità fiscali in arrivo anche per dentisti, igienisti dentali, odontotecnici e gli operatori del settore dentale. La prima riguarda la data di presentazione della dichiarazione dei redditi e gli ISA  (Indici Sintetici di Affidabilità) il nuovo strumento di stima della capacità fiscale del contribuente che ha sostituito da quest’anno (dichiarazione 2018) gli studi di settore.  

Il Consiglio nazionale dei dottori commercialisti (Cndcec) aveva lamentato nei giorni scorsi le difficoltà di presentare in tempo le denunce dei redditi proprio per le difficoltà riscontrate sugli indici di affidabilità fiscale. Decreto di proroga che fonti di stampa indicano già pronto per la firma del Presidente del Consiglio dei Ministri e che sposterebbe la scadenza dal primo al 20 luglio 2019 (di fatto al 22 luglio, cadendo il 20 di sabato) la scadenza per versare senza la maggiorazione dello 0,40% la dichiarazione dei redditi. Ma per ora nulla è ufficiale. 

Primo luglio che vede anche l’entrata in vigore della nuova norma sull’emissione delle fatture, sia elettroniche che tradizionali, che non dovrà più essere entro le 24 ore dall’effettuazione dell’operazione, come previsto ad oggi, ma entro 10 giorni come prevede il decreto fiscale 2019. Termine che potrebbe slittare fino a 15 giorni se sarà approvato un emendamento al Decreto Crescita. 

“Per fare un esempio –spiega ad Odontoiatria33 Franco Merli (nella foto), dottore commercialista libero professionista, consulente ANDI Genova- oggi quando lo studio odontoiatrico riceve un pagamento attraverso il Pos, la data della fattura deve corrispondere a quella del pagamento. Dal primo luglio 2019, invece, si avrà 10 giorni di tempo per emettere la fattura, sia questa elettronica che cartacea”. Con la nuova normativa, nel caso in cui la data della fattura sia diversa da quella in ci si è ricevuto il pagamento, spiega il dottor. Merli, “si dovrà indicare in fattura anche la data in cui è stato effettuato il pagamento”. 

Nulla cambia invece se la fattura è emessa prima del pagamento della stessa, come per esempio capita tra laboratorio odontotecnico e studio odontoiatrico. 

Articoli correlati

L’Agenzia delle Entrate avvierà, a breve, una serie di controlli finalizzati a verificare la regolarità dell’applicazione del regime forfetario previsto dalla legge di Bilancio 2019, almeno...


Aveva comprato lo studio usufruendo dei benefici fiscali e quando è finito il periodo di ammortamento lo ha rivenduto ad una finanziaria che poi glielo affittava. Un’operazione finita sotto la...


Dopo la proroga al versamento delle tasse previsto dal Decreto Crescita ai soggetti interessati dagli ISA, il dubbio era su come dovevano comportarsi i contribuenti che esercitano la stessa attività...


Secondo quanto approvato nel Decreto Crescita, convertito in legge in via definiva ieri 27 giungo anche dal Senato, viene prorogato il termine dei versamenti delle tasse dal 30 giugno al 30 settembre...


I contribuenti, o i loro consulenti, in questi giorni di dichiarazione dei redditi stanno facendo in conti anche con gli ISA (Indici Sintetici di Affidabilità Fiscale), i nuovi indicatori di...


Altri Articoli

Secondo l’Associazione oltre 400 i controlli effettuati. Ecco come regolarizzare la propria posizione


Prof. Pelliccia: ‘’il dentista deve saper prendere le decisioni giuste al momento utile, vi aiutiamo a imparare a farlo’’


Assegnata in Commissione alla Camera una PdL che impone il 51% del capitale in mano all’iscritto all’Albo


Lodi: l’analisi impietosa, in evidenza contraddizioni e difetti di un sistema riservato ai ricchi


 
 
 
 
 
 
 
 
 
 

Corsi ECM

 
 
 
 
 
 

I più letti

 
 

Corsi, Convegni, Eventi