HOME - Normative
 
 
16 Ottobre 2019

Manovra economica 2020: rinvio obbligo di fattura elettronica e sanzioni per chi non usa il Pos

Le novità del Decreto fiscale che interessano il settore: dalla fattura elettronica alle sanzioni per chi non accetta il Pos passando per i conti correnti dedicati e la riduzione dell’utilizzo del contante

Nor. Mac.

Alle 4,35 di questa mattina, il Consiglio dei ministri (iniziato alle 23 del girono prima) ha approvato, si legge sul comunicato ufficiale di Palazzo Chigi, un “decreto-legge che introduce disposizioni urgenti in materia fiscale e per esigenze indifferibili e il disegno di legge recante il Bilancio di previsione dello Stato per l’anno finanziario 2020 e il bilancio pluriennale per il triennio 2020 – 2022”. 

Come sempre il dettaglio e le specificità delle norme che toccheranno gli italiani si conosceranno solo al termine dell’iter parlamentare (la manovra deve essere approvata entro fine anno), ma il testo delinea quali sono le materie ed i provvedimenti che il Governo intende adottare. Queste alcune di quelle che possono interessare il settore. 


Fattura elettronica

Viene prorogato per tutto il 2020 il divieto di invio dei dati sanitari attraverso lo SDI (e quindi di fattura elettronica) per tutti i soggetti che inviano i dati al Sistema Tessera Sanitaria e per coloro che emettono fatture direttamente a persone fisiche riferiti alle prestazioni sanitarie.


Pagamenti attraverso POS

Se già la norma del 2012 prevedeva l’obbligo per i commercianti e professionisti di accettare pagamenti effettuati attraverso carte di debito e di credito, ora vengono introdotte anche le sanzioni per il mancato utilizzo.
Per chi non accetta pagamento attraverso con carta di credito o bancomat o altri strumenti elettronici, è prevista una sanzione di 30 euro aumentata del 4% del valore della transazione per la quale sia stata rifiutata l’accettazione del pagamento con carte.  


Conto corrente dedicato all’attività 

La disposizione obbliga, imprese, società, associazioni, professionisti, anche in regime forfettario, alla tenuta di uno o più correnti bancari o postali utilizzati per la gestione dell'attività. Conti che dovranno essere dedicati esclusivamente a prelievi e versamenti relativi all’attività esercitata.
La misura non si applica ai contribuenti persone fisiche nella fase di start up.  


Uso del contante 

Viene confermata la volontà di ridurre il tetto massimo dell’utilizzo del contante dagli attuali 3 mila euro ai mille.  


 Super ed iper ammortamento 

Vengono prorogati i vantaggi fiscali del programma “Industria 4.0” per sostenere gli investimenti privati e favorire il rinnovo dei sistemi produttivi nel quale si dovrebbe aggiungere la proroga sull’Iper e Super ammortamento. Da capire, però, su quali beni saranno applicati e se ne potranno usufruire anche i professionisti.    


Bollo su fattura elettronica 

La norma stabilisce che in caso di omesso, insufficiente o tardivo versamento dell’imposta di bollo dovuta sulle fatture elettroniche inviate tramite il Sistema di interscambio, l’amministrazione finanziaria comunica con modalità telematiche al contribuente l’ammontare dell’imposta da versare nonché delle sanzioni per tardivo versamento e degli interessi. Qualora il contribuente non provveda al versamento, in tutto in parte, delle somme comunicate nel termine di 30 giorni dalla ricezione della comunicazione, l’ufficio dell’Agenzia delle entrate provvede all’iscrizione a ruolo degli importi non versati. 

Photo Credit: pagina Facebook della Presidenza Consiglio dei Ministri

Articoli correlati

Il Sole 24 Ore quantifica il divario degli aiuti messi in campo dal governo tra professionisti ed imprese. Sopra i 50 mila euro, a parità di reddito e danno i professionisti sono dimenticati


Il Decreto rilancio posticipa la scadenza prevista dal Cura Italia e consente ancora per qualche giorno di richiedere il bonus dei 600 euro per il mese di marzo


I ministeri competenti starebbero lavorando ad un Decreto per poter concedere anche ai professionisti il bonus da 600 euro ad aprile, che potrebbe essere esteso a mille a maggio


Si allarga e semplifica il sistema per richiedere i finanziamenti garantiti dalla Stato. Introdotte più garanzie al datore di lavoro in caso di contagio da Covid-19


Queste le raccomandazioni dell’ISS e quanto contenuto nelle Indicazioni operative per l’attività odontoiatrica durante la Fase 2 


Altri Articoli

Lo prevede il Decreto Scuola approvato al Sentato. Sarà la Commissione ECM a chiarire le modalità di accesso per i liberi professionisti 


Il Sole 24 Ore quantifica il divario degli aiuti messi in campo dal governo tra professionisti ed imprese. Sopra i 50 mila euro, a parità di reddito e danno i professionisti sono dimenticati


Il Decreto rilancio posticipa la scadenza prevista dal Cura Italia e consente ancora per qualche giorno di richiedere il bonus dei 600 euro per il mese di marzo


L’Azienda Zero informa di includere anche gli odontoiatri tra le categorie professionali sottoposte a tampone. La soddisfazione del presidente Nicolin


La Fondazione spiega il perché a chi non è riuscito ad ottenere il bonus. Le scadenze per richiedere il saldo o l’intera somma


 
 
 
 
 
 
 
 
 
 

Speciale in Evidenza


 
 
 
 

Corsi ECM

 
 
 
 
 
 

I più letti

 
 

Corsi, Convegni, Eventi

 
 
 
 
 
 
 
 

Guarda i nostri video

Guarda i nostri video

COVID-19 ed odontoiatria, il punto del prof. Roberto Burioni