HOME - Normative
 
 
15 Luglio 2019

StP: in attesa di un pronunciamento ministeriale, per FNOMCeO la maggioranza dei soci professionisti va calcolata sia per teste che per quote

Nor. Mac.

La FNOMCeO prende atto della delibera dell’AGCM sulle quote societarie delle StP ma ritiene che l’interpretazione letterale della norma di cui all'art. 10, comma 4, lett. b), legge n. 183/119, sia quella corretta, salvo un parere diverso dei Ministeri competenti. A comunicarlo è il presidente FNOMCeO Filippo Anelli ai presidenti OMCeO e CAO attraverso una circolare, la numero 105. 

Come noto, nella delibera pubblicata sul proprio bollettino numero 24 del 17 giugno scorso, in materia di società tra professionisti (STP), l’AGCM ritiene che i due requisiti della maggioranza dei due terzi “per teste” e “per quote di capitale”, di cui all’art. 10, comma 4, lett. b), legge n. 183/2011, non devono essere considerati cumulativi. 

“Abbiamo letto con attenzione le motivazioni portate dall’AGCM, ma si tratta sempre di un parere per quanto autorevole”, dice ad Odontoiatria33 il presidente della CAO Nazionale Raffaele Iandolo (nella foto).Presidente CAO che ricorda come la norma all'art. 10, comma 4, lett. b), della legge n. 183/11 prevede chiaramente che “il numero dei soci professionisti e la partecipazione al capitale sociale dei professionisti deve essere tale da determinare la maggioranza di due terzi nelle deliberazioni o decisioni dei soci” ed il venir meno di queste condizioni, sia “causa di scioglimento della società e il consiglio dell'Ordine professionale presso il quale è iscritta la società procede alla cancellazione della stessa dall'Albo, salvo che la società non abbia provveduto a ristabilire la prevalenza dei soci professionisti nel termine perentorio di sei mesi”. 

La stesura della norma è chiara e non lascia spazio ad interpretazioni”, continua Iandolo. “Sia il numero dei professionisti che del capitale sociale deve essere per i 2/3 in mano agli iscritti all’Albo e questo per evitare che il proprietario non professionista, con la maggioranza delle quote societarie, possa di fatto condizionare le decisioni dei soci di professionisti anche se questi hanno sulla carta la maggioranza in consiglio di amministrazione”. 

FNOMCeO che, nella circolare, ribadisce quanto già indicato in una precedente circolare sul tema (45/2019), ovvero “che non possano essere accolte le domande d'iscrizione nella sezione speciale dell'albo, se presentate da società tra professionisti che non possiedano congiuntamente la maggioranza dei due terzi dei soci professionisti sia per teste, sia per quote societarie”.



Articoli correlati

Quella della presentazione dell’emendamento del Senatore Giovanni Endrizzi che, se approvato, consentirà l’esercizio della professione odontoiatrica in forma societaria solo alle StP, è di...

di Norberto Maccagno


Secondo l’Associazione Nazionale dei Centri Odontoiatrici sarebbero a rischio 17mila posti di lavoro. Confermate le iniziative verso AGCM e CE 


Dopo la comunicazione dell’AGCM e la diversa applicazione della norma da parte di vari Ordini, i Veterinari interpellano i Ministeri competenti chiedendo chiarimenti 


In un video intervento, i Consulenti fiscali AIO fanno il punto sulle possibilità, gli adempimenti necessari e di vantaggi, consigliando strumenti e strategie


Lo spirito dei DiDomenica è quello di portare un parere diverso sui temi che settimana dopo settimana vengono toccati. Un punto di vista volutamente differente da come la potrebbe pensare un...

di Norberto Maccagno


Altri Articoli

O33Cronaca     11 Dicembre 2019

Ulss veneta cerca un igienista dentale

Contratto a tempo indeterminato presso l’Ulss numero 6 Euganea, domande entro il 9 gennaio 2020


Indicato per i casi di riabilitazione estetica e per il ripristino della funzionalità di pazienti affetti da edentulia parziale o totale. Scopri le soluzioni cliniche


Il commento, critico, del presidente Brugiapaglia, tra i primi presidenti CAO ad aver sospeso un iscritto per mancato aggiornamento


Il nuovo libro del prof. Luca Levrini per l’odontoiatra ed il logopedista presenta una sintesi che supera la barriera tra il mondo medi­co-chirurgico e quello riabilitativo


Quelli per i clienti e quelli ai dipendenti che si possono portare in detrazione. Come comportarsi per le cene ed altre spese di rappresentanza?


 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 

Corsi ECM

 
 
 
 
 
 

I più letti

 
 

Corsi, Convegni, Eventi