HOME - Normative
 
 
05 Marzo 2020

“Cassa integrazione” anche per i dipendenti degli studi professionali

In Gazzetta il testo del provvedimento che istituisce la cassa integrazione per i dipendenti degli studi professionali. Ma solo gli studi odontoiatrici più strutturati potranno accedervi

Nor. Mac.

E’ stato pubblicato in GU (numero 53/20) il Decreto che istituisce il “Fondo di solidarietà bilaterale per attività professionali”.“Una nuova rete di protezione sociale per garantire l’occupazione negli studi professionali. In un momento delicatissimo per le attività professionali, i professionisti hanno finalmente a loro disposizione uno strumento efficace per salvaguardare i livelli occupazionali e gestire le prestazioni di sostegno al reddito”.

Con queste parole il presidente di Confprofessioni, Gaetano Stella commenta l’approvazione di un provvedimento che, dice, “attesissimo e provvidenziale che giunge in piena emergenza Coronavirus”.
“Il decreto ministeriale che istituisce il nuovo Fondo prende le mosse dall'accordo stipulato il 3 ottobre 2017 tra Confprofessioni e le organizzazioni sindacali del settore (Filcams-Cgil, Fisascat-Cisl e Uiltucs) come previsto dal decreto legislativo n.148 del 2015”, continua il presidente di Confprofessioni. 

L'obiettivo del Fondo di solidarietà, ricorda Stella, è quello di garantire ai dipendenti del settore professionale una tutela in costanza di rapporto di lavoro nei casi di riduzione o sospensione dell'attività lavorativa.

Il Fondo sarà applicabile (servono ancora dei passaggi formali da parte dell’Inps) agli studi con almeno tre dipendenti. Il Fondo di fatto erogherà una forma di tutela molto simile alla cassa integrazione (stessi causali e importi) nei casi di sospensione dell'attività lavorativa, in cambio del versamento di un contributo dello 0,45% sulle retribuzioni dei dipendenti (di cui lo 0,15% a carico lavoratore) che sale allo 0,65% (di cui 0,22% a carico lavoratore) negli studi con più di 15 dipendenti.

Fondo che, per via dell’esclusione degli studi con meno di tre dipendenti, interesserà solamente il 30% circa degli studi odontoiatrici stando ai dati presentati dal Servizio Studi ANDI al Workshop di Cernobbio nel 2018, si veda slide sotto. 




Come funziona

Il fondo eroga un contributo economico a favore dei lavoratori, in possesso di anzianità di almeno 90 giorni presso lo studio, interessati da riduzione dell'orario di lavoro o da stop temporaneo dell'attività lavorativa, per le stesse causali della cassa integrazione guadagni, sia ordinaria sia straordinaria. La durata massima è differenziata rispetto al numero di dipendenti dello studio: massimo 12 mesi in un biennio per quelli fino a 15 dipendenti; 12 mesi nel biennio più ulteriori 26 settimane per gli studi con oltre 15 dipendenti. 
Il contributo economico sarà pari all'80% della retribuzione con dei tetti massimi.

Articoli correlati

Confprofessioni ed ANDI contro le dichiarazioni del Ministro Gualtieri a “Piazza Pulita”. Stella (Confprofessioni), visione ottocentesca delle professioni


Stanzianti quattro milioni di euro per fronteggiare l'emergenza negli studi professionali. Sostegno al reddito, smart working e accesso al credito per garantire continuità al lavoro


“Bene la flat tax delle famiglie, ma non lasciamo a metà il lavoro fin qui fatto su professionisti e partite Iva. Bisogna infatti allargare il regime agevolato anche agli studi professionali,...


Callioni: attraverso il finanziamento della formazione sosteniamo gli Studi e alle nuove sfide della professione


Altri Articoli

Il Rapex (sistema comunitario di informazione rapida sui prodotti non alimentari) ribadice l’inutilità ed il Ministero rilancia l’informazione


Secondo l’articolata analisi utilizzata per dare un punteggio agli Atenei, per odontoiatria “vincono” Verona, Insubria e Foggia, per medicina il San Raffaele batte Milano Bicocca


In assenza di tutele pubbliche, queste le possibilità fornite da ENPAM e SaluteMia agli iscritti in caso di contagio e della impossibilità di continuare temporaneamente l’attività


Il Consejo General de Dentistas Spagnolo pubblica delle indicazioni per i cittadini e ribadisce la necessità di modificare la legge sulle società che offrono servizi sanitari


Il presidente del Consiglio, Giuseppe Conte, ha firmato il DCPM che conferma le restrizioni già in vigore con il precedente decreto dell’11 giugno


 
 
 
 
 
 
 
 
 
 

Speciale in Evidenza


 
 
 
 

Corsi ECM

 
 
 
 
 
 

I più letti

 
 

Corsi, Convegni, Eventi

 
 
 
 
 
 
 
 

Guarda i nostri video

Guarda i nostri video

Nuove tecnologie in studio? Le omaggia IDI EVOLUTION