HOME - Normative
 
 
18 Febbraio 2020

Allineatori trasparenti ed aliquota Iva: il punto dal SUSO

L’Agenzia delle Entrate è intervenuta sul tema facendo distinguo soprattutto sui dispositivi proveniente da paesi extra UE. I chiarimenti del Consulente Fiscale SUSO


Ultimamente si è sviluppato il tema sull’aliquota IVA applicabile nella fornitura di allineatori invisibili. La problematica è diventata d’attualità a seguito della Risposta n. 223 del 3 luglio 2019 resa dall’Agenzia delle Entrate ad un interpello presentato da una società estera su un dispositivo medico ortodontico, munito di batteria ricaricabile. Nella fattispecie l’Agenzia delle Dogane ha inserito il dispositivo fornito nella voce doganale 9019 tra “gli apparecchi di meccanoterapia, apparecchi per massaggio”.  

Per questa tipologia di beni, l’Agenzia delle Entrate ha chiarito che l’aliquota IVA applicabile deve essere quella ordinaria del 22%. 

 Ma per gli allineatori trasparenti che vengono importati da paesi non UE, quale è l’aliquota iva da applicare

“Questo tipo di allineatori trasparenti –dice ad Odontoiatria33 il dott. Maurizio Tonini (nella foto) consulente fiscale SUSO- rientrano, invece, nella voce doganale 9021 per i quali è applicabile l’IVA agevolata del 4%”.

“Posso affermare –continua- che sia condivisibile la comunicazione resa da Align Technology agli odontoiatri sull’applicazione dell’IVA del 4% agli allineatori trasparenti forniti”. “Sul tema, occorre anche tenere in considerazione –continua- la risposta del 4/11/2003 resa dall’Agenzia delle Entrate Direzione Regionale della Lombardia ad un interpello proposto da INVISALIGN nella quale viene stabilito che le cessioni di apparecchi in polimero trasparente con la funzione di allineatori dei denti siano da assoggettare all’aliquota IVA ridotta del 4%”. 

Diverso, invece, il trattamento Iva se il dispositivo è realizzato dal laboratorio odontotecnico su diretta prescrizione del clinico. In questo caso il dispositivo ortodontico sarà esente Iva secondo l’art. 10 n. 18 del D.P.R. 633/72 in quanto rierta tra le “prestazioni sanitarie di diagnosi, cura e riabilitazione rese alla persona nell'esercizio delle professioni ed arti sanitarie soggette a vigilanza”.   

Articoli correlati

Chi deve rispettare il divieto di emissione e chi deve farla. Sull’imposta di bollo sulle fatture in esenzione Iva cambiano i termini di versamento e le modalità sanzionatorie


Sarà “sperimentale” fino al 2023 ed erogata direttamente dall’Inps. Ecco chi ne ha diritto, come richiederla, e chi la finanzierà


Alcune novità aumentano i vantaggi fiscali in particolare per quelli ai dipendenti. Le norme per titolari di partita iva, studi associati e società di capitali


Dal punto di vista fiscale e di opportunità quali sono le eventuali criticità? I consigli del dott. Terzuolo anche in tema di bonus sanificazione


Attraverso i consigli dei dottori Alessandro ed Umberto Terzuolo e le valutazioni “politiche” del presidente AIO Fausto Fiorile abbiamo cercato di dare indicazioni in un webinar che vi...


Altri Articoli

Marin (ANTLO): ognuno a caldeggiare le proprie necessità, perché non si è fatto fronte comune? Davanti alla salute, misero rivendicare distinguo sindacali


Classificazione, rapporto con i pazienti e come le nuove tecnologie possono aiutare la cura, sono tra gli argomenti affrontati nel video incontro con la dott.ssa Morena Petrini


AIO chiama i tavoli ministeriali: ‘’fare presto con la legge’’. Odontoiatri a rischio convenzionamento con ASL


Il presidente Landi su Open Access Government: la pandemia può essere un’opportunità per favorire l’accesso alle cure odontoiatriche e ripensare il futuro del settore


ANTLO incaricata dalla Regione di raccogliere i dati di tutti i titolari di laboratorio, socie e dipendenti inserendoli nel sistema di prenotazione della Regione


 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 

Corsi ECM

 
 
 
 
 
 

I più letti

 
 

Corsi, Convegni, Eventi

 
 
 
 
 
 
 
 

Guarda i nostri video

Guarda i nostri video

La professoressa Antonella Polimeni si racconta