HOME - Normative
 
 
31 Luglio 2020

Detrazione delle spese sanitarie da parte dei pazienti, una ulteriore complicazione

L’Agenzia delle Entrate indica come comportarsi se il paziente utilizza App che sostituiscono nel pagamento il Pos o la carta di credito


Se l’obbiettivo dichiarato del Governo, con l’introduzione di normative che tendono ad incentivare l’utilizzo della moneta elettronica è quello di ridurre l’evasione, l’applicazione di queste norme da parte dei vari uffici sembra invece tendere se non a disincentivare il contribuente a richiedere la fattura, sicuramente a complicargli la vita, oppure ad evitare allo Stato di “pagare” le detrazioni. 

Già la decisione di rendere detraibili le fatture delle spese sanitarie, “inviate in automatico” dallo stesso medico o dentista al 730 precompilato del contribuente, solo se pagate con strumenti tracciabili, un nuovo parere dell’Agenzia delle Entrate complica ulteriormente la vita del paziente che vorrebbe scaricare dalle tasse quanto permesso, solamente il 19%. 

Il parere riguarda un quesito che chiedeva se poter considerare le varie App che stanno nascendo per poter effettuare pagamenti direttamente dallo smatphone invece di utilizzare bancomat o carta di credito, al pari degli altri pagamenti elettronici. Per l’Agenzia delle Entrate, il pagamento effettuato attraverso queste App può essere paragonato a quello effettuato con Pos o carta di credito ma in caso di verifica, “il contribuente dovrà esibire all'Amministrazione finanziaria in caso di controllo, o ai Caf e ai professionisti abilitati in sede di apposizione del visto di conformità, il documento fiscale che attesti l'onere sostenuto, l'estratto del conto corrente della banca a cui il predetto istituto si è collegato, se riporta tutte le informazioni circa il beneficiario del pagamento e, nel caso da tale documento non si evincano tutte le informazioni necessarie, anche la copia delle ricevute dei pagamenti presenti nell'app”.  

Anche in questo caso può essere utile informare il paziente nel caso effettui pagamenti con questi strumenti.    


_______________________________________________________________________ 

Se hai trovato utile questo articolo e non sei ancora abbonato ad Odontoiatria33, sostieni la qualità della nostra informazione 

Articoli correlati

Una Circolare dell'Agenzia delle Entrate esclude anche gli studi associati dalla possibilità di richiederlo. Rimane utilizzabile solo per gli studi odontoiatrici organizzati come società


Pubblicato finalmente il modulo per presentare la richiesta per il credito, ma ci sono limiti e tetti di spesa. I consulenti fiscali AIO ci spiegano quando e come richiederlo


Pubblicati i dati delle dichiarazioni dei redditi degli studi odontoiatrici del 2019 (reddito 2018), cala il numero degli studi monoprofesisonali e studi associati


Cresce il fatturato mentre cala ancora il numero dei laboratori gestiti dal singolo titolare. Gli unici a crescere numericamente sono i laboratori organizzati in società di capitale


Entro il 31 ottobre si deve confermare la volontà. Un video tutorial spiega come fare per utilizzare il servizio


Altri Articoli

DiDomenica     02 Agosto 2020

Quando vi serve, noi ci siamo

Attraverso il DiDomenica prima della chiusura estiva e quello di fine anno, solitamente cerchiamo di fare dei bilanci sul periodo che si conclude. Ovviamente questa volta non mi...

di Norberto Maccagno


Dal COI corso FAD da 50 crediti per Odontoiatri, Igienisti, Medici di medicina generale, Pediatri, Geriatri, Psicologi, Neurologi, Otorinolaringoiatri, Infermieri


La proroga dell’emergenza penalizza il mondo della formazione, le preoccupazioni di Federcongressi e ECM Quality Network


Savini: “evitano il peggio. Grazie al lavoro di AIO ed ANDI state cassate norme che altrimenti avrebbero imposto adempimenti gravosi agli Odontoiatri”


SIdP pubblica un Consensus sulla corretta strategia di screening odontoiatrico nei pazienti con patologie cardiovascolari. Ne abbiamo parlato con il presidente Landi


 
 
 
 
 
 
 
 
 
 

Annuncio in Evidenza


28 Luglio 2020
Vendo attrezzatura completa per studio odontoiatrico

Vendo attrezzatura completa per ambulatorio odontoiatrico a Santarcangelo di Romagna (Rimini): riunito OMS in ottimo stato, separatore amalgama, compressore e pompa aspirazione, 2 mobili componibili, 2 servomobili, radiologico NOVAXA con testata DE GOTZEN, autoclave TECNO-GAZ classe B con stampante, sigillatrice MELAG, lampada fotopolimerizzante, 4 plafoniere con neon, strumenti per chirurgia orale, conservativa ecc in ottime condizioni. Tutto a norma CE. E 3000,00 COMPRESO SMONTAGGIO E IMBALLAGGIO. Foto inviabili. Per informazioni telefonare a Ricardo 347/4120042 (email: ricardo.ricci@email.it).

 
 

Speciale in Evidenza


 
 
 
 

Corsi ECM

 
 
 
 
 
 

I più letti

 
 

Corsi, Convegni, Eventi

 
 
 
 
 
 
 
 

Guarda i nostri video

Guarda i nostri video

Paziente o cliente, il punto di vista del dentista e del u201cconsumatoreu201d