HOME - Normative
 
 
22 Luglio 2020

Contributo a fondo perduto, esclusi anche gli studi associati

Una Circolare dell'Agenzia delle Entrate esclude anche gli studi associati dalla possibilità di richiederlo. Rimane utilizzabile solo per gli studi odontoiatrici organizzati come società


Oltre ai professionisti, ora anche gli studi associati vengono esclusi dal contributo a fondo perduto previsto dal Decreto Rilancio, nonostante in un primo tempo fossero stati indicati tra quelli che potevano accedervi. 

A sancire il “contrordine” è il parere dell’Agenzia delle Entrate, attraverso la circolare 22/E, ritenendo che la formulazione dell’Articolo 25 del D.L. 34/2020 (c.d. Decreto Rilancio) esclude dal contributo i professionisti, “o meglio –spiegano  Alessandro ed Umberto Terzuolo dello Studio Terzuolo Brunero & Associati consulenti fiscali AIO- “include al comma 1 tutti ‘i soggetti esercenti l’attività [...] di lavoro autonomo [...] titolari di partita Iva’ salvo poi escluderli al successivo comma 2”.   

Comma 2 che dispone infatti che “il contributo a fondo perduto [...] non spetta [...] ai professionisti iscritti agli enti di diritto privato di previdenza obbligatoria”.  

Nel Decreto, però, nulla veniva detto sulle Associazioni professionali e forse per quesot motivo che la stessa Agenzia delle Entrate, nella circolare 15/E del 2020 aveva inserito le Associazioni professionali, “di cui all’articolo 5, comma 3, lettera c, del TUIR che esercitano arti e professioni, producendo reddito di lavoro autonomo ai sensi dell’articolo 53 del TUIR”, tra i soggetti ammissibili al contributo.  Agenzia che aveva poi anche fornito un’interpretazione estensiva per i soci di STP (come nel caso di odontoiatri), precisando che la stessa STP poteva richiedere il contributo a fondo perduto anche se i suoi soci erano iscritti a enti di diritto privato di previdenza obbligatoria, condizione di esclusione prevista dal comma 2 dell’articolo 25 del DL 34/2020.  “Certezze” che tali non erano visto che nella risposta 2.10 della circolare 22/E di ieri, le Associazioni professionali non sono incluse tra i fruitori del contributo in quanto composte da soggetti iscritti a enti di diritto privato di previdenza obbligatoria.

Siccome, dice l’Agenzia, gli studi associati sono privi di autonomia giuridica rispetto ai singoli associati, poiché questi ultimi sono esclusi dal contributo, automaticamente lo sono anche le associazioni professionali.

“La posizione dell’Agenzia delle Entrate, a nostro parere, è assolutamente criticabile”, commentano Alessandro ed Umberto Terzuolo.Lo studio associato, come da consolidata giurisprudenza della Corte di Cassazione ribadita da ultimo nella sentenza n. 8768 del 10.4.2018, sebbene privo di personalità giuridica, “rientra a pieno titolo nel novero di quei fenomeni di aggregazione di interessi […] cui la legge attribuisce la capacità di porsi come autonomi centri di imputazione di rapporti giuridici”.

"Quindi -continuano i consulenti fiscali AIO- le condizioni dei singoli soci non dovrebbero essere preclusive per l’accesso al contributo da parte degli studi associati. A supporto ci sarebbe anche la risposta 2.11 (successiva a quella sugli studi associati…) che la stessa Amministrazione ha fornito nella circolare 22/E: qui, l’Agenzia ammette al contributo le società commerciali (nello specifico una s.a.s., priva di autonomia giuridica ma considerata come centro di imputazioni giuridiche soggettive) anche se i loro soci versano in una delle condizioni preclusive di cui al comma 2 dell’art. 25. È inutile sottolineare il senso di sconforto che si può provare di fronte ai tanto attesi aiuti a pioggia che poi, alla fine, non arrivano mai semplicemente per cavilli normativi frutto di interpretazioni “bipolari” dell’Agenzia e non di norme chiare. Purtroppo, essendo la stessa Agenzia il soggetto destinatario delle domande sul contributo a fondo perduto, tentare ora, alla luce della circolare di ieri, una presentazione dell’istanza risulterebbe inutile e potenzialmente anche dannoso, viste anche le sanzioni amministrative e penali che verrebbero irrogate per l’indebita percezione”.

Del tutto insoddisfatto Fausto Fiorile presidente AIO: “In pratica, il contributo a fondo perduto è disegnato sui lavoratori autonomi e sulle partite Iva, ma a patto non siano iscritti a casse professionali ed esclude studi associati privi di personalità giuridica. Un’assurdità che corre il rischio di avvantaggiare le sole società di capitali e catene in franchising. E’ inammissibile che siano esclusi professionisti che operano da sempre sul territorio con serietà e deontologia. Unica nota positiva è che le Società tra Professionisti siano incluse in questa opportunità”.  

_______________________________________________________________________ 

Se hai trovato utile questo articolo e non sei ancora abbonato ad Odontoiatria33, sostieni la qualità della nostra informazione 


Articoli correlati

Anche le spese per le cure odontoiatriche concorreranno al numero di acquisti minimi necessari per ottenere il contributo del 10%. Al via la sperimentazione per il periodo natalizio. 


Per gli aiuti, il settore dentale rimane ancora a bocca asciutta. Sostegni per gli organizzatori di eventi e fiere


E’ oramai chiaro che il Governo in tema di sostengo alle imprese si ispira alla Ruota della fortuna e sperare in una programmazione o in un progetto di rilancio economico...

di Norberto Maccagno


Video intervista al Vice Ministro Sileri ed al Coordinatore del Tavolo prof. Enrico Gherlone. Sarà un Tavolo propositivo che ascolterà tutti. Necessaria massima sinergia e condivisione 


Attraverso i consigli dei dottori Alessandro ed Umberto Terzuolo e le valutazioni “politiche” del presidente AIO Fausto Fiorile abbiamo cercato di dare indicazioni in un webinar che vi...


Altri Articoli

Documento INAIL fornisce indicazioni sulle corrette procedure di utilizzo dei termometri infrarossi senza contatto, utilizzati per il controllo della temperatura corporea 


Anche le spese per le cure odontoiatriche concorreranno al numero di acquisti minimi necessari per ottenere il contributo del 10%. Al via la sperimentazione per il periodo natalizio. 


Finto dentista multato anche per non aver rispettato le norma anti Covid, ora al vaglio la situazione fiscale


L’American Dentist Association ha chiesto al Center for Disease Control and Prevention di includere gli odontoiatri fra i professionisti della salute a cui verrà somministrato il vaccino contro...


Il Consiglio generale della Confederazione ha eletto la nuova giunta esecutiva per il prossimo quadriennio. Alla vice presidenza il notaio Claudia Alessandrelli


 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 

Corsi ECM

 
 
 
 
 
 

I più letti

 
 

Corsi, Convegni, Eventi

 
 
 
 
 
 
 
 

Guarda i nostri video

Guarda i nostri video

Il prof. Burioni spiega come funzionano i test Covid e dà qualche consiglio agli odontoiatri ed igienisti dentali