HOME - Normative
 
 
04 Settembre 2019

CTU e fatturazione al Tribunale, ecco come comportarsi

L’Ordine di Roma indica le modalità di emissione della fattura elettronica a seguito della liquidazione del Giudice del compenso spettante le operazioni peritali svolte in una causa civile


L’OMCeO di Roma, con una nota sul proprio sito, entra nel merito della modalità di fatturazione elettronica da parte del medico o odontoiatra per i compensi resi in qualità di CTU del Tribunale.

L’Ordine di Roma, nel dare indicazioni, si rifà a quanto aveva indicato la FNOMCeO riprendendo la comunicazione dell’Agenzia delle Entrate sulla “corretta modalità di emissione della fattura elettronica a seguito della liquidazione del Giudice del compenso spettante le operazioni peritali svolte in una causa civile”.

OMCeO di Roma che sottolinea, in particolare, che l'Agenzia dell'Entrate ha rilevato che i compensi spettanti al CTU per le operazioni peritali svolte, cui è obbligata una parte in causa priva di partita IVA, non sono soggetti alla ritenuta d'acconto IRPEF.

Ricevuto il pagamento il CTU dovrà quindi emettere la fattura nei confronti dell'Amministrazione della Giustizia, nella quale dovrà essere evidenziato espressamente che la "la solutio avviene con denaro fornito dalla/e parte/i individuata/e dal provvedimento del giudice".

Pertanto, ai fini della ritenuta, l’OMCeO Roma chiarisce che

  • se la parte è ricompresa tra i soggetti che rivestono la qualifica di sostituto d'imposta, il CTU dovrà darne evidenza nella fattura trattandosi di compensi costituenti reddito di lavoro autonomo. In tali casi, infatti, la ritenuta dovrà essere versata all'Erario non dall'Amministrazione della Giustizia, ma dalla parte soccombente, titolare passivo del rapporto di debito nei confronti del CTU ed esposta all'obbligo di sopportare l'onere economico; 


  • se la parte non riveste la qualifica di sostituto d'imposta, la ritenuta d'acconto IRPEF non dovrà essere operata e, pertanto, non dovrà essere evidenziata in fattura dal CTU. 



Articoli correlati

I consigli di Franco Merli sui documenti da conservare, quelli da dare al paziente e come inviare i dati al Sistema Tessera Sanitaria


cronaca     14 Febbraio 2020

Medici e dentisti: è corsa al POS

La possibilità di detrarre le spese sanitarie solo se pagate con strumenti tracciabili ha costretto medici e dentisti a dotarsi del POS. 400% l’aumento di rischiste nell’ultimo mese


L’Esecutivo presenta un emendamento al decreto MIlleproghe. L’On. Nevi conferma la presentazione del suo che posticiperebbe, invece, l’entrata in vigore della norma di un anno


Chi può detrarla, come ci si deve comportare per l’invio dei dati al Sistema Tessera Sanitaria, e se il paziente è un minore? Questi i consigli del Commercialista


Dal primo gennaio entrano in vigore le norme sui pagamenti tracciabili per poter detrarre le spese sanitarie. Questi i nuovi obblighi per i dentisti. Scarica l’informativa da consegnare al...


Altri Articoli

Il nuovo libro di Angelo Cardarelli per fornire un approccio e un metodo ripetibili e predicibili per l’avulsione degli ele­menti dentari inclusi attraverso la chirurgia piezoelettrica


Abbiamo chiesto a Massimo Depedri di ipotizzare il valore dei costi fissi di uno studio odontoiatrico di piccole, medie e grandi dimensioni e dell'impatto delle misure previste dai DPCM


Riflessioni di una igienista dentale pensando al rientro, ai rischi immediati, ai pazienti, alle paure. Con una esortazione finale: ‘’dovremo inventarci, anche, nuove...


Possibile presentare le domande, ma non ancora in tutte le regioni. L’assegno arriverà dall’INPS ma c’è anche la possibilità di farle anticipare dalle banche. E se il datore di lavoro...


A Roma primo e innovativo progetto ai tempi di Coronavirus per continuare la formazione delle ASO in vista dell’esame di abilitazione


 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 

Corsi ECM

 
 
 
 
 
 

I più letti

 
 

Corsi, Convegni, Eventi

 
 
 
 
 
 
 
 

Guarda i nostri video

Guarda i nostri video

Come deve essere organizzato lo studio al tempo di emergenza da coronavirus, i consigli del presidente SIdP