HOME - Normative
 
 
16 Gennaio 2020

Pagamenti con Pos, così funzionerà il credito d’imposta sulle commissioni

Si potrà esigere un credito d’imposta per il 30% delle commissioni sostenute per i pagamenti ricevuti attraverso Pos

Nor. Mac.

Per ottenerlo si dovrà però attendere il primo luglio 2020 ed un provvedimento del Direttore dell’Agenzia delle Entrate in cui vengano indicate le modalità operative, ma quanto previsto dalle Legge finanziaria in merito al parziale recupero delle spese sostenute per le commissioni sui Pos dovrebbe essere una “certezza”. 

L’art. 22, comma 1, del decreto fiscale stabilisce una agevolazione pari “al 30% delle commissioni addebitate per transazioni effettuate mediante carte di credito, di debito o prepagate emesse da operatori finanziari soggettiall’obbligo di comunicazione previsto dall’art. 7, comma 6, D.P.R. n. 605/1973”, ovvero i principali strumenti di pagamento elettronico. 


Come funzionerà 

Dal primo luglio 2020 per i pagamenti con moneta elettronica utilizzati per la “cessione di beni o prestazioni di servizi nei confronti di consumatori finali” verrà corrisposto un credito d’imposta pari al 30% del costo delle commissioni applicate. Sono esclusi gli “esercenti attività d’impresa, arti e professioni, con ricavi e compensi relativi all’anno d’imposta precedente superiore a 400.000 euro”.

Il credito d’imposta sarà esigibile solamente in compensazione e dovrà essere indicato nella dichiarazione dei redditi. 

Saranno gli istituti di credito a dover comunicare alle Entrate gli importi da portare in compensazione, mentre sarà un provvedimento delle Entrate a definire le modalità e i criteri con cui gli operatori finanziari dovranno trasmettere agli esercenti o professionisti, l’elenco e le informazioni relative alle transazioni effettuate.

Articoli correlati

Troppe richieste: l’Agenzia delle Entrane indica la percentuale spettante per il credito d’imposta. Da oggi è possibile richiedere la cessione a terzi


Progetto Cashless: annunciato già per il prossimo dicembre, ma ancora da definire nei dettagli. Queste le anticipazioni dal Ministro Gualtieri 


Una Circolare dell'Agenzia delle Entrate esclude anche gli studi associati dalla possibilità di richiederlo. Rimane utilizzabile solo per gli studi odontoiatrici organizzati come società


I consulenti fiscali AIO fanno il punto sulla cancellazione del versamento del saldo Irap 2019 e del 1° acconto 2020 introdotta dal Decreto Rilancio 


Un nostro approfondimento per capire come comportarsi quando si incassa, si preleva ma anche come gestire acconti, pagamenti rateali ed i rapporti con i fornitori


Altri Articoli

Per l’Associazione sarebbe chiara la violazione delle norme sulla concorrenza da parte delle società che gestiscono il welfare aziendale che offre servizi odontoiatrici


Dalla Giornata Mondiale dei Farmacisti un messaggio verso una maggiore collaborazione. SIdP conferma: fondamentale nella gestione dei farmaci e degli ausili per la salute orale prescritti dallo...


L’obiettivo: individuare le soluzioni e far funzionare al meglio l’odontoiatria italiana, rendendo un migliore servizio per tutti i cittadini e i professionisti coinvolti


Alla presenza del Magnifico Rettore prof. Enrico Gherlone, partita la quinta edizione del corso che punta ad approfondire il tema del management e del marketing nel settore odontoiatrico


Presentato il suo nuovo sito internet con una nuova veste grafica e una soluzione di e-commerce migliorata, che offre una procedura d’ordine semplificata e più efficiente


 
 
 
 
 
 
 
 
 
 

Speciale in Evidenza


 
 
 
 

Corsi ECM

 
 
 
 
 
 

I più letti

 
 

Corsi, Convegni, Eventi

 
 
 
 
 
 
 
 

Guarda i nostri video

Guarda i nostri video

I u201ctrucchiu201d per convivere con il rischio Covid in studio