HOME - Normative
 
 
03 Settembre 2020

Scade lunedì la possibilità per richiedere il Bonus sanificazione

Ancora pochi giorni per presentare la domanda per ottenere il credito d’imposta per DPI, sanificazione e sistemi di protezione. Ecco cosa sapere


Scade lunedì 7 settembre la possibilità di presentare la domanda per ottenere il credito d’imposta sulle spese sostenute (ed in previsione) per l’adeguamento degli ambienti di lavoro, la sanificaizone e l’acquisto di sistemi di protezione.Il bonus è stato introdotto con il decreto Rilancio al fine di “favorire l'adozione di misure dirette a contenere e contrastare la diffusione del Coronavirus”. 


Come funziona 

Viene riconosciuto ai soggetti esercenti attività d'impresa, arti e professioni, agli enti non commerciali, compresi gli enti del Terzo settore e gli enti religiosi civilmente riconosciuti, nonché alle strutture ricettive extra-alberghiere a carattere non imprenditoriale, un credito d'imposta in misura pari al 60% delle spese sostenute nel 2020 (fino ad un tetto massimo di 60mila euro)per la sanificazione degli ambienti e degli strumenti utilizzati, nonché per l'acquisto di dispositivi di protezione individuale e di altri dispositivi atti a garantire la salute dei lavoratori e degli utenti”. 


Per quali spese si può richiedere il bonus 

  • la sanificazione degli ambienti e degli strumenti utilizzati;  
  • dispositivi di protezione individuale, quali mascherine, guanti, visiere e occhiali protettivi, tute di protezione e calzari, che siano conformi ai requisiti essenziali di sicurezza previsti dalla normativa europea; 
  • prodotti detergenti e disinfettanti; 
  • dispositivi di sicurezza quali termometri, termoscanner, tappeti e vaschette decontaminanti e igienizzanti, che siano conformi ai requisiti essenziali di sicurezza previsti dalla normativa europea, ivi incluse le eventuali spese di installazione; 
  • dispostivi atti a garantire la distanza di sicurezza interpersonale, quali barriere e pannelli protettivi, ivi incluse le eventuali spese di installazione.  

Per determinare il valore della spesa per la sanificazione degli ambienti è consigliato esibire apposita certificazione redatta da operatori professionisti sulla base dei Protocolli di regolamentazione vigenti. Se questo può valere per aziende o uffici, risulta improbabile che lo studio odontoiatrico si affidi a esterni per la sanificazione dello studio, visto che le unità operative devono essere sanificate dopo ogni paziente. Non c’è una interpretazione “ufficiale”, ma è opinione comune di alcuni fiscalisti e commercialisti nel ritenere che qualora la sanificazione viene svolto da personale interno nel rispetto dei protocolli vigenti (farà fede il Dvr) il calcolo della spesa si determinerà calcolando le ore dedicate dall’addetto a questa operazione per il suo costo orario. Gli esperti, per avvalorare questa interpretazione, fanno notare che la norma non specifica che il servizio di sanificazione oggetto di bonus debba essere acquistato.  


La domanda 

Si deve presentare in via telematica fino a lunedì 7 settembre indicando le spese sostenute e documentate entro il mese precedente e quanto si “presume” di spendere entro il 31 dicembre 2020. Entro 5 giorni dall’invio della comunicazione, l’Agenzia delle Entrate rilascerà una ricevuta che ne attesta la presa in carico della domanda o l’indicazione delle relative motivazioni per cui non viene accettata.


Sull’argomento leggi anche: 

14 Luglio 2020: Spese per la sanificazione e l’acquisto di dpi, ecco come ottenere il credito d’imposta     

_______________________________________________________________________ 

Se hai trovato utile questo articolo e non sei ancora abbonato ad Odontoiatria33, sostieni la qualità della nostra informazione 

Articoli correlati

Disponibile la registrazione completa del webinar live dal titolo “Covid-19: ci si può organizzare per una prevenzione più “strutturale” e meno invasiva?”


L’uso prolungato delle mascherine comporterebbe, indirettamente, problemi a gengive e denti. Ecco cosa spiegare ai propri pazienti per rimediare


Troppe richieste: l’Agenzia delle Entrane indica la percentuale spettante per il credito d’imposta. Da oggi è possibile richiedere la cessione a terzi


Non ditemi che non c’è stato il tempo, è da fine febbraio che i nostri ragazzi sono a casa e da allora l’obiettivo era trovare il modo per rimandarli a scuola. ...

di Norberto Maccagno


Il Ministero della Salute spagnolo esclude dall’obbligo di quarantena il personale sanitario se ha rispettato i protocolli di prevenzione


Altri Articoli

Disponibile la registrazione completa del webinar live dal titolo “Covid-19: ci si può organizzare per una prevenzione più “strutturale” e meno invasiva?”


Due le possibilità per gli iscritti, una applicabile da subito, l’atra solo se i Ministeri vigilanti daranno parere favorevole. Ecco le indicazioni di ENPAM


Il 68,3% ha superato la soglia minima di 20 punti. Dal 25 settembre i candidati potranno conoscere la posizione in graduatoria e capire se rientreranno tra i 1.103 studenti che potranno iscriversi...


In pieno svolgimento il 27° Congresso Nazionale del Collegio dei Docenti Universitari online. Caricati i video di nuovi simposi ed approfondimenti


L’uso prolungato delle mascherine comporterebbe, indirettamente, problemi a gengive e denti. Ecco cosa spiegare ai propri pazienti per rimediare


 
 
 
 
 
 
 
 
 
 

Speciale in Evidenza


 
 
 
 

Corsi ECM

 
 
 
 
 
 

I più letti

 
 

Corsi, Convegni, Eventi

 
 
 
 
 
 
 
 

Guarda i nostri video

Guarda i nostri video

I u201ctrucchiu201d per convivere con il rischio Covid in studio