HOME - Normative
 
 
19 Luglio 2019

Defibrillatore in studio, anche il Consiglio di Stato conferma l’obbligatorietà per lo studio odontoiatrico in Toscana


La Regione Toscana, con la Legge regionale n° 50, ha modificato la L.R. 5 agosto 2009 n°51 "Norme in materia di qualità e sicurezza delle strutture sanitarie: procedure e requisiti autorizzativi di esercizio e sistemi di accreditamento", aveva introdotto nuovi adempimenti per gli studi odontoiatrici tra i quali prevedere l'obbligo per “tutti gli studi sanitari liberi professionali” di possedere un defibrillatore.  

Contro tali modifiche normative si era da subito schierata ANDI Toscana, che aveva attivato azioni legali fino a giungere al Consiglio di Stato, che nell’aprile scorso (ma la notizia è stata resa pubblica solo nelle scorse settimane) ha espresso parere negativo contro il ricorso presentato dall’Associazione confermando quanto disposto dalla Regione Toscana. 

Nei prossimi giorni, ha scritto ANDI Toscana ai soci, “avremo un incontro con il legale che ha patrocinato il ricorso per studiare ulteriori strategie ma nel frattempo riteniamo necessario informarti che diventa effettivo l’obbligo di detenere un defibrillatore nello studio". 

In sintesi il Consiglio di Stato ritiene che l’obbligo di avere un defibrillatore in studio sia legittimo, in quanto l’obiettivo del regolamento contestato è quello di “fornire gli strumenti per garantire la sicurezza delle attività sanitarie erogate nelle strutture pubbliche e private”. Per tale motivo la disposizione risulta esente da vizi logici.  


Articoli correlati

Il TAR respinge il ricorso presentato dalla CAO La Spezia contro un Centro DentalPro e legittima l’esercizio anche delle società non STP. Sarà il Consiglio di Stato a chiarire definitivamente la...


Oltre 6mila le società odontoiatriche registrate, meno di 600 le STP iscritte agli Ordini. Intanto faranno discuterete le indicazioni di Infocamere


In accordo con l’Ordine di Roma, la Regione Lazio fornisce chiarimenti sul quadro normativo: consentito l’esclusivo esercizio delle professioni mediche e odontoiatriche in forma di STP


Carenza dei requisiti igienico sanitari, autorizzazione rilasciata ad un soggetto non autorizzabile e carenza dei requisiti del direttore sanitario tra le eccezioni contestate


A scoprirlo il NAS di Trento, avrebbe assunto la direzione contemporaneamente in tre strutture e non era iscritto all’Albo provinciale dove esercitano


Altri Articoli

Richiesta laurea e diploma di specialità. Le domande dovranno pervenire entro il 10 marzo


La CAO segnala, “la dimenticanza” all’ISS chiedendo di intervenire al fine di non precludere agli odontoiatri la possibilità di essere somministratori


Su Nature si ipotizza che la trasmissione attraverso le superfici non sia più un rischio significativo come ad inizio pandemia


L’avvocato Montaldo: attenzione all’utilizzo che se ne fa. La fotografia è anche un dato personale e, nel caso in specifico, un dato sanitario


Chiarello: alla luce delle scarse scorte di vaccini inconcepibile pensare di voler nuovamente posticipare la somministrazione agli odontoiatri


 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 

Corsi ECM

 
 
 
 
 
 

I più letti

 
 

Corsi, Convegni, Eventi

 
 
 
 
 
 
 
 

Guarda i nostri video

Guarda i nostri video

L’odontoiatria protesica oggi: il punto di vista della neo presidente AIOP