HOME - Normative
 
 
19 Luglio 2019

Defibrillatore in studio, anche il Consiglio di Stato conferma l’obbligatorietà per lo studio odontoiatrico in Toscana


La Regione Toscana, con la Legge regionale n° 50, ha modificato la L.R. 5 agosto 2009 n°51 "Norme in materia di qualità e sicurezza delle strutture sanitarie: procedure e requisiti autorizzativi di esercizio e sistemi di accreditamento", aveva introdotto nuovi adempimenti per gli studi odontoiatrici tra i quali prevedere l'obbligo per “tutti gli studi sanitari liberi professionali” di possedere un defibrillatore.  

Contro tali modifiche normative si era da subito schierata ANDI Toscana, che aveva attivato azioni legali fino a giungere al Consiglio di Stato, che nell’aprile scorso (ma la notizia è stata resa pubblica solo nelle scorse settimane) ha espresso parere negativo contro il ricorso presentato dall’Associazione confermando quanto disposto dalla Regione Toscana. 

Nei prossimi giorni, ha scritto ANDI Toscana ai soci, “avremo un incontro con il legale che ha patrocinato il ricorso per studiare ulteriori strategie ma nel frattempo riteniamo necessario informarti che diventa effettivo l’obbligo di detenere un defibrillatore nello studio". 

In sintesi il Consiglio di Stato ritiene che l’obbligo di avere un defibrillatore in studio sia legittimo, in quanto l’obiettivo del regolamento contestato è quello di “fornire gli strumenti per garantire la sicurezza delle attività sanitarie erogate nelle strutture pubbliche e private”. Per tale motivo la disposizione risulta esente da vizi logici.  


Articoli correlati

Egregio Direttore, quando diversi anni fa le Regioni misero mano alla legge Bindi, sottoponendo ad autorizzazione le attività sanitarie libero professionali, apparve subito chiaro che, oltre...


La differenza tra ambulatorio e studio odontoiatrico non è data dalla tipologia della prestazione eseguita ma dalla complessità organizzativa, e già la forma societaria indica la natura...


Mi dicono che è la migliore delibera sulle autorizzazioni sanitarie fatta in Italia che da una parte tutela il paziente ma dall’altra non complica la vita allo studio odontoiatrico. A dirlo...


“Gravi irregolarità igienico sanitarie”. E’ questa la motivazione con la quale il Comune di Modena, attraverso un’ordinanza, ha disposto la sospensione dell’autorizzazione sanitaria del...


Egregio Direttore, spero mi sia consentita una replica alle affermazioni dell'AD di DentalPro e Presidente ANCOD, Michel Cohen pubblicate dal vostro giornale a commento della Sentenza del Consiglio...


Altri Articoli

Secondo l’Associazione oltre 400 i controlli effettuati. Ecco come regolarizzare la propria posizione


Prof. Pelliccia: ‘’il dentista deve saper prendere le decisioni giuste al momento utile, vi aiutiamo a imparare a farlo’’


Assegnata in Commissione alla Camera una PdL che impone il 51% del capitale in mano all’iscritto all’Albo


Lodi: l’analisi impietosa, in evidenza contraddizioni e difetti di un sistema riservato ai ricchi


 
 
 
 
 
 
 
 
 
 

Corsi ECM

 
 
 
 
 
 

I più letti

 
 

Corsi, Convegni, Eventi