HOME - Normative
 
 
15 Luglio 2019

StP: in attesa di un pronunciamento ministeriale, per FNOMCeO la maggioranza dei soci professionisti va calcolata sia per teste che per quote

Nor. Mac.

La FNOMCeO prende atto della delibera dell’AGCM sulle quote societarie delle StP ma ritiene che l’interpretazione letterale della norma di cui all'art. 10, comma 4, lett. b), legge n. 183/119, sia quella corretta, salvo un parere diverso dei Ministeri competenti. A comunicarlo è il presidente FNOMCeO Filippo Anelli ai presidenti OMCeO e CAO attraverso una circolare, la numero 105. 

Come noto, nella delibera pubblicata sul proprio bollettino numero 24 del 17 giugno scorso, in materia di società tra professionisti (STP), l’AGCM ritiene che i due requisiti della maggioranza dei due terzi “per teste” e “per quote di capitale”, di cui all’art. 10, comma 4, lett. b), legge n. 183/2011, non devono essere considerati cumulativi. 

“Abbiamo letto con attenzione le motivazioni portate dall’AGCM, ma si tratta sempre di un parere per quanto autorevole”, dice ad Odontoiatria33 il presidente della CAO Nazionale Raffaele Iandolo (nella foto).Presidente CAO che ricorda come la norma all'art. 10, comma 4, lett. b), della legge n. 183/11 prevede chiaramente che “il numero dei soci professionisti e la partecipazione al capitale sociale dei professionisti deve essere tale da determinare la maggioranza di due terzi nelle deliberazioni o decisioni dei soci” ed il venir meno di queste condizioni, sia “causa di scioglimento della società e il consiglio dell'Ordine professionale presso il quale è iscritta la società procede alla cancellazione della stessa dall'Albo, salvo che la società non abbia provveduto a ristabilire la prevalenza dei soci professionisti nel termine perentorio di sei mesi”. 

La stesura della norma è chiara e non lascia spazio ad interpretazioni”, continua Iandolo. “Sia il numero dei professionisti che del capitale sociale deve essere per i 2/3 in mano agli iscritti all’Albo e questo per evitare che il proprietario non professionista, con la maggioranza delle quote societarie, possa di fatto condizionare le decisioni dei soci di professionisti anche se questi hanno sulla carta la maggioranza in consiglio di amministrazione”. 

FNOMCeO che, nella circolare, ribadisce quanto già indicato in una precedente circolare sul tema (45/2019), ovvero “che non possano essere accolte le domande d'iscrizione nella sezione speciale dell'albo, se presentate da società tra professionisti che non possiedano congiuntamente la maggioranza dei due terzi dei soci professionisti sia per teste, sia per quote societarie”.



Articoli correlati

Quella della presentazione dell’emendamento del Senatore Giovanni Endrizzi che, se approvato, consentirà l’esercizio della professione odontoiatrica in forma societaria solo alle StP, è di...

di Norberto Maccagno


Secondo l’Associazione Nazionale dei Centri Odontoiatrici sarebbero a rischio 17mila posti di lavoro. Confermate le iniziative verso AGCM e CE 


Dopo la comunicazione dell’AGCM e la diversa applicazione della norma da parte di vari Ordini, i Veterinari interpellano i Ministeri competenti chiedendo chiarimenti 


In un video intervento, i Consulenti fiscali AIO fanno il punto sulle possibilità, gli adempimenti necessari e di vantaggi, consigliando strumenti e strategie


Lo spirito dei DiDomenica è quello di portare un parere diverso sui temi che settimana dopo settimana vengono toccati. Un punto di vista volutamente differente da come la potrebbe pensare un...

di Norberto Maccagno


Altri Articoli

La CAO La Spezia manifesta la disponibilità a Regione, ASL e Provincia affinché la rete dei medici odontoiatri della provincia sia inserita nel sistema di screening attraverso l’utilizzo dei...


L’American Dental Association scende in campo sostenendo la competenza degli odontoiatri statunitensi che si sono offerti di somministrare i vaccini


Negativi i collaboratori, dopo la sanificazione lo studio ha riaperto mentre il professionista rimane in isolamento


Federazione Alzheimer Italia nel mese di ottobre ha organizzato corsi on-line per insegnare ai familiari a gestire gli aspetti odontoiatrici. Tra i relatori il dott. Mario Ghezzi a cui abbiamo...


Obiettivo: offrire un servizio gratuito di formazione avanzata, con una visione globale sulla salute, consulenza e supporto per una miglior assistenza ai propri pazienti


 
 
 
 
 
 
 
 
 
 

Annuncio in Evidenza


14 Ottobre 2020
Vedo moderno ed avviato studio a Milano

Moderno e avviato studio dentistico, regolarmente autorizzato, mq 80, predisposto per due unità operative, stanza sterilizzazione, radiografico opt e dotato di strumentazione per esercitare le principali branche odontoiatriche, spogliatoio e bagno per il personale, bagno per pazienti. Possibilità di subentro graduale con varie soluzioni. Milano, zona Bicocca-Niguarda. Trattativa riservata. 345 9776587. mail: aumas001@gmail.com

 
 

Speciale in Evidenza


 
 
 
 

Corsi ECM

 
 
 
 
 
 

I più letti

 
 

Corsi, Convegni, Eventi

 
 
 
 
 
 
 
 

Guarda i nostri video

Guarda i nostri video

Emergenza Covid ed odontoiatria: il punto con il presidente Iandolo