HOME - Normative
 
 
22 Luglio 2020

Contributo a fondo perduto, esclusi anche gli studi associati

Una Circolare dell'Agenzia delle Entrate esclude anche gli studi associati dalla possibilità di richiederlo. Rimane utilizzabile solo per gli studi odontoiatrici organizzati come società


Oltre ai professionisti, ora anche gli studi associati vengono esclusi dal contributo a fondo perduto previsto dal Decreto Rilancio, nonostante in un primo tempo fossero stati indicati tra quelli che potevano accedervi. 

A sancire il “contrordine” è il parere dell’Agenzia delle Entrate, attraverso la circolare 22/E, ritenendo che la formulazione dell’Articolo 25 del D.L. 34/2020 (c.d. Decreto Rilancio) esclude dal contributo i professionisti, “o meglio –spiegano  Alessandro ed Umberto Terzuolo dello Studio Terzuolo Brunero & Associati consulenti fiscali AIO- “include al comma 1 tutti ‘i soggetti esercenti l’attività [...] di lavoro autonomo [...] titolari di partita Iva’ salvo poi escluderli al successivo comma 2”.   

Comma 2 che dispone infatti che “il contributo a fondo perduto [...] non spetta [...] ai professionisti iscritti agli enti di diritto privato di previdenza obbligatoria”.  

Nel Decreto, però, nulla veniva detto sulle Associazioni professionali e forse per quesot motivo che la stessa Agenzia delle Entrate, nella circolare 15/E del 2020 aveva inserito le Associazioni professionali, “di cui all’articolo 5, comma 3, lettera c, del TUIR che esercitano arti e professioni, producendo reddito di lavoro autonomo ai sensi dell’articolo 53 del TUIR”, tra i soggetti ammissibili al contributo.  Agenzia che aveva poi anche fornito un’interpretazione estensiva per i soci di STP (come nel caso di odontoiatri), precisando che la stessa STP poteva richiedere il contributo a fondo perduto anche se i suoi soci erano iscritti a enti di diritto privato di previdenza obbligatoria, condizione di esclusione prevista dal comma 2 dell’articolo 25 del DL 34/2020.  “Certezze” che tali non erano visto che nella risposta 2.10 della circolare 22/E di ieri, le Associazioni professionali non sono incluse tra i fruitori del contributo in quanto composte da soggetti iscritti a enti di diritto privato di previdenza obbligatoria.

Siccome, dice l’Agenzia, gli studi associati sono privi di autonomia giuridica rispetto ai singoli associati, poiché questi ultimi sono esclusi dal contributo, automaticamente lo sono anche le associazioni professionali.

“La posizione dell’Agenzia delle Entrate, a nostro parere, è assolutamente criticabile”, commentano Alessandro ed Umberto Terzuolo.Lo studio associato, come da consolidata giurisprudenza della Corte di Cassazione ribadita da ultimo nella sentenza n. 8768 del 10.4.2018, sebbene privo di personalità giuridica, “rientra a pieno titolo nel novero di quei fenomeni di aggregazione di interessi […] cui la legge attribuisce la capacità di porsi come autonomi centri di imputazione di rapporti giuridici”.

"Quindi -continuano i consulenti fiscali AIO- le condizioni dei singoli soci non dovrebbero essere preclusive per l’accesso al contributo da parte degli studi associati. A supporto ci sarebbe anche la risposta 2.11 (successiva a quella sugli studi associati…) che la stessa Amministrazione ha fornito nella circolare 22/E: qui, l’Agenzia ammette al contributo le società commerciali (nello specifico una s.a.s., priva di autonomia giuridica ma considerata come centro di imputazioni giuridiche soggettive) anche se i loro soci versano in una delle condizioni preclusive di cui al comma 2 dell’art. 25. È inutile sottolineare il senso di sconforto che si può provare di fronte ai tanto attesi aiuti a pioggia che poi, alla fine, non arrivano mai semplicemente per cavilli normativi frutto di interpretazioni “bipolari” dell’Agenzia e non di norme chiare. Purtroppo, essendo la stessa Agenzia il soggetto destinatario delle domande sul contributo a fondo perduto, tentare ora, alla luce della circolare di ieri, una presentazione dell’istanza risulterebbe inutile e potenzialmente anche dannoso, viste anche le sanzioni amministrative e penali che verrebbero irrogate per l’indebita percezione”.

Del tutto insoddisfatto Fausto Fiorile presidente AIO: “In pratica, il contributo a fondo perduto è disegnato sui lavoratori autonomi e sulle partite Iva, ma a patto non siano iscritti a casse professionali ed esclude studi associati privi di personalità giuridica. Un’assurdità che corre il rischio di avvantaggiare le sole società di capitali e catene in franchising. E’ inammissibile che siano esclusi professionisti che operano da sempre sul territorio con serietà e deontologia. Unica nota positiva è che le Società tra Professionisti siano incluse in questa opportunità”.  

_______________________________________________________________________ 

Se hai trovato utile questo articolo e non sei ancora abbonato ad Odontoiatria33, sostieni la qualità della nostra informazione 


Articoli correlati

Ha lo stesso valore legale di una raccomandata ma si invia (gratis) dal computer. Sarà l’unico modo per comunicare con la PA. Ecco come utilizzarla e richiederla gratuitamente


Troppe richieste: l’Agenzia delle Entrane indica la percentuale spettante per il credito d’imposta. Da oggi è possibile richiedere la cessione a terzi


I sindacati bocciano la decisione di rimborsare solo il 15% delle spese per sanificazione e DPI e sollecitano modifiche in Parlamento


Non ditemi che non c’è stato il tempo, è da fine febbraio che i nostri ragazzi sono a casa e da allora l’obiettivo era trovare il modo per rimandarli a scuola. ...

di Norberto Maccagno


Progetto Cashless: annunciato già per il prossimo dicembre, ma ancora da definire nei dettagli. Queste le anticipazioni dal Ministro Gualtieri 


Altri Articoli

Disponibile la registrazione completa del webinar live dal titolo “Covid-19: ci si può organizzare per una prevenzione più “strutturale” e meno invasiva?”


Due le possibilità per gli iscritti, una applicabile da subito, l’atra solo se i Ministeri vigilanti daranno parere favorevole. Ecco le indicazioni di ENPAM


Il 68,3% ha superato la soglia minima di 20 punti. Dal 25 settembre i candidati potranno conoscere la posizione in graduatoria e capire se rientreranno tra i 1.103 studenti che potranno iscriversi...


In pieno svolgimento il 27° Congresso Nazionale del Collegio dei Docenti Universitari online. Caricati i video di nuovi simposi ed approfondimenti


L’uso prolungato delle mascherine comporterebbe, indirettamente, problemi a gengive e denti. Ecco cosa spiegare ai propri pazienti per rimediare


 
 
 
 
 
 
 
 
 
 

Speciale in Evidenza


 
 
 
 

Corsi ECM

 
 
 
 
 
 

I più letti

 
 

Corsi, Convegni, Eventi

 
 
 
 
 
 
 
 

Guarda i nostri video

Guarda i nostri video

I u201ctrucchiu201d per convivere con il rischio Covid in studio