HOME - Normative
 
 
10 Gennaio 2020

Investimenti in beni strumentali, le novità per il 2020

Cambia super ed iper ammortamento, si passa al credito d’imposta, agevolazioni anche ai forfettari. Le nuove regole per risparmiare investendo sulla propria attività


Tra le novità del 2020 introdotte dalla Legge di Bilancio anche le nuove regole che sostituiscono, o modificano, le agevolazioni previste dal super ammortamento sugli incentivi fiscali per gli investimenti in nuovi beni strumentali. 

La differenza sostanziale è quella che non sarà più prevista una maggiorazione del costo del bene, come avveniva con Super ed Iper ammortamento, ma un credito d’imposta per gli “investimenti in beni materiali nuovi strumentali all’esercizio d’impresa, acquisiti a titolo di proprietà o in locazione finanziaria, in misura pari al 6% del costo di acquisizione, entro il limite massimo di costi ammissibili pari a 2 milioni di euro”. 

Secondo gli esperti la nuova agevolazione sarebbe lievemente meno conveniente del super ammortamento (il 6% rispetto al 7,2% per i soggetti Ires) ma ha il vantaggio che si può fruire in un tempo minore, ora è in 5 anni. 

Altra novità è che ora le agevolazioni fiscali sono utilizzabili anche dai “forfettari”, ovvero i contribuenti con un fatturato minore di 65mila euro, prima esclusi; almeno così sembrerebbe ma si dovrà probabilmente attendere le circolari delle Entrate che nelle prossime settimane andranno a meglio chiarire molte delle novità introdotte in tema fiscale dalla Finanziaria 2020. 

Come per il super ammortamento rientrano nel nuovo sgravio fiscale gli investimenti, effettuati nel corso del 2020, in beni materiali nuovi strumentali all'esercizio della professione, come riuniti ed arredi per studio e laboratorio e tutte le attrezzature funzionali all’attività nuove.

Per gli investimenti che rientravano nell’iper ammortamento il credito d’imposta è fissato nel 40% o 20% in base all’importo investito, mentre ne 15% per investimenti in servizi e software digitali Il credito spettante, come detto, è utilizzabile esclusivamente in compensazione in cinque quote annuali di pari importo a decorrere dall'anno successivo a quello di entrata in funzione dei beni.

Articoli correlati

Banca d’Italia ed Agenzia delle Entrate hanno definito le regole per poter usufruire del credito d’imposta sulle commissioni pagate ai gestori di POS


Nessuna norma per l’odontoiatria ma vengono approvati due Ordini del Giorno, quello proposto dall’On. Nevi che impegna il Governo a prorogare la prima scadenza del DPCM sul profilo ASO e quello...


Stretta sulle procedure per utilizzare in compensazione i crediti tributari. Ecco cosa prevede la norma e i consigli dei consulente fiscale AIO


L’Agenzia delle Entrate è intervenuta sul tema facendo distinguo soprattutto sui dispositivi proveniente da paesi extra UE. I chiarimenti del Consulente Fiscale SUSO


Giudicati inammissibili quelli sui pagamenti tracciabili e sul profilo ASO. Ora, per risolvere la problematica delle Assistenti non rimane che la modifica del Decreto


Altri Articoli

L’obiettivo è contenere il rischio di infezione. Il documento è rivolto a tutti coloro che sono coinvolti nell’erogazione, in ambito pubblico e privato, di prestazioni odontostomatologiche 


Si completata l'Assemblea Nazionale ENPAM, a fine giugno l’elezione del nuovo CDA


Banca d’Italia ed Agenzia delle Entrate hanno definito le regole per poter usufruire del credito d’imposta sulle commissioni pagate ai gestori di POS


Le polemiche tra professionisti e Governo con i primi che accusano il secondo di privilegiare le imprese in termini di aiuti economici del post coronavirus, se assolutamente legittime mi sembrano...

di Norberto Maccagno


La norma interessa igienisti dentali e odontotecnici, ecco come avvengono gli accrediti automatici e le modalità per richiedere il bonus da 1.000 euro a maggio


 
 
 
 
 
 
 
 
 
 

Speciale in Evidenza


 
 
 
 

Corsi ECM

 
 
 
 
 
 

I più letti

 
 

Corsi, Convegni, Eventi

 
 
 
 
 
 
 
 

Guarda i nostri video

Guarda i nostri video

COVID-19 ed odontoiatria, il punto del prof. Roberto Burioni