HOME - Normative
 
 
16 Gennaio 2020

Pagamenti con Pos, così funzionerà il credito d’imposta sulle commissioni

Si potrà esigere un credito d’imposta per il 30% delle commissioni sostenute per i pagamenti ricevuti attraverso Pos

Nor. Mac.

Per ottenerlo si dovrà però attendere il primo luglio 2020 ed un provvedimento del Direttore dell’Agenzia delle Entrate in cui vengano indicate le modalità operative, ma quanto previsto dalle Legge finanziaria in merito al parziale recupero delle spese sostenute per le commissioni sui Pos dovrebbe essere una “certezza”. 

L’art. 22, comma 1, del decreto fiscale stabilisce una agevolazione pari “al 30% delle commissioni addebitate per transazioni effettuate mediante carte di credito, di debito o prepagate emesse da operatori finanziari soggettiall’obbligo di comunicazione previsto dall’art. 7, comma 6, D.P.R. n. 605/1973”, ovvero i principali strumenti di pagamento elettronico. 


Come funzionerà 

Dal primo luglio 2020 per i pagamenti con moneta elettronica utilizzati per la “cessione di beni o prestazioni di servizi nei confronti di consumatori finali” verrà corrisposto un credito d’imposta pari al 30% del costo delle commissioni applicate. Sono esclusi gli “esercenti attività d’impresa, arti e professioni, con ricavi e compensi relativi all’anno d’imposta precedente superiore a 400.000 euro”.

Il credito d’imposta sarà esigibile solamente in compensazione e dovrà essere indicato nella dichiarazione dei redditi. 

Saranno gli istituti di credito a dover comunicare alle Entrate gli importi da portare in compensazione, mentre sarà un provvedimento delle Entrate a definire le modalità e i criteri con cui gli operatori finanziari dovranno trasmettere agli esercenti o professionisti, l’elenco e le informazioni relative alle transazioni effettuate.

Articoli correlati

Chi deve rispettare il divieto di emissione e chi deve farla. Sull’imposta di bollo sulle fatture in esenzione Iva cambiano i termini di versamento e le modalità sanzionatorie


Sarà “sperimentale” fino al 2023 ed erogata direttamente dall’Inps. Ecco chi ne ha diritto, come richiederla, e chi la finanzierà


Alcune novità aumentano i vantaggi fiscali in particolare per quelli ai dipendenti. Le norme per titolari di partita iva, studi associati e società di capitali


Dal punto di vista fiscale e di opportunità quali sono le eventuali criticità? I consigli del dott. Terzuolo anche in tema di bonus sanificazione


Attraverso i consigli dei dottori Alessandro ed Umberto Terzuolo e le valutazioni “politiche” del presidente AIO Fausto Fiorile abbiamo cercato di dare indicazioni in un webinar che vi...


Altri Articoli

Mentre il Parlamento europeo si interroga su di un possibile “passaporto sanitario” necessario per poter viaggiare tra gli Stati, in sanità si sta cominciando a discutere...

di Norberto Maccagno


Con un provvedimento dell’Agenzia delle Entrate viene posticipata la scadenza dell’invio dei dati per fatture emesse, e rimborsate, nel 2020


Marin (ANTLO): ognuno a caldeggiare le proprie necessità, perché non si è fatto fronte comune? Davanti alla salute, misero rivendicare distinguo sindacali


Classificazione, rapporto con i pazienti e come le nuove tecnologie possono aiutare la cura, sono tra gli argomenti affrontati nel video incontro con la dott.ssa Morena Petrini


AIO chiama i tavoli ministeriali: ‘’fare presto con la legge’’. Odontoiatri a rischio convenzionamento con ASL


 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 

Corsi ECM

 
 
 
 
 
 

I più letti

 
 

Corsi, Convegni, Eventi

 
 
 
 
 
 
 
 

Guarda i nostri video

Guarda i nostri video

La nuova visione della parodontologia: sempre più correlata alla salute generale